Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Mappa delle residenze artistiche

Sulla mappa sono rappresentate  le posizioni  delle residenze artistiche, consultabili cliccando direttamente su ciascuna posizione oppure filtrando per Regione o per Ambito di attività.

Tutti i link testuali alle schede delle residenze artistiche si trovano nella sezione:

Elenco delle residenze artistiche

  • Dalla sua formazione il CID Centro Internazionale della Danza di Rovereto ha da sempre ospitato artisti e coreografi italiani ed internazionali mettendo loro a disposizione sale danza, attrezzature, un ambiente pronto al confronto con altri artisti e creativi e la messa a disposizione di un tutoraggio.
    Gli artisti in residenza creativa possono sviluppare e dar vita a un nuovo progetto oppure perfezionare e ultimare un lavoro già esistente.

    Fin dalla sua nascita, il CID Centro Internazionale della Danza crede fortemente nel processo artistico legato alle residenze creative in quanto metodo di produzione d’arte contemporanea per lo sviluppo di competenze mirate per portare il lavoro delle compagnie a una maggiore consapevolezza e qualità artistica. Le residenze artistiche rappresentano un metodo alternativo e virtuoso per l’utilizzo degli spazi e sono uno strumento importante per la valorizzazione del patrimonio culturale nazionale.

    Il CID inoltre è membro, insieme ad altri numerosi partner italiani, del Network Anticorpi XL che supporta e promuove la giovane danza d’autore.

    Il CID si impegna a relazionarsi con soggetti che nelle altre regioni offrono spazi di residenza per favorire la mobilità tra gli artisti e le formazioni.

    Obiettivo A

    L’obiettivo promosso dal CID Centro Internazionale della Danza è assicurare attraverso la messa a disposizione dei propri spazi e talvolta di contributi mirati, opportunità artistiche, attraverso periodi e processi di lavoro dedicati alla genesi, allo sviluppo e al potenziamento di progetti creativi, al confronto, alla ricerca e alla qualificazione delle professionalità artistiche coinvolte.

    Permettere quindi ai giovani artisti di dar vita ad un processo creativo di ricerca, studio ma anche di confronto e scambio. L’attività formativa orientata alle residenze, ha come obiettivo lo sviluppo  di competenze mirate a valorizzare e consolidare la produzione artistica.
    Al termine della residenze creative è possibile per le compagnie presentare un primo studio o work in progress come momento di confronto e feedback aggiuntivo per portare il lavoro del coreografo a una maggiore consapevolezza e qualità artistica. Alla prova aperta sono invitati giornalisti, critici del settore, coreografi e insegnanti. Anche il pubblico è coinvolto nell’attività di feedback, per esprimere il proprio parere in un momento di confronto/dibattito successivo alla performance.

    Residenze in programma nel 2017

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Centro Internazionale della Danza
    Corso Rosmini, 58 - 38068 Rovereto (TN)
    Telefono: 0464 431660
    Email: cid@centrodelladanza.it
    Website: www.centrodelladanza.it

    45.8909 11.04104
  • La compagnia nasce nel 1980, riconosciuta dalla Regione Toscana e dal Ministero, nella sua attività produttiva tende alla multidisciplinarietà dei linguaggi e a creare un teatro per tutti ma di alta qualità. Tramite la residenza al Teatro delle Arti pratichiamo un modello europeo di proposta dello spettacolo dal vivo attraverso varie forme di teatro urbano con le seguenti caratteristiche: incrocio dei vari linguaggi (teatro, cinema, danza, arte, fotografia); proposte per tutte le generazioni di spettatori; attività di ospitalità; formazione a vari livelli, sia dentro il teatro che nelle scuole.

    Obiettivo B

    Teatro popolare d’arte è parte di un gruppo sperimentale di lavoro: Quadrato - Ecosistema Teatrale Toscano, composto dalle 4 residenze già associate nel progetto In_Box (TPA, Elsinor, Giallomare, Catalyst) che concordano di rendere complementari le programmazioni di spettacoli di giovani compagnie, mettere in relazione produzione e formazione, implementare la formazione degli spettatori e condividere questioni tecnico-gestionali. Alla circuitazione si affiancherà un’azione di importante visibilità tramite il progetto sul web, Sonar una piattaforma che renderà visibili ai professionisti registrati (attualmente 1.300) il lavoro delle giovani compagnie facilitando domanda e offerta. Faremo inoltre circuitare le opere di artisti under 35 nelle nostre sedi di residenza, per consolidare la dimensione lavorativa delle compagnie all’interno del mercato teatrale nazionale, con una particolare attenzione ai linguaggi multidisciplinari.

    Obiettivo C

    Il progetto del Teatro popolare d’arte tende al consolidamento di un processo già in corso presso il Teatro delle Arti di Lastra a Signa: la stabilizzazione definitiva di una comunità di artisti della scena che lavora per la creazione di testi e spettacoli originali attraverso un progetto triennale dal titolo "Dopo Salò" che tende all'ampliamento e alla qualificazione ulteriore dei nostri pubblici. All’evento produttivo del 2015 dal titolo "Arcitaliani" scritto da Massimo Sgorbani e diretto da Gianfranco Pedullà, sono stati associati vari incontri formativi presso l’Università di Firenze, l’Accademia di Belle Arti e l’Istituto superiore di Scandicci, tramite interventi dei suddetti presso gli istituti, invito alle prove aperte, incontri con la compagnia. È stata inoltre realizzata una retrospettiva cinematografica su Pasolini presso la sede della nostra residenza, con  interventi di formazione sul pubblico a cura di Pedullà e altri.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Mascarà Associazione Culturale
    Via Matteotti, 8 - 50055, Lastra a Signa (FI)
    Telefono: 055 8720058
    Email: tparte@dada.it
    Website: www.tparte.it

    43.769093 11.106351
    • Teatro di prosa
  • AiEP è una realtà artistica che ha fatto delle nuove tecnologie un punto di ricerca espressiva attenta all’innovazione del linguaggio e centrata su contenuti attuali come quello della percezione del proprio corpo nei confronti dell’ambiente virtuale. In oltre vent’anni di attività i direttori artistici, Ariella Vidach (coreografa e danzatrice) e Claudio Prati (videoartista), hanno esplorato l’utilizzo dei media interattivi nella performance svolgendo, presso la loro sede di Milano - Fabbrica del Vapore - un importante ruolo di formazione e diffusione attraverso le residenze produttive per giovani autori.

    Obiettivo A

    Il progetto Naocrea ha come obiettivo la realizzazione di residenze d’artista per autori under 35, affiancati nel percorso creativo da un team interdisciplinare, composto da professionisti attivi nella performing art, nella danza, musica, design, media art e nella ricerca sociale che contribuiscono ad approfondire ed elaborare assieme agli artisti, i temi scaturiti nel corso delle varie fasi della produzione. Il progetto prevede la restituzione sotto forma di studi aperti al pubblico, delle varie tappe produttive della performance fino alla versione conclusiva. Sono previsti periodi di residenza, diverse tipologie di laboratori orientativi (multidisciplinarietà e creazione, ricerca sociale e territoriale) workshop, accompagnamento del pubblico alle presentazioni dei progetti residenziali.

    Obiettivo B

    Si è definito un progetto di collaborazione con alcune delle realtà italiane per programmare i risultati delle residenze nelle reciproche sedi a partire da ottobre 2015. Per il momento l’adesione all’iniziativa comprende le seguenti associazioni: Udine _ Arearea (Marta Bevilacqua) | Tuscania _ Vera Stasi (Silvana Barbarini) | Teatro Studio Foce Lugano (Svizzera) | Siena _ Confi.dance Festival (Compagnia Francesca Selva) | Cagliari _ Autunno Danza (Momi Falchi) | Dance Center Zagabria (Mirna Zagar) | Grecia _ Kinitiras. | L'Aquila _ Gruppo E – Motion (Francesca La Cava).

    Obiettivo C

    All'interno del progetto residenziale NAO CREA 2015 sono previste attività aperte sia al pubblico giovane che ai residenti. Saranno inoltre organizzate performance dei giovani residenti nel territorio per rafforzare la relazione tra i giovani autori residenti e il pubblico territoriale, come interviste, momenti di interazione e condivisione con il pubblico. Ariella Vidach – AiEP ha collaborato nel 2015 per il progetto residenziale e artistico 2015 con le seguenti realtà del territorio: Uovo Performing Arts Festival, FDVLAB Associazione Laboratori Fabbrica del Vapore, Macchinazioni Teatrali, IT Festival, Associazione Diamocilamano (promozione dell’integrazione della comunità Cinese a Milano), Festival Danae, Associazione Il Fischio.doc., Associazione di ricerca sociale Codici.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    AiEP - Associazione culturale Ariella Vidach
    Via Procaccini, 4 (Fabbrica del Vapore) - 20010, Milano (MI)
    Telefono: 02 3450996
    Email: info@aiep.org
    Website: www.aiep.org

    45.4840705 9.1754551
    • Multidisciplinare
    • Danza
  • Nata a Londra nel 1996, Catalyst è un'impresa culturale che risiede dal 2005 al Teatro Corsini di Barberino di Mugello (Fi) sviluppando, grazie al contributo dell'Amministrazione Comunale, Regione Toscana, Ministero dei Beni Culturali e Unione Europea, progetti di produzione, formazione, ospitalità, collaborazioni produttive e residenze creative che le hanno permesso di radicarsi nel territorio, con lo sguardo sempre rivolto all'Europa. Attività legate dall'idea di un “Teatro Etico”, per cui il luogo teatro si trasforma nello spazio della condivisione, per gli artisti e per il pubblico; dove si lavora con e per le nuove generazioni, intervenendo in modo politico sul reale.

    Obiettivo B

    Catalyst è parte di un gruppo sperimentale lavoro che anima Quadrato. Ecosistema Teatrale Toscano, un'azione mirata all'interno di In-Box Project dedicata al sostegno delle compagnie emergenti e/o under 35 tramite circuitazione regionale e interregionale delle opere. Un'opera di tutoraggio incentrata sull'aumento di visibilità di artisti e compagnie attraverso una piattaforma web dedicata (www.ilsonar.it) e volta allo sviluppo della dimensione lavorativa delle compagnie e al loro proficuo inserimento nel mercato teatrale.

    Obiettivo C

    I Keyworkers | Formando Performando
    Articolato in percorsi educativi rivolti alle nuove generazioni, in particolare a tutti gli studenti e i docenti dell'Istituto Comprensivo di Barberino, il progetto si sta ampliando sull'intero territorio del Mugello. Spettacoli, laboratori multidisciplinari, incontri didattici, percorsi di educazione alla visione per una proposta continuativa di “teatro a scuola” che hanno reso il luogo teatrale un ulteriore spazio per la didattica.
    Queste in estrema sintesi le linee di azione:

    • coinvolgere nelle scelte educative: creazione di una Commissione composta da Teatro, Scuola, Amministrazione e Famiglie;
    • il Teatro in classe: ciclo di incontri e laboratori precedenti e successivi alla visione degli spettacoli in mattinée;
    • educazione alla teatralità: "A Lezione di Teatro. Lezioni -spettacolo per la scuola dell'infanzia, primaria e secondaria";
    • il Teatro lo facciamo noi: laboratori teatrali;
    • approccio ai diversi linguaggi della scena: laboratori di Teatro e Musica, Teatro Inglese, laboratori di Cinema e Laboratori di educazione alla visione della Danza;
    • oltre la scena: percorsi alla scoperta degli spettacoli serali.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Catalyst Associazione Culturale
    c/o Teatro Corsini
    Via della Repubblica, 3 - 50031, Barberino di Mugello (FI)
    Telefono: 055 331449
    Email: direzione@catalyst.it
    Website: www.catalyst.it

    44.0005978 11.2384624
    • Teatro di prosa
  • Associazione K. nasce nel 2009 dal lavoro congiunto di tre compagnie milanesi che insieme hanno dato vita alla prima esperienza in Italia di residenza multipla presso lo Spazio MIL di Sesto San Giovanni (MI). Oggi fanno parte di Associazione K. circa 25 soci tra singoli artisti e operatori culturali che compongono al loro interno diversi nuclei artistici. Associazione K. ha come obiettivo la creazione di un business model sostenibile, basato sulla condivisione di risorse sia economiche che umane, sperimentando sistemi di organizzazione congiunta e di economie virtuose. Da dicembre 2014 Associazione K. è gestore di Manifattura K., uno spazio a Pessano con Bornago (MI), un hub di sperimentazione artistica, ma in costante contatto con il territorio di riferimento, un luogo in cui si ospitano rassegne, laboratori e progetti di avvicinamento, coinvolgimento e formazione del pubblico, residenze artistiche.

    Obiettivo A

    Il progetto di Associazione K. si sviluppa su due linee di intervento che si intersecano nell’attraversamento dello spazio di residenza - Manifattura K. - inteso sia come spazio architettonico di forte identità, che come luogo geografico e sociale. Le due linee di intervento sulle quali si sviluppa il progetto sono:

    1. Residenze Welcome Home ovvero compagini artistiche e artisti in residenza che non sono soci di Associazione K.
    2. Residenze Home Sweet Home ovvero compagini artistiche e artisti in residenza soci di Associazione K. Questa modalità risponde alla natura di Associazione K. di vero e proprio hub culturale, che vede ogni singolo nucleo interno sviluppare e perseguire la propria poetica, il proprio linguaggio e la propria identità artistica, in relazione con il territorio di riferimento e con compagnie e artisti esterni che hanno attraversato e attraverseranno Manifattura K. Tanto per le Residenze Welcome Home che per quelle Home Sweet Home si è proceduto con una valutazione dei progetti secondo alcuni parametri definiti dal Direttivo in collaborazione con la direzione curatoriale in base alle esigenze artistiche e gestionali interne e su indirizzi culturali in linea con i territori di riferimento e con l’Europa.
    3. Residenze brevi Guest House ovvero brevi periodi di lavoro presso Manifattura K. [Non inserite nel progetto finanziato Art. 45]

    Obiettivo B

    Gli spettacoli inseriti nella programmazione di Manifattura K. si caratterizzano per elementi di contemporaneità e multidisciplinarietà volti soprattutto ad un rinnovamento del contatto con il pubblico. Il linguaggio è l’elemento che caratterizza i lavori inseriti nel progetto, denominatore comune per un lavoro sulla contemporaneità dei temi e della forma artistica. Tutti gli spettacoli si caratterizzano infatti per un lavoro di commistione tra linguaggio aulico/poetico e linguaggio del quotidiano.

