Residenza artistica - Artisti nei Territori
Arti e Spettacolo – CONTAMINAZIONI

Descrizione

Arti e Spettacolo Impresa Sociale Srl, nasce nel 1994 a L’Aquila come Associazione Culturale. Si occupa di produzione, programmazione, formazione e residenze artistiche nel campo dello spettacolo dal vivo, con particolare riguardo al Teatro. Dal 2018 è una delle 3 residenze Artisti nei Territori della Regione Abruzzo (Art. 43 del FUS) con il progetto di residenza artistica “Contaminazioni“. La sede operativa è lo Spazio Nobelperlapace di San Demetrio ne’ Vestini (piccolo Comune a 13 km. da L’Aquila), inaugurato dopo soli 3 mesi dal terremoto del 2009. Lo Spazio Nobelperlapace è un presidio culturale a servizio di una zona periferica fatta di piccoli Comuni disseminati in un territorio di media montagna. È dotato di una sala teatrale con 100 posti e di una biblioteca delle arti performative con 7.000 volumi. Inoltre Arti e Spettacolo dispone di un archivio multimediale (video e cartaceo) su spettacoli, seminari e conferenze di teatro a partire dagli anni 70, che è in fase di riordino per una sua messa a disposizione della Comunità e degli studiosi. Le sue attività sono da una parte locali (laboratori permanenti, programmazione con la rassegna STRADE giunta alla 16° edizione, attività con gli artisti in residenza) sempre con un’attenzione particolare all’inclusione sociale e all’intergenerazionalità, e dall’altra esterne al territorio con attività di ricerca e sperimentazione nei settori arti-visive, musicale, audiovisivo e multimediale, performativo e spettacolo dal vivo, che si realizzano in ambito di produzioni e residenze artistiche attraverso collaborazioni con artisti ed enti nazionali e internazionali.

Artisti/Compagnie in Residenza nel 2024:

ARIANNA SORCI – ELIANA ROTELLA – ILARIA FELTER con L’ISTRIONICA  

L’Istrionica è un monologo che riflette sul loop temporale che rende i giovani dell’oggi così simili a dei vecchi mai cresciuti, incastrati nella loro solitudine.

Durante la residenza le artiste hanno lavorato in scrittura di scena su temi e materiali elaborati precedentemente e indagato le questioni del lavoro anche attraverso dei momenti di dialogo con gli abitanti del territorio.

Il progetto è stato selezionato dalla call della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, rivolta alla proposte artistiche di diplomati e diplomandi della Scuola, in collaborazione con Arti e Spettacolo.

MARIA VITTORIA BELLINGERI con LA FURIA DELLE SIRENETTE

Olga e Olivia sono sorelle. Sirene. Non gemelle. Sono anzi molto differenti e lo spettatore se ne rende subito conto. Solo loro non se ne rendono conto. Da sempre assieme nella loro casa, che è rifugio ritmato dal moto delle onde, vivono una fusione totale. Olga e Olivia si percepiscono “un mezzo mezzo”- mezzo pesce e mezzo donna ma anche mezzo bambino e mezzo adulto. Vivono il delicato passaggio dall’infanzia all’adolescenza e sono esseri complessi, confusi sulla propria identità.

Ed ecco che la “furia” entra nelle loro vite. La scoperta di un “altrove” al di fuori del loro rifugio, la sensazione di infinito e di infinite possibilità le invade e, irrefrenabili, partiranno alla scoperta del “mondo” rompendo il loro equilibrio per sempre. Così ha inizio il loro viaggio: un’Odissea marina che le condurrà, attraverso l’incontro con variopinti personaggi oceanici, alla scoperta della propria essenza, all’imparare la separazione, l’addio e a prendere il controllo del proprio destino.

Durante la residenza artistica gli artisti hanno lavorato alla costruzione della scenografia, alla creazione dei costumi, alla costruzione dell’impianto elettrico/luminoso della scena, alla programmazione delle luci, alle prove con gli attori. A conclusione del lavoro di residenza gli artisti hanno mostrato il loro lavoro al pubblico.

ARIANNA D’ANGIO’ – VALENTINA CURATOLI – MARTA POLIDORO – EMILIO VACCA con ERAVAMO LIBERI

Il lavoro riguarda la scrittura fisica e poetica dei corpi nello spazio in relazione ai due luoghi/dimensioni ideali di cui si parla nel testo (casa/stazione, interno/esterno), e si esplora il testo aprendo il lavoro ad una nuova scrittura che terrà conto di ciò che fisicamente accade.

I temi della residenza saranno il conforto dei luoghi della memoria, le strategie di una socialità in solitudine, le strategie per la fuga da sé stessi e la fuga dagli altri. Gli incontri in un luogo terzo e mentale dove ciò che è dentro si sovrappone con ciò che è fuori: incontri immaginari, amici immaginari, parenti immaginari.

 

Artisti/Compagnie in Residenza nel 2023:

COMPAGNIA PESO PIUMA con AMAZON CRIME

Quattro settimane a Natale. Un centro di smistamento della Papua Inc., negozio online con sedi in metà del mondo. Nelle brevi pause fra gli estenuanti turni di lavoro affiorano le storie dei personaggi: tra loro si chiamano con soprannomi, perché i nomi non li ricordano più. Le storie dei personaggi si intrecciano con quelle vere legate al mondo di Amazon. Per questo progetto di residenza la compagnia Peso Piuma prosegue il proprio percorso di ricerca e approfondimento con i seguenti obiettivi:

• approfondimento del lavoro scenico (definizione, approfondimento, sintesi);
• a fronte di un percorso già avviato di analisi e ricerca – con un focus sul lavoro attorale -, composizione di una drammaturgia scenica completa di tutte le sue componenti essenziali (atmosfere, luci, proiezioni, musica, elementi scenografici);
• condivisione dei risultati del percorso con il pubblico, confronto sulle tematiche trattate, feedback sensibile e immediato.

