"Un po' di Pazienza", Francesco Gravino per Artisti nei Territori

Incontro online con la comunità territoriale per presentare la ricerca sul grande fumettista
"Ogni Terra ha i suoi santi. Ogni generazione ha i suoi eroi. A San Severo abbiamo Andrea Pazienza che è riuscito a rappresentare, in vita, ed ora anche in morte, il destino, le astrazioni, la follia, la genialità, la miseria, la disperazione di una generazione chiamata "quella del 77 bolognese". (Introduzione “Il giovane Pazienza” di Enrico Fraccacreta)

L’artista Francesco Gravino incontra la comunità territoriale, in occasione della ricerca artistica sul grande fumettista italiano Andrea Pazienza, condotta nell’ambito del progetto di Residenza Artisti nei Territori “PASSI Bildungsroman”, a cura del Teatro delle Forche (Mibac / Regione Puglia).
Un evento online, aperto a tutti, durante il quale l’attore Francesco Gravino, coadiuvato dal regista Enzo Toma, tutor di progetto, “restituirà” il suo lavoro, gli esiti della sua ricerca, incentrata sulla produzione di un testo teatrale e finalizzata ad una messa in scena.
All’incontro parteciperà anche Enrico Fraccacreta, anch’egli di San Severo come Gravino e Toma, amico d’infanzia di Andrea Pazienza e autore del libro “Il giovane Pazienza” (Stampa Alternativa – Margini, 2001).
L’iniziativa sarà trasmessa sulla piattaforma Zoom e registrata a fini documentativi e promozionali.
La partecipazione è gratuita ma per un numero limitato di persone.
La prenotazione è obbligatoria. Inviate una mail all’indirizzo info@teatrodelleforche.com, riportando nome, cognome e recapito telefonico. Riceverete il link a cui collegarvi per partecipare.
“L’idea di raccontare Andrea Pazienza – spiega Gravino - è nata da un incontro con un poeta sanseverese, amico d'infanzia di Andrea. Col tempo, è diventata un'esigenza, una voglia di creare e instaurare un dialogo con quanti ancora non conoscono uno tra i più importanti fumettisti italiani.
‘Un po'di Pazienza’ è soprattutto una ricerca della sintesi, delle forme essenziali, dei segni grafici prodotti nei tanti lavori che Andrea ci ha lasciato.
Non ci siamo però soffermati sulle sue opere, né sul significato delle stesse. Ci siamo concentrati sui sentimenti che hanno spinto un genio del fumetto a vivere una vita così in disequilibrio.
Per questo stiamo lavorando su un particolare linguaggio, sul continuo e irrequieto movimento fisico, punti di vista inconsueti che si mescolano in un dialogo con il suo alter ego Zanardi.
Quella di Andrea è una vita intensa, di talento, legami importanti e sguardi sul presente della Bologna fine anni Settanta. Si trasferì lì per frequentare il DAMS, lasciando San Severo, in provincia di Foggia, dopo aver studiato a Pescara.
A Bologna accadrà tutto ciò che lo farà poi diventare Andrea Pazienza, uno dei più grandi fumettisti italiani del secondo Novecento, fino alla prematura scomparsa nel 1988.”

SINOSSI LIBRO “IL GIOVANE PAZIENZA” di ENRICO FRACCACRETA
Tutti coloro che apprezzano Pazienza conoscono la produzione bolognese e la sua vita in quegli anni. In questo libro, invece, si parla dei suoi anni "felici", scanzonati, scapigliati ma, dal punto di vista creativo, altrettanto fervidi. Diversamente fervidi. Il suo più grande amico, compagno di scuola e di disincanto, ce lo fa conoscere giorno dopo giorno fino alla sua partenza da San Severo, verso Pescara per il liceo artistico e poi verso Bologna.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/02/24 17:20:00 GMT+2 ultima modifica 2021-02-24T17:20:17+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?