    Obiettivo C

    L’insediamento della residenza sul territorio pessanese ha evidenziato una scarsa abitudine dei cittadini a fruire di proposte culturali, una carente conoscenza dei differenti linguaggi artistici e quindi un’insufficiente consapevolezza nei processi legati alla scelta e alla partecipazione ad eventi legati allo spettacolo dal vivo. Per queste ragioni Associazione K. ha avviato dal 2015 presso Manifattura K. una serie di attività di formazione e di educazione del pubblico, come anche una serie di iniziative di incontri informali, di conoscenza, di presentazione reciproca, prove aperte gratuite, laboratori per bambini e adulti amatori, serate “partecipate”, piccoli incontri di approfondimento sui linguaggi delle performing arts e molto altro ancora. 

    icona photogalleryVai alla photogallery 

    Contatti

    logo manifattura

    Piazza della resistenza - 20060, Pessago con Bornago (MI)
    Website: www.manifatturak.it - mailto:info@manifatturak.it

    45.544759 9.3893892
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
    • Danza
  • La Corte Ospitale è un centro di produzione teatrale attento ai nuovi linguaggi della scena contemporanea.

    L'Associazione ha sede a Rubiera all'interno di un complesso monumentale del XVI secolo adibito nel 2.000 a polo culturale, a seguito di un attento restauro che lo ha dotato di attrezzature tecnologiche all'avanguardia.

    All'interno della Corte Ospitale si trovano quattro sale prove, una foresteria di circa settanta posti letto e una cucina. La Corte Ospitale si configura quale luogo ideale per la produzione teatrale, grazie anche allo scambio e al dialogo che si crea tra gli artisti in residenza.

     

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    La Corte Ospitale
    Via Fontana, 2 - 42048, Rubiera (RE)
    Telefono: 0522 621133
    Email: info@corteospitale.org
    Website: www.corteospitale.org

    44.660168 10.788433
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
    • Danza
  • La compagnia Teatro dei Venti nasce a Modena nel 2005, svolge la sua attività in tre ambiti diversi, ma correlati: produzione di spettacoli, progettazione in ambito socio-culturale, formazione. Membro del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna, svolge laboratori permanenti presso il Carcere di Castelfranco Emilia e il Carcere di Modena. Sempre in ambito sociale promuove progetti di Cooperazione Internazionale e nel campo della Salute Mentale in collaborazione con l'Azienda Sanitaria Locale. Dal 2012 organizza Trasparenze > Festival e Residenze.

    Obiettivo A

    Nel corso del 2015 verrà realizzato un programma di residenze rivolto a quattro Compagnie, per lo sviluppo e la pratica delle idee e degli obbiettivi alla base di Trasparenze>Residenze: favorire la produzione artistica di compagnie non titolari di residenza; favorire lo scambio artistico tra le diverse Compagnie e gli operatori del settore; realizzare l'incontro e lo scambio tra le Compagnie e pubblico; favorire lo sviluppo di un nuovo pubblico attraverso il progetto “Konsulta”; favorire attività laboratoriali anche con le realtà con cui Teatro dei Venti opera già dalla sua fondazione: corsisti, Dipartimento di Salute Mentale di Modena, Comune di Modena - Quartiere 2, Casa Protetta per anziani San Giovanni Bosco.

    Obiettivo B

    Open Circle Novi Sad e Leviedelfool sono sue Compagnie emergenti non titolari di residenza giovanissime i cui membri non superano i 35 anni di età. Inserendo queste due Compagnie del Programma di residenze artistiche l'intento è quello di favorire il lavoro e la creatività delle nuove realtà artistiche, mettendo a disposizione i mezzi di comunicazione necessari e l'assistenza da parte della Compagnia titolare di residenza, per lo sviluppo e la divulgazione delle nuove creazioni.

    Obiettivo C

    Elemento importante di Trasparenze – Festival e Residenze è la costituzione e la partecipazione attiva della #Konsulta, una commissione di selezione e valutazione costituita da ragazzi dai 16 ai 25 anni che ha partecipato a Trasparenze sin dalla fase di selezione degli spettacoli. Attraverso il programma di Residenze Artistiche 2015, verrà favorito l'incontro tra i membri della Konsulta e le Compagnie al fine di sviluppare l'obiettivo di un percorso di rinnovamento del pubblico teatrale tradizionale e di sensibilizzazione dei giovani, ovvero il pubblico di riferimento del futuro.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatro dei Venti
    Via San Giovanni Bosco, 150 - 41121, Modena (MO)
    Telefono: 059 7114312
    Email: organizzazione@teatrodeiventi.it
    Website: www.teatrodeiventi.itwww.trasparenzefestival.it

    44.6454212 10.9406654
    • Teatro di prosa
  • Ilinx nasce nel 1999 e si costituisce come associazione culturale nel 2001 configurandosi come realtà prettamente teatrale.

    Dal 2009 l’associazione ilinx dà vita a ILINXARIUM - residenza teatrale selezionata all’interno del Progetto ETRE di Fondazione Cariplo realizzata in collaborazione con il Comune di Inzago, diventando un importante centro di produzione e formazione teatrale.

    Dal 2012 l’attività dell’associazione si distingue in tre filoni principali e paralleli: produzione, formazione e organizzazione.

     

     

     

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Ilinx Associazione culturale
    Via Besana, 11 - 20065, Inzago (MI)
    Telefono: 029 1091181
    Email: organizzazione@ilinx.org
    Website: www.ilinx.org

    45.5416338 9.4831083
    • Multidisciplinare
  • Centrale Fies è un centro di creazione e produzione delle arti contemporanee come performing art, exhibit, site specific, video ed ogni forma di spettacolo dal vivo, di eventi come festival, esposizioni, manifestazioni; ma è anche una location davvero unica in grado di ospitare le compagnie che hanno bisogno di spazi loro nel quale poter lavorare, di realizzare progetti originali in un luogo sicuro, protetto, attrezzato e gestito da personale altamente competente.

    Dal 2000 è un innovativo esempio di salvaguardia, recupero e re-invenzione di un bene collettivo ora spazio adibito alla produzione di nuove forme di creatività, ambientate tra turbine tuttora in funzione e spazi che hanno conservato i nomi delle originarie sale macchine. Nasce in Trentino negli spazi dati in comodato da Hydro Dolomiti Energia, e ad oggi è: Centro di residenza per artisti (AUGMENTED RESIDENCY); Hub culturale rivolto al settore pubblico e ad aziende private (FIES CORE); incubatore per artisti italiani (FIES FACTORY); free school estiva internazionale per artisti e ricercatori nel mondo della live art (LIVE WORKS); sede di un festival trentennale di arti performative (DRODESERA); membro dei progetti europei APAP e FIT.

    Obiettivo A

    Obiettivo delle residenze è principalmente quello di creare nuove opportunità artistiche, attraverso periodi e processi di lavoro dedicati al confronto, al consolidamento e al potenziamento di progetti creativi, alla ricerca e alla qualificazione delle professionalità artistiche coinvolte. Nel 2016 verranno ospitati più di 50 tra artisti, creativi, performer, curatori, maieuti. Oggi sosteniamo i giovani artisti curandone le produzioni, ospitandogli negli spazi e fornendo loro servizi di assistenza tecnica, gestionale ed organizzativa, di tutoraggio e in alcuni casi di fund raising e di supporto amministrativo. Nel 2015 alle compagnie ospitate nel’elenco sottostante è stata offerta assistenza tecnica e organizzativa per la gestione della residenza e supporto artistico nello sviluppo del progetto.

    Obiettivo B

    L’obiettivo viene attuato oltre che attraverso la programmazione negli spazi di Centrale Fies di spettacoli degli artisti, anche attraverso il sostenimento attivo della Factory di Fies, un gruppo di giovani artisti che appoggiamo mediante le produzioni e la loro ospitalità nelle residenze. Centrale Fies vuole valorizzare le giovani compagnie e gli artisti emergenti sostenendo la circolazione delle opere, la loro riconoscibilità attraverso un inserimento nel mercato nazionale ed internazionale incisivo.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

     

    Località Fies, 1 - 38074, Dro (TN)
    Tel. 0464 504700
    Email: info@pec.centralefies.it
    Website: www.centralefies.it

    45.9603668 10.9101973
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
    • Danza
  • Il Centro Teatrale MaMiMò è un gruppo di lavoro stabile, che attraverso una continua attività di perfezionamento e scambio artistico, costituisce un punto di riferimento teatrale produttivo di rilevanza nazionale, e un modello di aggregazione culturale sul territorio. È costituito come associazione di promozione sociale (A.P.S.) dal 2004 e dal 2012 è sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna come Organismo di produzione di spettacolo attraverso la L.R. 13/1999.
    Gestisce un teatro pubblico comunale, il Teatro Piccolo Orologio di Reggio Emilia, e ha costruito nel tempo una Scuola di Teatro profondamente radicata nel territorio che ad oggi conta oltre 400 iscritti di tutte le età e collaborazioni con più di 30 istituti scolastici. Fa capo all’associazione una Compagnia di produzione teatrale, riconosciuta dal Ministero dei Beni culturali e del Turismo come impresa under 35, che produce spettacoli di prosa, teatro ragazzi ed eventi culturali. Il Centro Teatrale MaMiMò pone grande cura all’impegno sociale, ai giovani, alle relazioni tra gli individui, alla dignità della persona, e ai grandi temi dell’attualità. Una grande attenzione é riservata all’educazione, poiché MaMiMò crede che la pedagogia unita alla cultura sia la chiave di accesso a un futuro migliore, e per questo deve essere un percorso riservato a tutti, dove ognuno può scoprire se stesso e acquisire più strumenti per nutrire l’immaginazione e comprendere la realtà che lo circonda. Proprio per questo spesso la forma artistica scelta è quella di un teatro colto e popolare insieme, atto collettivo di un ensemble riunito da una visione comune. Il direttore artistico è Marco Maccieri, attore e regista che ha collaborato con numerosi maestri tra i quali Luca Ronconi, Massimo Navone, Gabriele Vacis, Maurizio Schmidt, Dominique Pitoiset, Daniele Abbado, Massimo Popolizio, Anatolij Vasilijev.

    Il Teatro Piccolo Orologio

    Il Teatro Piccolo Orologio fa parte del Casino dell’Orologio viene ricavato, nel 1981, nello spazio che prima era adibito a fienile. Il primo gruppo ad utilizzarlo fu il Teatro Zazù per le prove del proprio spettacolo. Nel 1982 fu destinato a Centro Giovani - TOPO - con la specializzazione: Teatro. Successivamente viene affidato in convenzione all'Atelier Charivarì condotto da Herbert Thomas che, unitamente ad alcuni gruppi di base, lo gestisce fino al 1991. Dal 1992 è stato gestito dall'Associazione culturale "5T" e nel 2011, tramite bando pubblico, la gestione del teatro è passata all'Associazione Centro Teatrale MaMiMò. Intimo e raccolto teatro, nella prima periferia di Reggio Emilia, può ospitare 99 spettatori. La foresteria è a pochi minuti dal Teatro, raggiungibile sia a piedi che in auto.

    icona photogallery

     

    Vai alla photogallery

     

    Contatti

    Associazione Centro Teatrale MaMiMò
    Teatro Piccolo Orologio (sede operativa)
    Via J.E. Massenet, 23 - 42124 Reggio Emilia
    348 3620171 - 0522 383178 - ufficiostampa@mamimo.it - www.mamimo.it 

    44.697771 10.608605
  • Il Teatro Félix Guattari è il primo spazio dedicato al Contemporaneo nella città di Forlì.

    Un tempo filanda della seta, dal 2000 sede della compagnia Masque Teatro, ha vissuto un’importante ristrutturazione per la riqualificazione a luogo adibito a pubblico spettacolo in grado ora di accogliere 150 spettatori. Il Félix Guattari si offre come spazio di condivisione di esperienze e di saperi.
    È da sempre un luogo dedicato alla ricerca, all’ospitalità di artisti e studiosi, alla produzione di spettacoli.

    Sin dai primi anni è la sede principale del festival Crisalide. Diverse le manifestazioni dedicate alle arti performative ospitate (Premio Extra 2008 dedicato ad artisti under 35 -  Festival Mondo 2009-2010 in collaborazione con il Ministero della gioventù, ANCI, GAI, GA/ER, Comune di Forlì).

    Dal 2015 il Guattari è diventato il teatro di riferimento della Stagione di Contemporaneo del Teatro Comunale Diego Fabbri di Forlì.
    A poche centinaia di metri dal teatro si trova la foresteria per l’accoglienza delle compagnie ospiti e in residenza.

    Masque Teatro

    Masque Teatro (1992). Sin dai primi anni di attività la compagnia si è distinta nel panorama nazionale ed internazionale (1993, Festival di Santarcangelo per Sarajevo; 1994, Mayfest di Glasgow) per la produzione di spettacoli che hanno aperto una possibilità che identifica  non solo una cifra stilistica ma anche una nuova modalità produttiva ed una rinnovata relazione con il pubblico. La forza visionaria del loro teatro si esprime nel complesso dialogo che la compagnia sviluppa tra il discorso filosofico, la creazione di prodigiose architetture sceniche e il fondamentale ruolo della Figura.
    Premio Gabbiano d’argento (1997), Festival Anteprima Cinema Indipendente Bellaria (1997), Premio Produzione Festival Riccione TTV (1998), Premio Ubu speciale della giuria (2000) , Premio Francesca Alinovi all’attività artistica (2002).Dal 1994 sono ideatori e organizzatori del Festival Crisalide.
    Nel 2014 assieme ai filosofi Carlo Sini e Rocco Ronchi danno vita a “PRAXIS - Scuola di Filosofia”. Nel 2015 negli spazi dell’ex filanda Maiani, nasce il nuovo Teatro Félix Guattari.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Masque teatro
    Crisalide XXIV

    c/o Teatro Félix Guattari
    Via orto del fuoco 3, 47121 - Forlì
    393 9707741 - www.masque.itwww.crisalidefestival.eu

    44.2268603 12.0307213
  • Indisciplinarte srl nasce nel novembre 2007 da un gruppo di persone che si è sempre occupato di progettazione culturale europea e di sviluppo culturale territoriale. Dal 2009 Indisciplinarte svolge al Caos di Terni il ruolo di coordinamento, di leadership gestionale e di cura della programmazione. La parola d’ordine è stata integrazione di spazi, idee, proposte e professionalità. Indisciplinarte srl rappresenta una delle poche società di capitali che opera nel settore culturale e un caso positivo di studio da parte dell’Unione Europea all’interno del green paper Access to Culture.
    L’Associazione Demetra nasce nel 2004 si occupa di giovani, cultura, partecipazione.
    Dal 2005 gestisce il Centro di Palmetta, un centro di aggregazione giovanile del Comune di Terni, centro culturale e residenza artistica. Dal 2007 Demetra promuove il Bando “Nutrimenti”, un sistema complesso di sostegno alla creatività giovanile, il quale, nel corso degli anni, ha permesso l’emersione di numerose realtà che hanno poi trovato le più diverse forme di circuitazione e consolidamento del percorso.