ERIKA SCARCIA – SERENA DI GREGORIO con SORELLACCE progetto vincitore del bando OBIETTIVO ABRUZZO 

Due Sorelle. Un unico male. Un male Universale, sociale, social, che prima o poi tutti hanno provato nella vita, anche per un solo istante: l’invidia. L’invidia, questo peccato capitale che si fa fatica a nominare e ammettere, perché in esso di fondono insicurezze, gelosie, giudizi e pregiudizi. Un sentire difficile da accettare e da mandare via, quando prende il sopravvento nella vita stessa, privandovi dell’opportunità di viverla, poiché impegnati a “vivere” quella degli altri. Durante il primo periodo di residenza Erika e Serena hanno l’opportunità di intervistare persone del luogo, lavorare al testo e alle improvvisazioni sull’argomento e incrementare il lavoro di ricerca con materiale video/audio, immagini, suoni e musiche, mentre nel secondo periodo il lavoro si concentra sull’allestimento scenico e sulla memoria del testo.

DAVIDE RASETTI TRIO con CONCEPIAMO INSIEME

Durante il periodo di residenza il Trio crea un’opera che verrà costruita unendo le capacità artistiche dei tre musicisti e la musica con il teatro. Si tratta di una nuova idea di creazione, poiché fino ad ora le composizioni sono state ideate da Davide Rasetti. La residenza prevede una full immersion nella creazione collettiva e una collaborazione con le competenze teatrali dell’ente ospitante per una creazione interdisciplinare tra teatro e musica.

COMPAGNIA ORTIKA con ITALIA90 progetto selezionato dal bando CURA

Italia90 è un dialogo tragicomico di tre generazioni al femminile. Al capezzale di nonna Italia che compie 90 anni si discute di lavoro, istruzione, cura, riproduzione, speranza e qualità di vita. Madre, Nonna, Nipote. Sullo sfondo i dati Istat che indicano il blocco del futuro delle generazioni nate alla fine del secolo scorso: incastrate dalla Storia, non più giovani, cresciute senza diventare adulte. Alla disperata ricerca di uno spazio, di un ruolo. In questo interno di periferia deflagrano le linee di conflitto di un intero Paese. Durante la residenza la compagnia lavora sulle tematiche dello spettacolo, sulla ricerca per la messa in scena, sulla messa a punto delle scene del testo, sul montaggio di uno studio scenico in coordinamento tra il lavoro attorale, registico, di suono e luci dello spettacolo che debutterà nei mesi successivi.

COMPAGNIA PETRA con SWEET SPOT

Sweet Spot è un progetto artistico nato da uno studio di Michele Mario Pepe (tecnico del suono e sound designer) e Mariagrazia Nacci (performer e coreografa) sul comportamento e la propagazione di un’onda sonora nel suo “sweet spot” e sulle possibilità di indagare la spazialità del suono attraverso il linguaggio della danza contemporanea. Rappresenta il punto, l’area ottimale in cui si crea la combinazione ideale di determinati fattori e/o qualità che permettono il raggiungimento di un obiettivo. Durante la residenza artistica la compagnia prevede le seguenti azioni: • Approfondimento del team sul tema; •  Lavoro in sala sul corpo e il suono; •  Momenti di incontro e confronto con la comunità: condivisione della tematica, interviste, training di movimento, pratica guidata di scrittura “il mio sweet spot” e danza; brevi nozioni di psicoacustica e propagazione del suono.

CIRCOLO BERGMAN con LA MIA FIGURA CAPOVOLTA NELLO SPECCHIO

Circolo Bergman porta avanti da tempo una ricerca sul nostro rapporto con l’immagine, la fotografia e la memoria, che si è concretizzata una prima volta nello spettacolo Bilderatlas. Il progetto La mia figura capovolta nello specchio sviluppa ulteriormente questo tema, confrontandosi con l’opera di Francesca Woodman. La giovanissima fotografa, scomparsa prematuramente, ci ha lasciato una serie di immagini e appunti che mettono profondamente in questione la relazione con la propria immagine nello spazio e nel tempo. A partire da questi materiali, durante la residenza Circolo Bergman si concentra sulla costruzione di un dispositivo scenico che metta in relazione testo, movimento e videoproiezione, interrogando il corpo dei performer all’interno di uno spazio ibrido che mescola e ricompone diversi linguaggi.    

 

 

Contatti

Arti e Spettacolo Impresa Sociale s.r.l. Sede legale: Via Saragat, Casa del Volontariato, 67100 L’AQUILA Sede operativa: Via Jacopo da Sinizzo, 67028 SAN DEMETRIO NE’ VESTINI (AQ) Web: https://www.artiespettacolo.org/ e-mail: info@artiespettacolo.org tel/cell :  +39 348 6003614

Indirizzo
Via Jacopo da Sinizzo, 67028 San Demetrio ne' Vestini (AQ), Italia
Telefono
+39 348 6003614

Dove siamo