    Obiettivo A

    Fra le possibili costanti e variabili delle residenze, crediamo che sia indispensabile sviluppare la centralità del processo creativo; la qualità dei tempi e degli spazi necessari alla ricerca e alla produzione.
    Questo primo obiettivo risponde alla necessità di tutti i soggetti coinvolti di usufruire di tempo e spazio per produrre, pensare, attraversare mondi diversi.
    In questo ambito di azione sperimentiamo i seguenti temi:

    • l’interidsciplinarietà intesa come reale processo di fusione e confusione tra artisti d discipline diverse attraverso un percorso di avvicinamento e di co- creazione;
    • l’accompagnamento di un occhio esterno;
    • il laboratorio permanente di arte e tecnologia in collaborazione con associazione Hacklab.

    Obiettivo B

    Questo obiettivo, che noi chiamiamo EMERSIONE, si collega a doppio nodo con l'attività di festival che Indisciplinarte da 10 anni realizza sul territorio ternano.
    Accanto a questo l’emersione prevede un’azione di comunicazione di impatto e ben costruita a partire dai canali social fino ai progetti di marketing virale.
    In questo ambito si sperimentano i seguenti temi:

    • la visibilità in contesti protetti;
    • la messa in rete e la comunicazione verso l’esterno.

    Obiettivo C

    In questo terzo ambito di azione creiamo circoli virtuosi tra la residenza artistica e la comunità di riferimento, inserendo la prima nel tessuto sociale e culturale di un luogo con l’ambizione di guardare più alto e, nel momento in cui tocca lo spettatore, ovvero la persona coinvolta in una qualunque attività germogliata dalle residenze, diventa momento politico.
    In questo ambito si sperimentano i seguenti temi:

    • il coinvolgimento delle scuole come luoghi di residenza;
    • l’attiva partecipazione della comunità cittadina attraverso progetti di formazione del pubblico e di community play;
    • lo storytelling come strumento di presa di responsabilità verso i progetti di residenza in un racconto a più voci;
    • il coinvolgimento della comunità internazionale nel ripensamento delle residenze artistiche.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Indisciplinarte srl
    c/o Caos, Viale Campofregoso, 98 - 05100, Terni (TR)
    Associazione Demetra 
    c/o Centro di Palmetta, Strada Santa Maria la Rocca, 12 - 05100, Terni (TR)
    Telefono: 0744285946
    Email: info@indisciplinarte.it - associazione.demetra@gmail.com
    Website: www.caos.museum - www.palmetta.it

    42.5594659 12.6523232
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
  • CapoTrave/Kilowatt

    Compagnia di produzione, formazione e organizzazione teatrale e coreografica, fondata da Lucia Franchi e Luca Ricci nel 2003. Da subito, la compagnia è stata riconosciuta tra le realtà di produzione sostenute dalla Regione Toscana e dal 2013 gestisce una Residenza Artistica presso il Teatro alla Misericordia di Sansepolcro (AR), promuovendo i linguaggi della scena contemporanea negli ambiti del teatro, della danza e della musica. Dal 2003 CapoTrave/Kilowatt ha ideato e dirige il Kilowatt Festival (premio UBU 2010), progetto multidisciplinare che nel 2016 giungerà alla sua quattordicesima edizione, all’interno del quale vengono presentate sia numerose co-produzioni sostenute da CapoTrave/Kilowatt, sia molti spettacoli in ospitalità, nonché gli spettacoli della “Selezione Visionari", un’ormai decennale azione sul coinvolgimento attivo dello spettatore. Da dicembre 2014 fino a novembre 2018, insieme al Comune di Sansepolcro, CapoTrave/Kilowatt è capofila di un progetto europeo di cooperazione su larga scala denominato “Be SpectACTive!”: il progetto coinvolge altri 11 partner di 9 differenti Paesi, sul tema dell’active spectatorship.

    Laboratori Permanenti

    Nasce nel giugno 2003. Viene fondata da tre professionisti: l’attrice-regista Caterina Casini, la casting director Stefania Incagnoli, il giornalista Michele Casini. L’associazione svolge attività didattica, di studio e di sperimentazione della creatività artistica, residenze artistiche e ospitalità, produzione e promozione di spettacoli, incontri con il pubblico, convegni e momenti di confronto culturale. Da ottobre 2009 il Comune di Sansepolcro (AR) ha affidato all'associazione la direzione della Scuola di Teatro Comunale con direzione artistica a Caterina Casini.
    Da giugno 2013 è in residenza multipla presso il Teatro Alla Misericordia di Sansepolcro con il sostegno della Regione Toscana e del Comune di Sansepolcro.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatro alla Misericordia
    Via della Misericordia, 19 - 52037, Sansepolcro (AR)
    Telefono: 0575 733063
    Email: info@kilowattfestival.it - organizzazione@kilowattfestival.itlaboratoripermanenti@gmail.com
    Website: www.kilowattfestival.it - www.laboratoripermanenti.it

    43.570863 12.143902
    • Multidisciplinare
    • Teatro di prosa
    • Danza
    • Attività musicali
  • Officine della Cultura è capofila del progetto di Residenza Multipla Rete Teatrale Aretina, che coinvolge anche Teatro di Anghiari, Nata, Diesis Teatrango, Kanterstrasse Teatro e Libera Accademia del Teatro. Attivo dal duemila, il coordinamento gestisce e programma otto teatri in provincia di Arezzo, si occupa di produzione teatrale e musicale e di formazione del pubblico, promuove attività laboratoriali dentro e fuori la scuola. Il sistema di residenze della Rete Aretina prevede sia la forma “classica” della compagnia residente stabile, sia quella “leggera” della residenza temporanea di giovani compagnie.

    Obiettivo C

    Obiettivi generali: ampliare il numero di spettatori “organizzati e consapevoli” attraverso la formazione di nuovi gruppi e di nuove figure di mediazione artista/teatro/spettatore. Elaborare percorsi di didattica della visione e di formazione rivolti in maniera specifica al pubblico giovane.
    Attività principali: Spettatori erranti 2.0, creazione di gruppi di “spettatori consapevoli” per territorio e per target, itineranti tra i teatri della Rete. Scritti per la scena: residenza drammaturgica con un giovane autore selezionato anche attraverso azioni di coinvolgimento del pubblico. Di me stesso: formazione di pubblico e operatori sulla scrittura di se. I Maestri della Scena: incontri pubblico/operatori con o su grandi maestri (Martone - Massini su Ronconi) Tramandando: incontro tra le scuole di teatro con momenti di didattica della visione. Altre attività: laboratori e rassegne sul “fare e sul vedere” teatro a scuola, didattica della visione, incontri con il pubblico, servizi al pubblico.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Officine della Cultura
    Via Trasimeno, 16 - 52010, Arezzo (AR)
    Telefono: 0575 27961
    Email: info@officinedellacultura.org
    Website: www.officinedellacultura.org

    43.4576341 11.877756
    • Teatro di prosa
    • Attività musicali
  • Laminarie è una compagnia teatrale fondata nel 1994 da Bruna Gambarelli e Febo Del Zozzo. Dal 2009 ha sede operativa a Bologna presso lo spazio DOM la cupola del Pilastro, gestito in convenzione con il Comune di Bologna. La ricerca di Laminarie si è posta fin dalle sue origini in rapporto con i linguaggi artistici contemporanei quali le arti visive, la danza, l’architettura, il cinema, la letteratura. Tale approccio multidisciplinare si manifesta sia nell'intreccio di modalità espressive che caratterizza la ricerca della compagnia, sia nello sviluppo di progetti in grado di avvicinare ambiti, contesti, pubblici differenti.

    Obiettivo A

    In continuità con quanto realizzato negli anni precedenti a DOM, Laminarie realizza un progetto di residenze caratterizzato dal radicamento e dalla contestualizzazione delle attività artistiche nel territorio del Pilastro. I progetti scelti per il triennio rappresentano, ognuno a suo modo, la continuazione di un rapporto con artisti che da tempo si riconoscono nella pratica residenziale di DOM, il rafforzamento di relazioni con altre realtà e organismi del territorio e la sperimentazione di collaborazioni inedite, trasversali e internazionali.

    Obiettivo B

    Le residenze ospitate da Laminarie prevedono il coinvolgimento sia di giovani artisti under35 sia di artisti già affermati a livello internazionale che portano avanti lavori caratterizzati da una forte trasversalità tra le discipline della danza, del teatro e della performance. Gli spettacoli esito delle residenze vengono promossi attraverso tutte le azioni promozionali normalmente adottate da Laminarie, quali supporti cartacei e diffusione web, ufficio stampa, pubblicità e social. Il progetto delle Residenze ha visibilità del sito web e nel blog Combinazioni.net, nei quali è possibile inserire approfondimenti foto/video, rassegna stampa e tappe di lavoro. Inoltre le riflessioni teoriche che accompagnano le attività in corso a DOM vengono depositate nella rivista Ampio Raggio - esperienze d'arte e di politica, edita da Laminarie e disponibile in versione cartacea e digitale. I progetti che hanno luogo a DOM vengono sempre realizzati attraverso azioni di partenariato con istituzioni e altre realtà culturali del territorio.

    Obiettivo C

    Produzione, ospitalità, attività formative e di incontro con il pubblico, attività editoriali e progetti internazionali si affiancano e integrano in un'unica prospettiva volta alla promozione dei linguaggi del teatro e all'allargamento del pubblico verso quelle fasce normalmente meno attratte dalle Istituzioni culturali. L'ospitalità di artisti e gruppi non si declina come una rassegna di titoli, ma come l'organizzazione di un calendario di progetti speciali realizzati da artisti che vengono chiamati a mettersi in relazione con DOM e con la città di Bologna, presentando una serie di attività di avvicinamento alla loro opera. Ugualmente l'attività di produzione della compagnia prevede una forte relazione con i territori e i luoghi che le ospitano attraverso, ad esempio, la partecipazione di non professionisti, bambini, ragazzi, anziani o la costruzione di drammaturgie corali o urbane, itinerari, percorsi di avvicinamento alla visione.

    icona photogalleryVai alla photogallery

     

    Contatti

    DOM - La Cupola del Pilastro logo

    Via Panzini, 1/1 - 40127, Bologna (BO)
    Telefono: 051 6242160
    Email: info@laminarie.it
    Website: www.domlacupoladelpilastro.it

    44.50861 11.39413
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
    • Danza
  • KOMM TANZ è il progetto di residenze artistiche della Compagnia Abbondanza/Bertoni in collaborazione con il Comune di Rovereto al Teatro alla Cartiera, che sorge in quella che un tempo era la cartiera della città.

    Grazie alla convenzione con il Comune di Rovereto, nel 2007 la compagnia diventa stanziale e può produrre e portare i propri uffici al Teatro alla Cartiera di Rovereto che inizia piano piano a divenire un punto di riferimento per la formazione e la produzione della danza in Trentino.

    Consci della preziosità dell’avere a disposizione un teatro vero, Michele Abbondanza e Antonella Bertoni, danzatori e coreografi, fondatori dell’omonima compagnia, estendono questo “privilegio” anche ai danzatori cresciuti in seno alla compagnia stessa per poter lavorare alle proprie produzioni, condividendo con loro gli spazi, le attrezzature della compagnia e assistendo alle prove, mettendo a disposizione la propria esperienza.

    Lo stesso è offerto, grazie al capito del MiBACT sulle residenze artistiche e al supporto della Provincia autonoma di Trento, anche agli artisti che la compagnia ha selezionato per KOMM TANZ, il progetto residenze della compagnia presso il Teatro alla Cartiera grazie al supporto del Comune di Rovereto.

    Al Teatro alla Cartiera gli artisti ospiti trovano un luogo attrezzato e una dotazione tecnica adeguata che può permette di giungere alla finalizzazione della fase produttiva degli spettacoli.

    A disposizione delle compagnie un accompagnamento artistico e tecnico, segreteria amministrativa ed organizzativa.

    Obiettivo A

    L’obiettivo di KOMM TANZ è principalmente quello di condividere uno spazio prezioso come quello del Teatro alla Cartiera con chi sta muovendo i primi passi nella creazione artistica ma anche con professionisti dalla consolidata esperienza in modo da poter generare uno scambio virtuoso che metta in relazione le diverse generazioni e gli ambiti artistici più vari.

    Con il progetto residenze si vuole offrire al territorio di appartenenza l’opportunità di venire a contatto con il lavoro degli artisti ospiti nelle diverse fasi di creazione nell’ottica di sensibilizzazione del pubblico e di accrescimento di uno sguardo critico sull’arte e sulla danza in particolare. 

    icona photogalleryVai alla photogallery

     

    Contatti

    Logo progetto residenze

    Teatro alla Cartiera
    Via Cartiera, 15 - 38068 Rovereto (Trento)
    0464 439157 - compagnia@abbondanzabertoni.itwww.abbondanzabertoni.it

    45.884655 11.0584254
  • Armunia è nata nel giugno 1996, negli anni si è imposta a livello nazionale come modello per le residenze artistiche e per il prestigio conquistato dalle sue manifestazioni: in particolare il Festival Inequilibrio che si è aggiudicato nel 2009 il Premio Hystrio-Associazione Nazionale Critici Italiani e il Premio Speciale Ubu “per la coerenza tenace e assolutamente originale della sua ricerca pratica”. Il prestigioso premio si è rinnovato nel 2012 e nel 2015 per le coproduzioni teatrali. Oltre alle residenze, Armunia realizza progetti speciali d’integrazione con le realtà artistiche locali.

    Obiettivo C

    Abbiamo proseguito e consolidato il lavoro di sostegno agli artisti e accompagnamento al loro lavoro, contestualmente al radicamento territoriale del progetto. La vocazione di Castiglioncello verso la Politica delle Residenze significa restituire al territorio la presenza degli artisti per i tempi di permanenza medio/lunghi, in cui abitano Castello Pasquini. Significa altresì insistere verso una idea di teatro come luogo senza tempo dove fare della ricerca l’ambito in cui affrontare il disagio, le paure e la complessità della società contemporanea, dando risonanza al processo creativo e non all’urgenza produttiva. Sono stati realizzati seminari, incontri, laboratori indirizzati ai cittadini delle nostre comunità (genitori, donne over 60, pensionati e studenti), oltre a prove aperte al pubblico e letture. Una mostra dei lavori dei bambini, frutto dei laboratori tenuti da artisti in residenza e un convegno sul progetto di residenze nelle scuole elementari di Rosignano.

    Le attività 2015/2016

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

     

    Contatti

    Armunia
    Piazza della Vittoria - 57016, Castiglioncello (LI)
    Tel. 0586754202
    Email: armunia@armunia.eu
    Website: www.armunia.eu

    43.4051976 10.4103576
    • Teatro di prosa
  • La residenza multidisciplinare “Carte Vive” insediata attualmente tra Barlassina (Teatro Antonio Belloni), Cesano Maderno (Teatro Excelsior), Meda (Piccolo Teatro Radio) e Nova Milanese (Auditorium Comunale) dal 2009 ha ospitato diversi artisti per periodi variabili. Fra gli altri gli attori Lucilla Giagnoni, Davide Colavini, Michele Cremaschi e le compagnie I Demoni, Ardito Desio di Trento, A.T.I.R., Teatro Cargo di Genova per il teatro. I maestri Enrico Merlin e Barbara Costa per la musica. Il pluripremiato Collettivo 320 chili di Torino per la danza.

    Obiettivo A

    Residenza Carte Vive ospiterà tra novembre e dicembre 2015 dieci artisti pagando loro 20 giornate di prove e ospitalità. Gli artisti saranno supportati anche dal punto di vista tecnico, organizzativo, drammaturgico e musicale. Le compagnie in residenza all’interno di questo progetto saranno: I Demoni (www.albertooliva.it) per le prove di DON GIOVANNI (spettacolo finanziato da NEXT 2015 - compagnia under 35); Drammaturgia di Alberto Oliva e Mino Manni da Puskin; Regia Alberto Oliva; Musiche originali Bruno Coli. Il Trio Morgen (www.triomorgen.eu) per l’incremento ed il perfezionamento del repertorio. E per la scrittura delle parti narrative di raccordo fra i brani musicali (con la supervisione di Michela Marelli).

    Obiettivo C

    Verrà proposto al pubblico un laboratorio diviso in quattro sezioni.
    Prima sezione: analisi drammaturgica per imparare ad apprezzare la costruzione dei testi teatrali.
    Seconda sezione: analisi critica per imparare ad apprezzare la costruzione degli spettacoli teatrali.
    Terza sezione: i partecipanti ai due laboratori verranno accompagnati a vedere tre spettacoli in residenza che a seguire verranno discussi insieme. I partecipanti verranno invitati a scrivere una loro recensione di ogni spettacolo.
    Quarta sezione: le recensioni verranno discusse insieme ed eventualmente integrate. Infine le tre recensioni migliori verranno pubblicate su Il Cittadino di Monza e Brianza in una pagina dedicata.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Associazione Teatro In-folio
    Via Fiume, 5 - 20821, Meda (MB)
    Email: organizzazione@teatroinfolio.it
    Website: www.teatroinfolio.it

    45.666939 9.16812
    • Multidisciplinare
  • Teatro Magro nasce come gruppo informale nel 1988 grazie al laboratorio stabile condotto dal regista Flavio Cortellazzi.
    Nel 1999 nasce la piccola cooperativa che si evolve in cooperativa sociale nel 2009.
    Teatro Magro oggi è una realtà complessa che si occupa di formazione con tecniche teatrali (sia presso la sede che presso istituti scolastici), produzioni teatrali e performance anche rivolte al mondo profit, service tecnici e progettazione territoriale.

    Spazio HOME

    Teatro Magro dal 2010 gestisce uno spazio (chiamato Home) preso in affitto e rispondente alle esigenze primarie del gruppo. La struttura è quella di un’ex officina meccanica rivalutata e adibita ad uffici, magazzino e sala prove.
    Gli uffici, semplici ed essenziali, sono il fulcro delle attività amministrative e organizzative di Teatro Magro. Il magazzino custodisce le attrezzature tecniche, e tutto il materiale di scena necessario al lavoro creativo. Cuore della Home è la sala prove: completamente nera e attrezzata, è stata concepita al meglio per offrire uno spazio versatile, intimo, libero e stimolante. Dall'Agosto del 2016 è resa agibile a pubblico spettacolo grazie ad una tribuna da 36 posti e una uscita di sicurezza. Questo permette di ospitare eventi e spettacoli "leggeri".

    ResidenzeArtistiche@Home

    Attraverso le Residenze Artistiche, Teatro Magro si pone come promotore di innovazione e arricchimento per l'intero sistema dello spettacolo dal vivo contribuendo in modo fondamentale alla realizzazione di progetti sul territorio e per il territorio affinché si insedino, sviluppino e consolidino esperienze di mobilità e permanenza di giovani creativi ed emergenti. Il progetto pone gli artisti in residenza in relazione costante con il territorio, nell’ottica di un processo sistematico di educazione del pubblico ai linguaggi performativi ad indirizzo contemporaneo.

    Il lavoro è aperto a tutti coloro che vogliono seguire un percorso di approfondimento che andrà dalla formazione al confronto pubblico sui contenuti drammaturgici dei lavori in creazione.

    Lo spazio HOME si configura quale luogo ideale per la produzione teatrale, grazie anche allo scambio e al dialogo che si crea tra Teatro Magro, gli artisti in residenza e la comunità.

    PROGRAMMA 2016: Artisti in residenza da ottobre a dicembre 2016

    PROGRAMMA 2015: Attività inserita nell'Art. 45 e suddivisa per obiettivi (A, C)

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatro Magro Coooperativa Sociale ONLUS
    Via Brescia, 2c - 46100, Mantova (MN)
    Telefono: 037 6369918
    Email: teatromagro@teatromagro.com
    Website: www.teatromagro.com

    45.17672 10.78595
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
  • L’associazione nasce nel 2006 ed ha un carattere aperto ai nuovi linguaggi ed alla sperimentazione di nuovi spazi di lavoro
    È formata da tre attori (di cui uno anche regista e drammaturgo ed uno anche direttore artistico), un organizzatore, un segretario organizzativo, un esperto settore scuola ed un contabile.
    Collabora nei vari progetti anche con professionisti di comprovata esperienza e con giovani artisti. Produce spettacoli teatrali, organizza corsi e stage di recitazione divisi per fasce d’età, stagioni teatrali ed il Festival teatrale Miti Contemporanei. Collabora con le scuole pubbliche e private svolgendo attività didattico-teatrali con la creazione di stagioni teatrali per ragazzi.

    Obiettivo B

    Valorizzazione delle giovani generazioni e degli artisti emergenti.
    Programmazione per noi significa ‘inclusione’. Partiremo da questo termine per valorizzare gli spettacoli di artisti under 35 e di formazioni emergenti di teatro e danza. L’intento è creare quindi cartelloni nuovi, ma che seguano l’indirizzo che la residenza ha impostato negli anni di lavoro e che desidera proseguire. Si susseguiranno quindi spettacoli che approfondiranno tematiche studiate per il territorio, che nascono dal monitoraggio della popolazione della provincia di Reggio Calabria, in cui la residenza ha luogo. La città di Reggio Calabria vive un difficile momento che rischia di diventare cronico e la Residenza ha il dovere di essere punto di riferimento sia per chi fortemente desidera combattere, ma anche per chi non ha strumenti per farlo e diventa facile preda della depressione, della criminalità ecc. L’ospitalità di compagnie italiane che, con la loro esperienza, aiutino a sostenere ed arricchire il territorio sarà uno strumento importante per determinare uno degli obiettivi principali della Residenza: la crescita intellettuale e l’apertura mentale e spirituale dei giovani e non solo del territorio.

    Obiettivo C

    Progetti originali con i propri territori. Un cantiere artistico per intraprendere un percorso nel quale gli allievi di ogni fascia d’età possano prendere coscienza dell’importanza fondamentale del processo di lavoro teatrale. Intraprendere il giusto procedimento mostra di fatto un risultato, senza dover lavorare per forza a un risultato. Si svolgeranno 4 laboratori annuali per ogni anno di attività (2015 – 2016 – 2017):
    A. Due laboratori gioco/ teatro per l’infanzia. Target: da 3 a 5 anni e da 6 a 8 anni;
    B. Un laboratorio teatrale per adulti. Formazione di nuovo pubblico. Target: dai 18 anni in su;
    C. Un corso Propedeutico multidisciplinare di avviamento professionale di 150 ore in collaborazione con l’Accademia D’arte Drammatica Nico Pepe UD. Target: da 17 a 25 anni.
    A partire dal secondo anno si prevede almeno un incontro annuale con i Titolari delle Residenze sotto forma di focus su temi specifici.

    Contatti

    Scena Nuda - Associazione culturale teatrale
    Via G. Melacrino, 34 - 89125, Reggio Calabria (RC)
    Telefono: 0965 894492
    Email: info@compagniascenanuda.it
    Website: www.compagniascenanuda.it

    38.11237 15.65588
    • Teatro di prosa
    • Danza
  • La Compagnia DRACMA – Centro sperimentale d’arti sceniche nasce nel 2009 a Vibo Valentia. Ha gestito e gestisce svariati progetti didattici teatrali e culturali sul territorio regionale , non solo per le scuole ma in diversi ambiti sociali. Nel 2013 vince il bando regionale per l’assegnazione delle Residenze Teatrali nel Comune di Polistena (RC) con un progetto dal titolo “Alla ricerca del Bello perduto” che si caratterizza per una forte connotazione etica e per il deciso sostegno a temi sociali, quali la legalità, l’integrazione, la multiculturalità, la tolleranza, il rispetto dell’ambiente e della salute, la tutela della cultura regionale e la promozione del Bello, in collaborazione con Libera, Emergency, Auser, Università e scuole. Nel 2014 vince il premio Parodos al Tindari Teatro Festival con “Clitennestra o del crimine”.

    Obiettivo A

    Nel triennio del nuovo progetto saranno offerte almeno n° 6 residenze a n° 6 Compagnie/artisti rispondenti ai requisiti richiesti e soprattutto adeguate alle esigenze di un territorio che solo da 2 anni e mai prima ha avuto esperienze similari e soprattutto gestite da professionisti del settore. A tutti gli artisti ospitati sarà chiesto oltre all’attività specifica in teatro d’incontrare il territorio (scuole e allievi di laboratorio) per attività di formazione del pubblico. S'è pensato di costruire un "percorso" triennale di ospitalità che tenga conto e sia comunque funzionale al grado di conoscenza del territorio del teatro e soprattutto che lo educhi coinvolgendolo e in-formandolo per renderlo più consapevole e più preparato a comprendere il linguaggio teatrale e soprattutto la scena contemporanea.

    Obiettivo B

    La programmazione under 35 e di formazioni emergenti non titolari di Residenza sarà inserita per tutto il triennio all’interno della nostra programmazione ordinaria di Residenza. Nel nuovo triennio prevediamo d’ospitare non meno di 15 Compagnie/artisti mantenendo la metodologia sperimentata nel triennio passato per tutto ciò che concerne la “promozione e la comunicazione” degli eventi stessi partendo dalla messa on-line della programmazione e finendo alla messa on-line di recensioni e statistiche. Avendo come mission prioritaria di Residenza l’educazione al teatro e attraverso il teatro su un territorio che quasi nulla ha fatto precedentemente in ambito teatrale, ci si è soffermati su temi e soprattutto stili di messinscena degli spettacoli che ne agevolano la fruizione per un pubblico giovane, spesso poco educato alla visione, favorendone l’interpretazione e non creando disamore e allontanamento come spesso accade in territori sterili e poco abituati al teatro. Non prescindiamo dal fatto che il teatro debba essere “per tutti” e di facile fruibilità. Ampio spazio sarà dato in questi primi anni al Teatro ragazzi e alle famiglie.

    Obiettivo C

    Per tutto il triennio le azioni specifiche per raggiungere l’obiettivo di formare ed educare il pubblico prevedono la continuità ed il rafforzamento dell’esperienza congiunta tra la Compagnia Dracma, i partner di Residenza (scuole, associazioni locali e nazionali,etc) e gli artisti ospitati. Particolare ruolo lo avrà l’affiancamento dell’ Associazione nazionale critici di teatro.
    In sintesi 3 momenti specifici efficaci:
    1) Incontri conoscitivi prima e/o dopo ogni spettacolo tra gli artisti e il territorio con particolare attenzione alle scuole. Gli artisti residenti terranno anche dei laboratori con i nostri corsisti durante il soggiorno.
    2) Con l'ANCT, utilizzando la forma del seminario/workshop, si promuoveranno dei seminari pomeridiani gratuiti destinati ad adolescenti, giornalisti poco esperti di teatro e spesso a insegnanti delle scuole, sullo spettacolo da vedere e sui temi connessi.
    3) È stato constatato che il momento post spettacolo in cui chiediamo agli artisti di “parlare” col pubblico (con i bambini in particolare) è più che sufficiente a dare stimoli maggiori di curiosità che fa da valore aggiunto alla semplice visione dello spettacolo.

    Contatti

    Dracma Centro Sperimentale
    Piazza della Pace - 89024, Polistena (RC)
    Telefono: 347 6584615
    Email: info@dracma.org
    Website: www.delbelloperduto.it

    38.4083504 16.0774451
    • Teatro di prosa
  • Il Teatro Cantiere Florida è l'unica esperienza di residenza creativa multipla del Comune di Firenze sostenuta dalla Regione Toscana e animata da Elsinor - Centro di produzione teatrale, Versiliadanza e Murmuris Teatro.
    Il Teatro Cantiere Florida nel 2013 diviene FLOW, acronimo di Florida Now, offrendo un'ampia stagione in ambito prosa, danza e teatro ragazzi.
    Le collaborazioni con alcune degli organismi più interessanti del panorama artistico italiano ed internazionale, le rassegne speciali, i progetti interdisciplinari, i laboratori di guida alla visione e i percorsi di alta formazione fanno dello spazio, collocato nell’Oltrarno fiorentino, uno dei più dinamici opifici creativi presenti nel territorio nazionale.

     

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatro Cantiere Florida
    Via Pisana 111 rosso - 50143, Firenze (FI)
    Telefono: 055 7135357 - 055 7130664
    Email: direzione@teatroflorida.it - direzioneartistica@versiliadanza.it - info@murmuris.it  
    Website: www.teatroflorida.it

    43.7650412 11.2098797
    • Teatro di prosa
    • Danza
    • Attività musicali
  • Kinkaleri nasce nel 1995 a Firenze e opera fra sperimentazione teatrale, ricerca sul movimento, installazioni visive, materiali sonori, performance, cercando un linguaggio non sulla base di uno stile ma direttamente nell’evidenza di un oggetto. I lavori del gruppo hanno ricevuto ospitalità presso numerose programmazioni in Italia e all’estero. Nel 2015 Kinkaleri insieme alle compagnie mk e Le supplici formano KLM, zona di raduno che inaugura e configura una nuova geografia interregionale di progettazione condivisa che ha come scopo la produzione di un movimento nel discorso coreografico contemporaneo.

    Obiettivo A

    Le residenze nello spazioK rispondono ad una domanda sempre crescente di spazi per la creazione contemporanea, raccogliendo una ampia comunità di artisti nazionali e internazionali. Questa azione ha come obbiettivo il rafforzamento del sistema danza come lavoro in rete tra soggetti capaci di costruire modalità di lavoro coordinate e dialoganti con i diversi territori, e l'ottimizzazione delle opportunità di sviluppo di un percorso produttivo a cui una residenza fa riferimento (ospitalità, gestione, confronto artistico, accompagnamento produttivo, confronto progettuale, tutoraggio, relazione con il pubblico). In questo contesto si inserisce la proposta di circuitazione di artisti ospitati in più spazi di residenza (Annika Panniko e Anna Marocco) e il progetto in collaborazione con Villa Romana che coinvolge importanti artisti di arte contemporanea che lavorano sulla performance (Jacopo Miliani, Jeremiah Day. Francesca Banchelli).

    Obiettivo C

    Il progetto vuole creare una serie di incontri di formazione del pubblico giovanile in collaborazione con Collettivo Cinetico e Fosca, compagna di residenza allo spazioK. Lab Bianco di Fosca intende fornire un'esperienza artistica volta alla formazione e promozione della creatività e progettualità di un gruppo di adolescenti, con una serie di incontri e un momento di esposizione finale come spazio di riflessione sulla ricerca dei linguaggi contemporanei nelle arti della scena. cinetico4.4 di Collettivo Cinetico è un progetto di formazione che coinvolge il pubblico in un gioco collettivo partecipato innescando un ragionamento partecipato sulle diverse modalità di costruzione e fruizione di una performance. Il progetto, collocato in un importante Museo della città, crea un ponte innovativo con un pubblico vario - scolastico, universitario, operatori, pubblico diffuso.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Kinkaleri Associazione culturale
    Via Santa Chiara, 38/2 - 59100, Prato (PO)
    Telefono: 0574 448212
    Email: info@kinkaleri.it
    Website: www.kinkaleri.it

    43.8770952 11.0992287
    • Danza
  • Fondata a San Miniato (Pi) nel 1993, sviluppa da sempre una progettualità molto articolata sotto la direzione artistica di Enrico Falaschi: produce spettacoli legati alla drammaturgia contemporanea e al teatro per le nuove generazioni, gestisce direttamente il Teatro Quaranthana di San Miniato (Pi) e il Teatro Pacini di Fucecchio (Fi), organizza il Festival Contemporanei Scenari e altre rassegne sul territorio regionale, sviluppa un’intensa attività editoriale dedicata allo spettacolo attraverso il proprio marchio Titivillus Mostre Editoria (Premio della Critica 2012) e alla fotografia attraverso il proprio Centro per la Fotografia dello Spettacolo (Premio della Critica 2006).

    Obiettivo B

    Il progetto di formazione del pubblico proposto dal Teatrino dei Fondi coinvolge attivamente tre tipologie di fruitori: le nuove generazioni (bambini e giovani), i loro intermediari (insegnanti e genitori), gli adulti (fruitori abituali e fruitori potenziali). Nello specifico per le nuove generazioni il Teatrino dei Fondi realizza un percorso di educazione alla visione, collegata alle rassegne di teatro per le scuole che organizza, prepara, accompagna e rielabora l'esperienza della visione del teatro insieme ai bambini; dei percorsi di avvicinamento alla pratica teatrale nelle scuole e parallelamente dei percorsi multidisciplinari di avvicinamento alla pratica teatrale in teatro. Ai mediatori delle nuove generazioni invece si rivolgono attraverso dei percorsi di aggiornamento per insegnanti in nuovi linguaggi e pratiche teatrali, mentre ai genitori propongono con "Ragazzi, pronti a leggere?" un percorso di condivisione con i propri figli attraverso la lettura di storia ad alta voce. Infine per gli adulti fruitori abituali o potenziali del teatro hanno attivato dei percorsi di approfondimento per uno spettatore consapevole e dei Percorsi multidisciplinari di avvicinamento alla pratica teatrale.

    Contatti

    Teatrino dei Fondi
    Via Zara, 58 - 56028, San Miniato (PI)
    Telefono: 0571 462835
    Email: info@teatrinodeifondi.it
    Website: www.teatrinodeifondi.it

    43.6443322 10.8340516
    • Teatro di prosa
  • Un gruppo teatrale che in più di 35 anni di attività ha portato sulle scene e nelle strade di oltre 30 Paesi l’invenzione di un teatro che unisce la magia dell’artigianato scenico alla concretezza della contemporaneità.

    Un teatro politico e visionario, che ha prodotto una trentina di spettacoli ostinandosi a porre al centro l’attore e lo spettatore: la concentrazione di un apprendistato permanente e l’apertura della dimensione popolare. All’insegna dell’autonomia, del rigore, della resistenza.

    Dal 2003 gestisce, organizza e lavora alla Casa del Teatro di Faenza, spazio di ricerca e di conoscenza.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatro Due Mondi - logo
    Via Oberdan, 7/a - 48018, Faenza (RA)
    Telefono: 0546 622999
    Email: info@teatroduemondi.it,
    Website: www.teatroduemondi.it

    44.2933989 11.8649197
    • Teatro di prosa
  • Il Teatro delle Forche nasce a Massafra, in provincia di Taranto nel 1994; è diretto da Giancarlo Luce, che si avvale del prezioso contributo di artisti come Ettore Toscano, Carlo Formigoni, Bruno Stori e Ignacio Plaza.

    "Concepiamo il teatro come un organismo articolato, dove passione e obiettivi generano scenari progettuali che chiamano in causa il nostro concetto di identità: quella di un teatro politico, votato alla condivisione di un bene/cosa/spazio pubblico attraverso atteggiamenti di partecipazione attiva che coinvolgano tutti i cittadini.

    Il Teatro è dunque un laboratorio urbano, officina di produzioni artistiche, contenitore e narratore di esperienze molteplici, infine luogo di trasformazione del disagio sociale in narrazione costruita. Un golfo di storie, un organismo in divenire e attrattore di diversità che tenta di innescare una formula per immaginare uno spazio e un tempo. Il palco è la città, lo spazio il futuro.

    Produciamo spettacoli, organizziamo incontri e rassegne e promuoviamo momenti di formazione quali percorsi di ricerca drammaturgica, laboratori teatrali ed artistici, collaborando con gli istituti scolastici, ospitiamo artisti italiani e stranieri per i loro momenti mi ricerca artistica.

    Questa serie di attività ha preso corpo e forma con il progetto di Residenza Teatri Abitati della Regione Puglia, grazie al quale, dal 2010 gestiamo il Teatro Comunale di Massafra . La Residenza è fabbrica di volontà e orizzonti comuni; è esortazione: fare del Teatro Comunale di Massafra, sito nella piazza principale del paese, un centro di proposte e prospettive, un luogo percepito come familiare, una fucina di attività nella quale esperire la leggerezza e l’impegno, la temerarietà e l’immaginazione.

    L’esperienza della residenza ha accresciuto e potenziato il grado di stabilità della compagnia, rendendola segno vivo e riconoscibile all’interno del territorio permettendo anche un consolidamento del nucleo artistico che si lascia attraversare dalle energie delle giovani leve che si vogliono avvicinare a questo mondo, sia dal punto di vista artistico che dal punto di vista organizzativo."

    PROGRAMMA 2015: Attività inserita nell'Art. 45 e suddivisa per obiettivi (B, C)

    Contatti

    Teatro delle Forche
    Vico II Santi Medici - 74016 Massafra
    0998801932 - info@teatrodelleforche.com - www.teatrodelleforche.com

    40.5858629 17.1122617
  • Bottega degli Apocrifi nasce nel 2001 a Bologna, nelle aule del CIMES.

    Nel 2004 si trasferisce a Manfredonia, in provincia di Foggia, con l’obiettivo politico di coltivare il deserto, e la sua ricerca artistica diventa da subito contaminazione col territorio.

    Prima di tutto gli adolescenti grazie ai laboratori che iniziano nel 2004 e non finiscono più. Poi, un po’ alla volta le diverse fasce della Comunità: le donne, i rifugiati politici, i richiedenti asilo del CARA di Borgo Mezzanone entrano a far parte del processo artistico degli Apocrifi, in alcuni casi diventando parte degli spettacoli accanto agli attori, in altri senza varcare il limite della scena ma permeando del loro sguardo le produzioni della compagnia.

    Tra gli spettacoli, quelli che meglio raccontano di questa relazione compagnia/territorio sono: SottoSopra. La città salvata dalle donne e altri scherzi simili (2007) con un coro di 20 donne della città; Controra. un caffè ai morti (2009) con un coro di migranti extracomunitari; Orlando Suite (2010) con un coro di adolescenti; fino ad arrivare a Lorenzo Milani (2016), spettacolo nato dalle urgenze riscontrate sul territorio.

    All’interno di questo percorso di produzione stanziale, nel 2008 si colloca la vincita della gara d’appalto per la gestione del Teatro Comunale di Manfredonia, uno spazio di 356 posti che dal 2009 la progettazione degli Apocrifi ha reso una delle Residenze teatrali pugliesi.

    La Residenza, vissuta dalla compagnia come vocazione artistica quotidiana, è diventata un moltiplicatore di contaminazioni, una possibilità per lo spazio teatrale e per la Comunità che ha sviluppato al suo interno la pratica dell’incontro grazie ai percorsi di formazione, alle rassegne, alle stagioni di prosa, ai festival.

    Obiettivo B

    La residenza ha ospitato lo spettacolo di una compagnia Under 35, La ballata dei Lenna, costruendo intorno al loro spettacolo La protesta, un importante confronto con gli adolescenti coinvolti nella visione.
    Rilevante in proposito è stato il dibattito intavolato sulla drammaturgia contemporanea e su come essa possa farsi narrazione artistica delle fragilità di un Paese.

    Obiettivo C

    Con l’obiettivo di valorizzare le nuove forme della drammaturgia contemporanea e mettere in atto un processo di avvicinamento del pubblico – con particolare attenzione ai più giovani -  sono stati attivati molteplici percorsi di formazione:

    • IL TEATRO SI RACCONTA: Workshop di elaborazione narrativa dell’esperienza a cura dell’attore, regista e autore Enrico Messina, della compagnia Armamaxa Teatro.
    • APPROCCIO AL TEATRO: ipotesi di avvicinamento realizzato grazie alla collaborazione degli artisti inseriti tra fine novembre e dicembre nel cartellone di prosa della stagione del Comune di Manfredonia, che a fine spettacolo hanno raccolto il nostro invito al confronto diretto col pubblico.
    • ADESSO CHE: prove aperte. L’ultima produzione della compagnia Bottega degli Apocrifi "Lorenzo Milani" ha ripetutamente cercato in fieri l’incontro col pubblico, intercettando in orari differenti fasce di pubblico differenti, che sono entrate in relazione con gli attori, col regista, con la drammaturga, il responsabile musicale, la scenografa, il light designer e il sound designer, tutti nel pieno svolgimento del loro ruolo.
    • DALLA A(ZIONE) ALLA V(ISIONE): incontro propedeutico di approccio alla scena teatrale per adolescenti, realizzato presso gli Istituti scolastici aderenti al progetto. 

    Contatti

    Bottega degli Apocrifi
    Teatro Comunale Lucio Dalla
    Via della Croce - 71043 Manfredonia (FG)
    088 4532829 - 335 244843
    organizzazione@bottegadegliapocrifi.it - www.bottegadegliapocrifi.it

    41.6252342 15.9087484
  • Contatti

    Associazione Culturale Tra il dire e il fare/Compagnia La Luna nel letto
    c/o Teatro Comunale di Ruvo di Puglia
    Via Sandro Pertini - 70037 Ruvo di Puglia (BA)
    0803603114 - info@teatrocomunaleruvo.it - www.teatrocomunaleruvo.it

    41.1246955 16.4833739
  • Contatti

    Astragali Teatro
    Via Giuseppe Candido, 23 - 73100 Lecce
    0832 306194 - teatro@astragali.org - www.astragali.org

    40.3490855 18.1761399
  • Il Consorzio Coreografi Danza d’Autore (CON.COR.D.A.) nasce nell’ottobre 2008. È attualmente composto  da Movimentoinactor Teatrodanza (diretto da Flavia Bucciero) Compagnia Francesca Selva e dalla coreografa Giovanna Summo.

    Il Consorzio ha come sede principale e sede legale Teatri di Danza e delle Arti in Corte Sanac 97-98 in Pisa e altra sede operativa a Siena in Via Mentana 61.

    Dall’incontro tra le tre  coreografe matura l’idea di un progetto condiviso dalla mission ambiziosa: salvaguardare la differenza, intesa come unicità espressiva riconoscibile e assolutamente propria di ogni artista e di ogni Compagnia, e fare sistema, superando le esasperazioni individualistiche, per rilanciare la danza contemporanea e il teatrodanza, come ricchezza culturale del nostro Paese.

    CON.COR.D.A.  è riconosciuto e sostenuto dalla Regione Toscana come Residenza artistica, dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo come compagnia di produzione, dal Comune di Pisa e dal Comune di Siena.

    Si  avvale dell’esperienza più che ventennale delle compagnie ad essa aderenti e anche del contributo di nuovi giovani coreografi e danzatori e danzatrici, selezionati in ragione della loro qualificazione professionale e della loro capacità interpretativa.

    Per la diversità del linguaggio coreografico e delle tematiche artistiche delle Compagnie coinvolte, il Consorzio è in grado di offrire al pubblico una grande varietà di produzioni di danza e teatrodanza, un patrimonio unico costituito dagli spettacoli in repertorio delle compagnie consorziate, sia produzioni rivolte in maniera specifica a bambini e giovani, sia ad un pubblico adulto. Inoltre il Consorzio offre opportunità di formazione e mette in rete le competenze e le collaborazioni consolidate da ciascuna Compagnia nel corso degli anni con i teatri, le scuole e le università, gli enti locali, nazionali ed internazionali. Con.Cor.D.A. svolge attività di spettacolo in Italia e all’estero, organizza due Festival annuali, uno di danza contemporanea: ConfiDance a Siena, e l’altro multidisciplinare: NavigArte a Pisa. Il Consorzio svolge attività formativa, sia nell’ambito della scuole di ogni ordine e grado nel territorio di Pisa e provincia, sia  diretta a danzatori e coreografi, come nel caso dei programmi di formazione professionale, in collaborazione con realtà internazionali (Ungheria e Belgio) presso la sede di Siena

    La sede principale del Consorzio: Teatri di Danza e delle Arti, sorge in Corte Sanac, nel quartiere periferico ed ex-industriale di Porta a mare in Pisa, con prevalenza di popolazione a disagio socioculturale e straniera.

    Il progetto di Residenza artistica di Concorda prevede l’ospitalità di compagnie emergenti e under 35 in residenza artistica con il tutoraggio di artisti e tecnici professionisti del Consorzio. Collaborazioni con altre realtà del mondo del teatro, della musica e della videoarte che entrano in relazione con la danza.

    È coinvolto in numerosi progetti artistici organizzati dal Comune di Siena che rende disponibili i Teatri Comunali e spazi non convenzionali per avvicinare il pubblico alla danza.

    Il Consorzio Con.Cor.D.A. gestisce per l’intero anno la sede di Teatri di Danza e delle Arti (inferiore a 100 posti) e spazi non convenzionali della Corte Sanac. Per  alcuni  giorni all’anno ha la concessione di uso  del Teatro Nuovo di Pisa (450 posti).

    Obiettivo A

    Ospita  l’attraversamento in Residenza, presso Teatri di Danza e delle Arti, la giovane Compagnia emergente under 35 Lugocomune Danza. Al termine dell’attraversamento, la compagnia ha presentato la produzione "Click".

    Nell’ambito della multidisciplinarietà ospita l’attraversamento in Residenza di Policardia Teatro, Centro di creazione internazionale diretto da Mamadou Dioume, Jean Paul Denizon (fra i principali attori e collaboratori di Peter Book), Andrea Moretti, per un gruppo integrato di attori, danzatori, giovani immigrati provenienti dai centri di accoglienza di Cascina e Torre del Lago.

    Al termine della Residenza, Policardia Teatro ha presentato gli Studi su “I Racconti del Sole” testi di Jean Claude Carrière (premio Oscar alla carriera 2015) presso Teatri di Danza e delle Arti.

    Svolge importanti  azioni di promozione delle realtà ospitate in residenza, affidandole a professionisti del settore: ufficio stampa, videoartisti, fotografi e veicolandole sulla stampa e i social network.

    Obiettivo B

    Ospita, nell’ambito dei due Festival che organizza, Conf.Dance e NavigArte, compagnie emergenti e under 35 italiane e straniere. Programma spettacoli realizzati in residenza presso altri titolari di residenza partecipanti al Progetto Interregionale, come con Teatri Associati di Napoli.

    Obiettivo C

    Realizza laboratori e spettacoli per un  pubblico di bambini, adolescenti e giovani in relazione con scuole di ogni ordine e grado del territorio di Pisa. Svolge dimostrazioni di lavoro, laboratori e incontri aperti ad un pubblico misto, interculturale e intergenerazionale, creando numerose relazioni con Enti e Organismi dei territori di Pisa e Siena, con particolare attenzione alle associazioni di migranti e associazioni coinvolte nella problematica gender. Collabora con Teatri Associati di Napoli, per la creazione di occasioni di incontro al fine di monitorare costantemente i risultati del rapporto di collaborazione tra Residenze, di sviluppare buone pratiche e un costante miglioramento delle azioni.

    icona photogallery

     

    Vai alla photogallery

     

    Contatti

    logo Concorda

    Consorzio Coreografi Danza d’Autore Con.Cor.D.A.
    Sede principale e sede legale
    Teatri di Danza e delle Arti
    Corte Sanac, 97-98 - Pisa
    Telefono: 050501463 - 3462267973

    Seconda sede operativa
    Via Mentana, 61 - Siena 53100
    Telefono: 0577223267

    Email: concorda.danza@gmail.com
    Web: www.concordanza.net - fb Concorda Residenza Artistica

    Riferimenti Compagnie consorziate
    Cia Movimentoinactor Teatrodanza
    Telefono: 3293907309
    Cia Francesca Selva
    Telefono: 3474007461

    43.7062331 10.3829321
  • La Compagnia Stalker Teatro è attiva professionalmente dagli anni '70 nel campo del teatro d'innovazione; sviluppa la propria ricerca in particolare nel rapporto fra teatro e arti visive, producendo spettacoli ed eventi performativi partecipati, con una forte vocazione sociale. Svolge inoltre diverse funzioni con attività tra loro integrate: laboratori, progetti, stagioni teatrali e festival. Alla fine degli anni '90 realizza la prima Residenza del Piemonte con una convenzione con Enti Locali del biellese poi riconosciuta negli anni successivi anche dalla Regione Piemonte.

    Obiettivo A

    Il progetto ospita in residenza soggetti (compagnie e artisti) che operano nel campo dei linguaggi performativi multidisciplinari con una forte tensione verso il sociale. Gli artisti scelti sono seguiti sul piano della ricerca, per la produzione e per la promozione dalla Residenza Multidisciplinare Arte Transitiva e dalla rete interregionale che potrà formarsi tra le residenze con obiettivi culturali comuni. Ogni artista ospitato può contare sull'appoggio logistico, tecnico e sul confronto culturale con lo staff di Stalker Teatro che svolge la funzione di tutoraggio dei progetti produttivi. Durante il percorso di ricerca sono previsti momenti di apertura al pubblico, modalità di confronto definita “ricerca per un pubblico” e al termine di ogni residenza è inoltre prevista una dimostrazione del lavoro svolto in forma di studio/spettacolo.

    Obiettivo B

    Ogni anno è prevista un'iniziativa concentrata nell'arco di una settimana in cui saranno ospitate cinque compagnie emergenti in un contesto di grande interesse culturale. Infatti oltre alla presentazione di cinque spettacoli delle compagnie ospiti sarà organizzato un “seminario-laboratorio di idee” realizzato insieme ad un'equipe di esperti provenienti da diverse regioni. Questa parte del progetto, che potrà evolversi in tre iniziative, nel corso del triennio crediamo risponda pienamente agli obiettivi di valorizzazione delle compagnie e degli spettacoli presentati. Di altrettanta importanza potrà essere la ricaduta di questa iniziativa, come occasione di educazione, formazione e confronto, sia per i giovani artisti e gli operatori del territorio, sia per gli operatori di altre regioni, sia per tutti gli spettatori che potranno assistere agli spettacoli e seguire il dibattito che si svilupperà durante il laboratorio delle idee.

    Obiettivo C

    • “Richiedenti asilo”, riguarda l'intervento artistico nel sociale , rivolto alle persone con particolari difficoltà; come nel 2015 due gruppi di migranti provenienti dall'Africa accolti in Piemonte e in Toscana.
    • “Le ragioni del teatro d'innovazione” prevede la presentazione ogni anno di compagnie storiche del teatro d'innovazione che propongono i loro spettacoli e incontri di formazione rivolti ai giovani.
    • “Premio Ruggero Bianchi” concorso per la promozione di una nuova critica teatrale per stimolare la capacità di lettura del teatro, dedicato al noto docente universitario e studioso di teatro contemporaneo scomparso quest'anno.
    • “Spazio spalancato”, spazio attrezzato come luogo di incontro per attività di laboratorio, per prove e per presentazione di eventi e spettacoli di diverse discipline proposti da artisti locali.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Stalker Teatro
    Piazza Eugenio Montale, 18/a - Torino (TO)
    Telefono: 011 7399833
    Email: stk.amministrazione@gmail.com
    Website: www.stalkerteatro.net

    45.10353 7.63021
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
  • Fondato nel 2000 il Centro Teatrale Umbro è finalizzato allo sviluppo di un “teatro d’innovazione” che si pone come arte autonoma non sussidiaria della letteratura drammatica, in cui la scrittura scenica trova nell’attore il suo creatore principale, in osmosi con il regista. Un teatro che partendo dalla preparazione fisica e vocale dell’attore ricerca nuove forme d’espressione, nuove contaminazioni nei linguaggi artistici, che valorizza le diversità. Capace di costruire ponti di dialogo interculturale.

    URA _ Umbria Residenze Arte è una visione che ambiziosamente vuole colmare le mancanze di idee, di progetti e di risorse riservate al teatro contemporaneo. Nel prossimo triennio, sviluppando gli obiettivi già avviati nel 2015, si vuole creare una reale possibilità di sostegno a tutti gli aspetti legati alla rappresentazione dal vivo: genesi e allestimento, presentazione al pubblico e formazione del pubblico stesso.

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Centro teatrale Umbro
    Fraz. Goregge 4 - 06024, Gubbio (PG)
    Email: info@centroteatraleumbro.it
    Website: www.centroteatraleumbro.it

    43.3513193 12.5753166
    • Teatro di prosa
  • Qanat Arte e Spettacolo è un’associazione culturale nata nel 1999 a Torino per promuovere lo spettacolo popolare di strada e circense, sostenere la figura dell’artista di circo contemporaneo, che nasce e si sviluppa in questi ultimi anni con una forte innovazione rispetto al panorama artistico nazionale ma sempre in stretta relazione col recupero della tradizione dello spettacolo popolare e circense, di cui non si vogliono perdere le radici. Ha partecipato con le sue produzioni di spettacolo a tutti i principali festival italiani di settore. Ha accolto e dato sostegno a numerose compagnie di giovani artisti nell’ambito dello spettacolo dal vivo, accompagnandoli nei loro primi passi e guidandoli verso la costituzione di compagnie autonome.

    Obiettivo A

    Il progetto prevede l’accoglienza in residenza di 4 compagnie per un totale di 16 artisti. L’obiettivo è quello di favorire la permanenza in residenza di artisti e formazioni attraverso attività creative di ricerca, di studio, di qualificazione delle professionalità artistiche coinvolte, di allestimento e prove, nonché di confronto con il territorio, condivise fra titolare della residenza e ospite. I progetti sono declinati a partire dalle esigenze specifiche e dalle suggestioni ricevute dagli artisti e dalle compagnie ospiti nel 2015. L’impianto generale delle residenze presenta alcune caratteristiche comuni: la fase di presa in carico della compagnia/artista residente, finalizzata alla condivisione del progetto artistico, degli esiti della residenza e alla definizione delle figure professionali da attivare; l’organizzazione di 5 giornate di formazione intensiva; la definizione e la cura degli aspetti comunicativi. Ciascun periodo di residenza avrà come esito la presentazione pubblica dello studio di spettacolo.

    Obiettivo B

    Il progetto prevede la programmazione nelle Residenze di spettacoli di artisti under 35, di formazioni emergenti e delle formazioni coinvolte nelle permanenze, con particolare attenzione alla multidisciplinarietà; la messa online delle programmazioni per favorire la visibilità delle Residenze partecipanti al progetto; la messa a punto di azioni di partenariato con le altre residenze piemontesi e con progetti di residenza a livello nazionale e internazionale. L’obiettivo è favorire la circuitazione degli spettacoli prodotti all’interno delle residenze, sia per far conoscere presso operatori italiani e stranieri l’attività svolta a Grugliasco, sia per ospitare produzioni provenienti da progetti analoghi sviluppati in altri contesti territoriali. Il progetto intende inoltre sostenere le compagnie emergenti e i giovani artisti favorendo la visibilità dei progetti artistici e creativi attraverso l’utilizzo dei social network e dei siti Internet dell’Associazione.

    Obiettivo C

    Il progetto ha l’obiettivo di promuovere attività di formazione e di educazione del pubblico al fine di rafforzare la relazione fra la Residenza e il proprio territorio, anche grazie al sostegno della Città di Grugliasco. Si prevede il consolidamento dei rapporti già esistenti con gli altri operatori culturali e artistici del territorio, nonché con le scuole e i centri di formazione. L’obiettivo è duplice: nobilitare un’arte così antica quanto popolare attraverso un linguaggio che è insieme innovativo e tradizionale e avvicinare e coinvolgere sempre più ampie fasce di pubblico di qualunque provenienza, con particolare attenzione alle persone residenti sul territorio di Grugliasco e dei comuni limitrofi. È inoltre previsto lo sviluppo di attività di confronto/collaborazione con gli altri titolari di residenze per lo sviluppo e la diffusione delle migliori esperienze e pratiche emergenti, con particolare attenzione a quelle orientate ai pubblici giovani e alla formazione sui linguaggi del contemporaneo.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Casa del Circo Contemporaneo
    Associazione Qanat Arte e Spettacolo / Cirko Vertigo
    Via Tiziano Lanza, 31 - 10095, Grugliasco (TO)
    Telefono: 011 0714488
    Email: residenze@cirkovertigo.com
    Website: http://www.cirkovertigo.com/residenze

    45.0632028 7.5753699
    • Circo contemporaneo
  • L’associazione culturale 20chiavi, nata nel 2006, si occupa di produzione, organizzazione e formazione per lo spettacolo dal vivo con uno sguardo sempre attento al territorio. L’associazione 20chiavi si occupa della diffusione della scena contemporanea sostenendo giovani compagnie nazionali e la creazione con progetti residenziali e site-specific. Fa parte della rete NDN network per la drammaturgia nuova. 20chiavi realizza il progetto Distretto/Creativo, vincitore del bando Officine Culturali della Regione Lazio per il biennio 2014/2015 e 2015/2016 ed opera in provincia di Viterbo.

    Obiettivo A 

    Un progetto a carattere multidisciplinare (danza, drammaturgia contemporanea, musica) che prevede 3 compagnie ospiti.
    La compagnia Eumenesi Teatro con il progetto “Il figlio soffre in citazioni pop” lavorerà sulle possibilità drammaturgiche di un testo composto di sketches surreali rispetto al lavoro dell’attore per non rendere i personaggi bidimensionali, facendo riferimento all’immaginario delle strisce e dei fumetti.
    La compagnia di danza Tommaso Monza con il progetto “sketches of freedom” approfondirà il concetto di composizione coreografica con l’obiettivo di creare “diari coreografici” in cui emergano riflessioni, danze e propositi.
    La compagnia Argostudio lavorerà ad un progetto di teatro musicale partendo dal tema de “Le città invisibili”. Come esito conclusivo delle residenze le Compagnie Eumensi e Tommaso Monza prevedono un’apertura dell’anteprima dello spettacolo ai ragazzi delle scuole superiori, la Compagnia  Argot un’apertura rivolta alla cittadinanza con il coinvolgimento della scuola di musica Orchestralunata.

    Obiettivo C

     Il progetto si propone di far dialogare pezzi di territorio con le nuove generazione di artisti attraverso laboratori espressivi e di visione, saranno coinvolte le nuove generazioni con progetti mirati a far conoscere i linguaggi del contemporaneo. Gli allievi del Liceo artistico locale parteciperanno direttamente al processo creativo delle compagnie con l’uso delle tecnologie audiovisive, dei social network, del fumetto e delle foto, seguiranno con un taccuino critico gli incontri ed assisteranno alle prove aperte. Un gruppo di spettatori attivi seguirà il processo creativo in prove aperte. Infine Bandorchestra, un gruppo musicale intergenerazionale, collaborerà all’uscita pubblica del progetto le città invisibili.
    Nell’ambito delle collaborazioni interregionali, a conclusione dei progetti verrà organizzato un incontro tra le residenze che hanno portato avanti progetti di coinvolgimento di gruppi di spettatori attivi (tra cui Kilowatt, Occhisulmondo, Residenza IDRa) il cui focus sarà “Il lavoro dello spettatore nella narrazione della residenza”.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    20chiavi
    Via G. Matteotti, 12 - 01039, Vignanello (VT)
    Telefono 328 4004935
    Email: organizzazioneventichiavi@gmail.com
    Website: www.ventichiaviteatro.it

    42.3837817 12.2780129
    • Multidisciplinare
    • Teatro di prosa
    • Danza
    • Attività musicali
  • La Regione Marche ha individuato il Consorzio Marche Spettacolo (soggetto che aggrega tutti i maggiori enti operanti in regione nel settore dello spettacolo e si propone di garantire la migliore funzionalità e lo sviluppo del sistema), quale soggetto attuatore del progetto.
    In sede di prima attuazione ci si è concentrati sullo sviluppo di 2 progetti di residenza ormai storici della nostra regione, curati dai Consorziati:
    AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali per le strutture di “Civitanova Casa della Danza” (Foresteria Imperatrice Eugenia, Teatro Annibal Caro);
    Marche Teatro per le strutture di “Inteatro” (Foresteria e sala prove Villa Nappi, Teatro della Luna).
    Civitanova Casa della Danza è il contenitore che racchiude progetti di residenza sfruttando la presenza dell’attrezzata foresteria nelle immediate vicinanze del Teatro Annibal Caro (attivata nel 2004 dopo il restauro di un ex convento di Suore Domenicane).
    Ospita importanti compagnie italiane ed internazionali e allo stesso tempo giovani artisti in soggiorni di lavoro in cui sviluppare le loro nuove creazioni. La presenza degli artisti è l’occasione per organizzare momenti di formazione per danzatori e approfondimento per il pubblico.
    Di particolare interesse le serate di visibilità pubblica del lavoro, che prendono il nome di “Cantiere aperto”, in cui lo spettatore è invitato a prendere visione non del risultato del lavoro ma ad essere parte del percorso affascinante della sua genesi.
    Per approfondimenti e informazioni sull'attività, si può consultare il blog residenze.marchespettacolo.it curato dal Consorzio Marche Spettacolo.

    Obiettivo A

    Gli artisti e le formazioni ospitati in residenza verranno selezionati attraverso tre diverse linee:
    1. predisposizione di un invito informale diffuso in Italia e all'estero al fine di ricevere proposte di candidatura;
    2. coinvolgimento di artisti e formazioni direttamente conosciuti dagli operatori coinvolti;
    3. coinvolgimento di artisti e formazioni nato dal confronto con le altre Regioni aderenti al progetto. In favore degli artisti coinvolti verranno attivate azioni di tutoraggio e visibilità pubblica. Verrà messa a disposizione una fitta rete di contatti, per individuare possibili coproduttori italiani e stranieri, rendendosi disponibili ad avviare collaborazioni, qualora si presentassero.

    Obiettivo B

    La valorizzazione delle giovani generazioni e degli artisti emergenti (sostegno alla circolazione delle opere e al loro inserimento nel mercato nazionale e internazionale), a livello regionale (anche proseguendo le fruttuose esperienze dei progetti "Matilde. Piattaforma regionale della scena marchigiana" - che accompagna il percorso di giovani artisti tramite un sistema di azioni volte a garantire una stabilità di interventi - e "Game. Bando-vetrina per gli artisti marchigiani under 35"), a livello nazionale e internazionale (anche attraverso la collaborazione dei numerosi e qualificati network a cui aderiscono le strutture coinvolte) avverrà anche attraverso l'uso degli strumenti web esistenti e già ampliamenti conosciuti, assieme allo sviluppo della comunicazione sui social network.

    Obiettivo C

    Le residenze saranno l'occasione per implementare azioni dedicate alle comunità di riferimento, nelle diverse fasce d'età. In continuità con quanto previsto dalla nuova programmazione europea, si intende proporre di volta in volta una serie di attività tese ad approfondire la relazione con il pubblico esistente (migliorando l'offerta dell'esperienza attraverso incontri di approfondimento), ampliare e diversificare il pubblico, coinvolgendolo in processi partecipativi e creativi.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatro Corso Annibal Caro, 2 - Foresteria Corso Annibal Caro, 19 - 62012, Civitanova Marche Alta (MC)
    Telefono: 071 2075880
    Email: segreteria@marchespettacolo.it
    Website: www.amat.marche.it

    43.3166719 13.679003
    • Danza
  • La governance del progetto Residenze Coreografiche - Lavanderia a Vapore 3.0. è affidata ad un Raggruppamento Temporaneo di Organismi (RTO) costituito dai principali soggetti territoriali di promozione della danza: capofila la Fondazione Piemonte dal Vivo – Circuito Regionale Multidisciplinare (che è anche il concessionario degli spazi) e partner il Teatro Stabile di Torino / Torinodanza Festival, la Fondazione Teatro Piemonte Europa, Associazione MosaicoDanza /Festival Interplay e COORPI – Coordinamento Danza Piemonte.

    Obiettivo A

    Il progetto si inserisce in un ampio progetto strategico che ha come obiettivo la realizzazione di un centro coreografico regionale dedicato alla danza e alla creazione contemporanea, sul modello dei centri coreografici europei, negli spazi della Lavanderia a Vapore di Collegno: una “casa” dove artisti e operatori possano lavorare, sperimentare, creare e offrire opportunità di crescita, formazione, confronto ad artisti temporaneamente residenti, un luogo dove condividere obiettivi e strategie con soggetti e istituzioni territoriali. L’idea è quella di realizzare un centro in grado di valorizzare e potenziare le opportunità di crescita degli artisti, con particolare attenzione ai giovani e al territorio, all’innovazione e alla multidisciplinarietà, e al contempo di divenire uno spazio aperto e attrattivo nei confronti della creatività nazionale ed internazionale, capace di inserirsi in processi di scambio e di mobilità transfrontaliera.
    Le azioni di residenza si articolano in due call pubbliche principali annuali (una dedicata ad artisti territoriali, l’altra aperta ai nazionali/internazionali), cui sono garantiti risorse e strumenti per la creazione (coaching internazionali, spazi, supporti tecnici e materiale, foresteria, rimborso spese, confronto con critici, operatori e pubblico, ecc.); accanto a queste, progetti di residenza/masterclass, progetti di residenza in sharing (Workspace Ricerca X), il progetto Residance.

    Obiettivo B

    Open 24/7 è il titolo programmatico di una stagione e di un luogo immaginato come sempre aperto e presenta un cartellone condiviso da ottobre a maggio, con più di 50 appuntamenti di danza, con incursioni nel mondo del teatro e della musica, in cui trovano spazio spettacoli di compagnie under35 ed emergenti, accanto ad artisti più maturi, oltre alle restituzione pubbliche degli artisti temporaneamente residenti.
    La RTO e nello specifico Piemonte dal vivo si farà promotore di azioni di visibilità specifiche in diretta relazione sia con il nuovo sistema delle residenze sia nella partnership già attive. Uno degli obiettivi sarà inoltre inserire la Lavanderia a Vapore nei circuiti internazionali di residenza e creazione riconosciuti, avviando un dialogo proficuo con operatori e istituzioni per trasformarla in un centro per la danza di livello europeo.

    Obiettivo C

    Accanto agli spettacoli e ai diversi progetti di residenza, la Lavanderia a Vapore ospiterà anche attività di formazione, rivolte sia a professionisti sia alla cittadinanza. Il calendario prevede una residenza masterclass, stage e seminari di alta formazione rivolti a danzatori e coreografi con la partecipazione di artisti italiani e internazionali, progetti di sostegno alla mobilità transfrontaliera, residenze formative (Workspace Ricerca X, ResiDance, Switch, Campolargo), collaborazione con altri soggetti internazionali, come con il Centre Choreographique National di Nantes.
    Saranno avviate azioni dedicate alla formazione e all’ampliamento del pubblico, con l’obiettivo di avvicinare la comunità locale ed in particolare le nuove generazioni, in un processo partecipativo e di conoscenza dei linguaggi della creazione contemporanea. In questa direzione si inserisce anche Youngest Critics for Dance/YC4D, un progetto innovativo coordinato dall’Associazione Mosaico Danza per avvicinare i ragazzi al linguaggio della danza contemporanea e alla critica giornalistica.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Lavanderia a Vapore
    Corso Pastrengo, 51 - 10093, Collegno (TO)
    Telefono: 011 4320791
    Email: lavanderia@piemontedalvivo.it
    Website: http://www.piemontedalvivo.it/lavanderia-a-vapore

    45.0838912 7.5824872
    • Multidisciplinare
    • Danza
  • Il Teatro delle Donne è un centro di produzione drammaturgica contemporanea all’avanguardia. In 24 anni di attività, in linea con le analoghe iniziative europee, ha messo in piedi il centro nazionale di drammaturgia, ha raccolto in un archivio (consultabile anche sul sito) e catalogato circa mille testi di autrici italiane di teatro, ha dato vita ad un festival, ad un’importante attività di formazione e produzione con sede al Teatro Manzoni di Calenzano.

    Obiettivo B

    Programmazione nella residenza del Teatro delle Donne, nell’ambito del Festival Avamposti, di spettacoli di artisti under 35 e di formazioni emergenti. Nel programma 2015 sono stati presenti alcuni degli autori e degli interpreti più interessanti e più giovani del panorama teatrale italiano e alcune compagnie under 35. Infinito ha presentato "Tony Pagada, ritorno in Italia", di Paolo Sorrentino, interpretato anche questa volta da Iaia Forte. Elena Arvigo, giovane attrice emergente (segnalata anche nell’ultima edizione di In-Box) ha portato in scena "4:48 Psychosis" il testo cult di Sarah Kane. I giovanissimi Maniaci D’Amore hanno presentato "Morsi a vuoto", mentre quella degli Instabili Vaganti è stata una prima nazionale, con "Desaparecidos#43". Per Municipale Teatro Giulia Pont nel suo "Ti lascio perché ho finito l'ossitocina".

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatro delle Donne - Centro nazionale di drammaturgia
    Via Canova, 100/2 - 50142, Firenze (FI)
    Telefono: 055 8877213
    Email: teatro.donne@libero.it
    Website: www.teatrodelledonne.com

    43.7778738 11.2039597
    • Teatro di prosa
  • Corsia Of è una Residenza Artistica multipla formata da un gruppo di compagnie teatrali di Perugia riunite allo scopo di promuovere e realizzare un centro per la produzione d'arte e per la creazione di valore.
    Corsia Of mette in rete sul territorio diversi luoghi di elaborazione, espressione e incontro delle realtà artistiche e sociali, per offrire spazi di Residenza, luoghi di attraversamento e aggregazione, intesi come un unico spazio: un centro della conoscenza e della formazione accessibile al pubblico, destinato prioritariamente al mondo artistico professionale, al contempo aperto alle istanze del territorio.
    Pensare uno spazio come luogo Residenziale, è un atto di responsabilità, uno slancio propulsivo che esula dalla spettacolarità senza peraltro allontanarsene troppo, ma tenendo presente lo scopo e la missione primaria di una Residenza: l'ospitalità.
    Corsia Of vuole essere un centro di studio e sperimentazione che si innesta nel terreno storico e culturale della città, aprendosi ad essa e rendendo evidente di volta in volta la visione del passaggio, la traccia e l’elaborazione di artisti e compagnie nazionali ed internazionali che, nel periodo di Residenza, hanno abitato e vissuto Perugia.

    Capofila della Residenza multipla: Micro Teatro Terra Marique
    Micro Teatro Terra Marique è una associazione di promozione sociale e culturale iscritta alla Camera di Commercio di Perugia come casa editrice e compagnia teatrale. Nasce nel 1998 a Perugia per impulso di un gruppo di ragazzi e in pochi anni entra a far parte del tessuto culturale e sociale della città di Perugia. La propria missione è quella di sviluppare l’Arte e in particolare il Teatro, in quanto espressione delle culture dei popoli e dell’essere umano, attraverso il contatto tra l’attuate (l’artista) e il testimone (lo spettatore).
    Punto di partenza è la propria attività di divulgazione, studio e sviluppo del sistema teatrale della Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d. Al suo interno convivono diversi gruppi di lavoro che si impegnano nel campo della ricerca e divulgazione teatrale (Centro Internazionale Studi di Biomeccanica Teatrale), nella creazione e produzione di spettacoli (MicroTeatro), nella pubblicazione di opere letterarie e saggi (MTTMedizioni), nella formazione teatrale sia per amatori che per professionisti (Studio Obraz).

    Le altre compagnie e gruppi riuniti in Corsia Of

    • Collettivo Art N/Veau
      Il collettivo Art N/Veau nasce nel 2009 con lo spettacolo “Terremoto” che partecipa a Premio Scenario, Festival di Santarcangelo - Immensa e vince il premio Nuove realtà del Teatro dell'Accademia di Udine, il premio Nutrimenti a Terni e il Premio Marte Live Roma.
      Nel 2010 produce lo spettacolo “Io, lei, l’altra”, ispirato a “I monologhi della vagina” di Eve Ensler.
      Nel 2012 "L'Uccello di Fuoco" , spettacolo di canto, danza e origami ancora oggi in circuitazione. Nel 2015 "Dall' altra parte del mondo" tratto dall'omonimo libro illustrato di Grimm Twins in coproduzione con Sosta Palmizi.
    • Compagnia degli gnomi
      La Compagnia degli Gnomi nasce nel 2003 con il progetto “Il re degli gnomi”, semifinalista di Premio Scenario, che debutta nel 2004 con la collaborazione di Teatro delle Apparizioni. Lo spettacolo definisce la cifra di riferimento di un percorso di ricerca contemporanea nel quale la macchina teatrale è soprattutto umana.
      Con oltre dieci spettacoli di teatro contemporaneo (tra i quali “Khayyam Cabaret”, “Shakespeare’s MND”, “Scarpe rosse x donna scheletro”) la compagnia partecipa a rassegne e festival su gran parte del territorio nazionale. Dal 2005 opera per il dialogo tra artisti e tra il mondo della performance e quello delle esposizione d’arte.
    • OSM - Occhisulmondo
      La compagnia OSM - Occhisulmondo, nata nel 2005, debutta sulla scena nel 2008 dopo un intenso lavoro di ensemble. Il gruppo si contraddistingue per un lavoro permanente dei suoi membri, impegnato nello studio costante sull'arte dell'attore.
      Quello messo in scena da OSM è un Teatro che tenta di fondere diversi linguaggi espressivi, studiando le leggi del movimento nello spazio vuoto, attraverso lo studio delle azioni fisiche e dei processi emotivi. Il personale processo di studio della Compagnia si orienta in modo trasversale su piani differenti: lo spazio, il corpo, la drammaturgia.
    • Compagnia Uthopia
      La Compagnia Uthopia, fondata nel maggio 2007 e diretta da Ciro Masella (attore per Luca Ronconi, Roberto Latini, Federico Tiezzi, Gigi Dall’Aglio; aiuto regista di quest’ultimo e di Massimo Castri), si occupa dell’organizzazione del festival tra Cielo e Terra (una rete di diversi comuni umbri) e dal 2013 del Teatro Comunale di Gualdo Cattaneo (PG). Nasce con l’esigenza di intraprendere un percorso di ricerca sulla drammaturgia contemporanea, soprattutto italiana, ed ha all’attivo una serie di spettacoli su testi di Stefano Massini (“La fine di Shavuoth”, “L’Italia s’è desta”, “Violenza: singolare femminile”), uno dei più prestigiosi autori del nostro teatro, e di altri autori contemporanei. Uthopia si occupa inoltre di formazione dell’attore e del pubblico, tra Umbria e Toscana, collaborando, tra gli altri, con l’Università degli Studi di Perugia.

    Obiettivo A

    Corsia Of dà il via all’esperienza di ospitalità di compagnie e artisti nazionali ed internazionali negli spazi messi in rete sul territorio di Perugia: spazi del complesso Ex-Fatebenefratelli, Teatro di Figura di Perugia, Centrodanza e altri luoghi che si aprono all’ospitalità di artisti e compagnie e al dialogo tra le arti, sia performative che visive.
    Oltre agli artisti e alle compagnie nazionali ed internazionali programmate in Residenza, Corsia Of intende rivolgersi alle emergenze del territorio con un Bando per Residenze di compagnie umbre under 30.
    Corsia Of si propone di aprire al pubblico il processo creativo e produttivo nonché il risultato delle Residenze svolte. Si intende inoltre facilitare il dialogo tra gli artisti in Residenza e gli artisti umbri, gli studenti universitari, il turismo, i cittadini.

    Obiettivo B

    Corsia Of persegue l’obiettivo di assicurare opportunità sostenibili e non episodiche e garantire visibilità alle produzioni degli artisti che saranno coinvolti nei processi di Residenza, anche attraverso lo scambio con gli altri soggetti regionali e nazionali titolari di Residenze, e con le corrispondenti realtà internazionali, nel sistema complessivo dello spettacolo dal vivo.
    Una particolare attenzione sarà data agli artisti e alle compagnie giovani ed emergenti e al sostegno della drammaturgia contemporanea, con uno sguardo aperto che comprende sia la dimensione nazionale ed internazionale, sia quella territoriale.

    Obiettivo C

    Dal punto di vista della formazione e dell’educazione del pubblico, l’obiettivo di Corsia Of, a partire dal 2016, è quello di creare una “Bottega Popolare d’Arte”, una serie di laboratori permanenti sullo studio e la ricerca dell’attività teatrale, performativa e artistica.
    Corsia Of mira a diventare un luogo di incontro e di formazione delle prossime generazione di artisti e di fruitori delle attività di spettacolo. Nel biennio 2016-2017 si lavorerà nel tentativo di attivare una serie di percorsi che spazieranno dalla formazione dell’artista a quello della critica, dall’infanzia al pubblico in genere.
    In questo senso, Corsia Of vuole essere un punto di riferimento per l’approfondimento dei molteplici aspetti delle arti, delle arti performative in particolare.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Residenza Multipla Corsia Of
    Via Floramonti, 9 - 06121, Perugia (PG)
    Email: info@corsiaof.com - info@microteatro.it
    Website: www.corsiaof.com

    43.1089889 12.3895492
    • Teatro di prosa
  • Intercetta il nuovo e prende parte ai processi di cambiamento e trasformazione nella cultura e nelle arti, in particolare quelle performative. La multidisciplinarietà è all’ordine del giorno di ogni progetto di teatro d’arte contemporanea che è l’ambito di riferimento del suo fare teatro. Fondato nel 1978, dal 1984 riconosciuto dal Mi.B.A.C., dal 2000 è Teatro Stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia, dal 2015 è Centro di produzione teatrale. Lavora per sviluppare e diffondere la creatività e la produzione contemporanea fra artisti e pubblico del Nuovo Millennio.

    Obiettivi A e B

    Giovani, emergenti e importanti artisti italiani e internazionali sono invitati ad esplorare e declinare creativamente la provocazione tematica della residenza – sperimentazione di svariate forme possibili di dialogo creativo con dinamiche singole o mescolate tra loro (dinamiche: tra artista e territorio, con la comunità, con il luogo, tra gli artisti, con altri siti di residenza, con gli spettatori, tra i diversi generi artistici).

    Obiettivo C

    Realizzazione di tre incontri da realizzarsi a Villa Manin a dicembre 2015, 2016 e 2017 invitando responsabili e direttori di residenze italiane ed europee, rappresentanti di istituzioni pubbliche interessate e sostenitrici i progetti di residenza. Confronto di diverse strategie applicate, risultati conseguiti; verifica possibilità di scambi e collaborazioni per progettualità da presentare alla Commissione Europea; incontri specifici con il pubblico tenuti da esperti, critici, studiosi dell’arte performativa contemporanea.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    C.S.S. Teatro Stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia
    Piazza Manin, 10 - 33033, Passariano – Codroipo (UD)
    Tel. 0432 504765
    Email: info@cssudine.it
    Website: www.cssudine.it

     

    45.96764 13.01099
    • Multidisciplinare
  • 40.35283 18.1905864
  • Il Crest nasce a Taranto nel 1977 e, con Gianni Solazzo e Mauro Maggioni prima e Gaetano Colella poi, porta avanti in un ambiente difficile – sia socialmente che culturalmente – un discorso teatrale coerente e innovativo, raccontando vite complicate, sogni ostinati, incontri tra culture e condizioni differenti, cercando di coniugare i linguaggi della tradizione con quelli della ricerca teatrale contemporanea.

    Inserito dal 1992 dalla presidenza del Consiglio dei Ministri nell’elenco delle “… compagnie che svolgono ad alto e qualificato livello attività nel campo del teatro per l’infanzia e la gioventù”, il Crest ha scelto quali interlocutori privilegiati i bambini, i ragazzi e i giovani, con l’intento di creare un punto di riferimento culturale e professionale forte. L'obiettivo, da sempre, è stato anche quello di superare le barriere tra i pubblici: le sue produzioni sono presentate in programmazioni serali e rassegne per le scuole, in cartelloni di ricerca e stagioni di prosa, oltre che in festival di settore.

    Da segnalare che è stato finalista per il Premio ETI-Stregagatto con gli spettacoli “La neve era bianca” nel 1999, “La mattanza” nel 2000, “Cane nero” nel 2001 ed ha prodotto lo spettacolo vincitore del Premio Scenario 2005, “Il deficiente”.

    Dopo 30 anni di attività "senza fissa dimora", dal 23 gennaio 2009 il Crest dispone di 1000 metri quadrati di "teatro da abitare", il TaTÀ, nel quartiere popolare ed operaio per eccellenza della città, il rione Tamburi appunto, il più contiguo alle svettanti ciminiere Ilva.

    Un teatro che mira a diventare polo di attrazione di artisti italiani e stranieri, diventando modello di mediazione tra il teatro e le altre forme di comunicazione/creazione quali la scrittura, la pittura, il video, la danza, la musica. Un teatro sempre aperto, che alla produzione di spettacoli e all’ospitalità di altre compagnie teatrali, unisce proposte di formazione, incontri e laboratori per le scuole, percorsi di ricerca drammaturgica, attività, comunque, volte al dialogo e al confronto con il territorio, attraverso la promozione e la cura di eventi teatrali di particolare interesse (stagioni di prosa, festival, rassegne). 

    PROGRAMMA 2015: Attività inserita nell’art. 45 e suddivisa per obiettivi (B e C)

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    logo Crest

    Teatro TaTÀ
    Via Grazia Deledda s.n.c. – 74123 Taranto
    099 4707948 – 4725780 - 366 3473430 - info@teatrocrest.it - www.teatrocrest.it - facebook.com/teatrocrest - twitter.com/teatrocrest

    40.4969933 17.2308155
  • Il Centro di produzione e organizzazione spettacoli Diaghilev, diretto da Guido Pagliaro e Paolo Panaro, opera dal 1986 nell'ambito della promozione teatrale, svolgendo la propria attività di produzione e distribuzione di spettacoli sia in ambito regionale che in un più vasto contesto nazionale, con la partecipazione di artisti di riconosciuto prestigio e il coinvolgimento di enti, istituzioni e teatri di significativa importanza nel panorama italiano.

    L’attività del Centro Diaghilev si è caratterizzata nel corso degli anni per un’intensa e proficua cooperazione con Enti territoriali e Istituzioni culturali, dalla stagione 1991/92 è riconosciuto "organismo di produzione teatrale" dal Dipartimento dello Spettacolo – Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

    Il Centro Diaghilev ha sempre cercato di concentrare il proprio impegno nella ricerca e nella pratica di un teatro di idee e contenuti. Per tali ragioni, nel cammino sin qui compiuto, sono stati privilegiati momenti di studio e approfondimento culturale tesi a favorire una partecipazione attiva e motivata da parte degli spettatori. All’arte della narrazione è stata dedicata molta attenzione, come alla ricerca di nuovi linguaggi che mettano in relazione la parola con differenti forme di espressione.

    L’attività di residenza presso il Teatro Comunale Van Westerhout di Mola di Bari, iniziata nel gennaio 2009, si è concretizzata, e si concretizza tuttora, in attività di formazione teatrale, di creazione di sinergie con le realtà culturali del territorio e, in particolare, con il mondo della scuola, che costituisce un tratto fondamentale nella strategia di un teatro che vuole rivendicare la sua funzione a favore della collettività.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Diaghilev
    Centro di Produzione ed Organizzazione Spettacoli
    Via Nicolò Putignani, 7 - 70121 Bari 
    339 8796764 - guidopagliaro@libero.it - info.centrodiaghilev@gmail.com - www.centrodiaghilev.it

    41.1235092 16.8719168
  • La compagnia TerramMare Teatro, titolare della residenza legata al progetto Teatri Abitati presso il Teatro Comunale di Nardò, a partire dal 2008 ha focalizzato sempre di più la sua attività sul territorio, investendo energie, impegno, passione e tanto lavoro in azioni che favorissero la crescita culturale e la promozione del teatro.

    Mai come oggi il Teatro Comunale di Nardò è uno spazio vivo, uno spazio dove, tra programmazione di teatro, appuntamenti di musica e danza, laboratori, incontri culturali, convegni, presentazioni di libri e altri progetti, i cittadini trovano la possibilità di scoprire e provare il valore di azioni culturali che favoriscano la crescita di tutta la comunità.

    In questi otto anni di attività, progressivamente, stagione dopo stagione, sono aumentati gli abbonamenti per la rassegna di Prosa, così come pure le presenze per la programmazione di Teatro Ragazzi, punto forte della compagnia, specializzata da sempre proprio in produzioni rivolte al pubblico più giovane.

    Fondamentale il rapporto con le varie istituzioni scolastiche del territorio che, non solo aderiscono alla programmazione a loro destinata, ma partecipano anche alle iniziative che le vedono protagoniste e chiedono la partecipazione di TerramMare nei loro progetti formativi.

    Inoltre, negli anni, si è aperto uno spazio anche per il territorio intorno alla città di Nardò, facendo del Teatro Comunale un punto di riferimento per un pubblico che arriva dai paesi vicini e per molte scolaresche che si muovono da tutta la provincia. Risultato quest’ultimo ottenuto anche grazie a una programmazione selezionata con cura e professionalità.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Terrammare
    c/o Teatro Comunale di Nardò - Corso Vittorio Emanuele II, 20 - 73048 Nardò (LE)
    0833571871 -  3486722242 - terrammaresilvia@gmail.com - www.terrammareteatro.it      

    40.179357 18.031805
  • Qui e Ora Residenza Teatrale nasce nel 2008 con il progetto Être – Esperienze Teatrali di Residenza. È costituita da artisti provenienti da esperienze diverse ma accomunati da una stessa visione poetica. Qui e Ora opera in ambito nazionale e internazionale con produzione di spettacoli, organizzazione di rassegne, curatela di laboratori e inchieste teatrali. Dal 2012 sul territorio della Bergamasca Qui e Ora sta realizzando Coltivare Cultura, un progetto che porta i cittadini – attraverso laboratori, inchieste, rassegne teatrali – al centro della sperimentazione artistica. Nel 2015 Qui e Ora ha inaugurato Il Granaio, luogo di rilevanza storico-culturale per il territorio, posizionato in una corte del ‘500 nel cuore di Arcene, che ospita il lavoro delle residenze creative.

    ln linea con la poetica e la mission della compagnia, il progetto di residenza di Qui e Ora si caratterizza per l’attenzione alla multidisciplinarietà, alla contaminazione dei linguaggi e al contatto con il territorio e i cittadini. Il progetto vede quindi l’attraversamento del territorio da parte di alcune compagini artistiche e una serie di azioni legate alla formazione ed educazione del pubblico.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    A.I.D.A.
    Piazza della Civiltà Contadina - 24040, Arcene (BG)
    Email: quieora.organizzazione@gmail.com

    45.5735703 9.6131943
    • Multidisciplinare
  • Scena Verticale è una compagnia di produzione, con sede a Castrovillari (CS), diretta artisticamente da Saverio La Ruina e Dario De Luca e organizzativamente da Settimio Pisano.
    Riconosciuta dal MIBAC e dalla Regione Calabria, ha ricevuto molti dei principali riconoscimenti nazionali e i suoi spettacoli sono rappresentati in diversi teatri e festival in Italia e all’estero dedicati al contemporaneo. La compagnia dirige e organizza il festival Primavera dei Teatri, nel 2016 alla XVII edizione, considerato un punto di riferimento della nuova scena teatrale nazionale.

    Obiettivo B

    La vocazione esplorativa nei confronti degli artisti emergenti e il sostegno alle nuove istanze artistiche è da sempre la principale linea guida e il punto cardinale dei progetti di programmazione della compagnia Scena Verticale. il progetto si concentrerà sulla programmazione e l’ospitalità in stagione di formazioni emergenti, under 35 o coinvolte nelle permanenze in altre residenze regionali o nazionali. La linea direttiva terrà fede alla vocazione multidisciplinare ed esplorativa nei confronti dell’ultima generazione teatrale, rivolgendo il proprio sguardo soprattutto alle compagnie di recentissima formazione.

    Obiettivo C

    Il progetto prevede un percorso di formazione teorico e pratico per il pubblico, attraverso una serie di incontri, sia propedeutici alla visione degli spettacoli che di confronto e discussione successiva alla visione. Gli incontri prevedono la partecipazione sia degli artisti coinvolti nella programmazione, sia di studiosi e operatori provenienti dal mondo teatrale e da quello accademico. Il percorso sarà diretto in modo particolare a un pubblico giovane, formato in gran parte da studenti dell’Università della Calabria, che è stato il target di riferimento della residenza anche nel passato triennio. In questo senso, il progetto vuole porsi come un cantiere aperto, un’officina del teatro in cui far identificare e formare, sui temi e le poetiche legati ai linguaggi del contemporaneo, un pubblico consapevole e fidelizzato.

    Contatti

    Associazione Scena Verticale
    Via Lungo Busento Oberdan, 37 - 87100, Cosenza (CS)
    Telefono: 0981 27734
    Email: info@scenaverticale.it
    Website: www.progettomore.it

    39.2872857 16.2483036
    • Teatro di prosa
  • La stagione 2015-2016 del Teatro Area Nord (TAN) è diretta da Teatri Associati di Napoli che nasce dalla collaborazione tra Libera Scena Ensemble e Interno5, dopo la felice esperienza della scorsa stagione vissuta tra il palco di Piscinola e lo START; dopo quel “pezzo di strada insieme”, si inaugura quest’anno un progetto triennale nell’ambito del sodalizio delle due realtà teatrali napoletane. Le attività previste oltre alla ospitalità sono: corsi di formazione per attori e tecnici, laboratorio aperto agli spettatori, caffè letterario, corso di danze etniche, concerti di musica, cineforum.

    PROGRAMMA 2016: Attività inserita nell’art. 45

    PROGRAMMA 2015: Attività inserita nell’art. 45 e suddivisa per obiettivi

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    logo teatri associati di napoli

    Via Nuova dietro la vigna 20 - 80145, Napoli (NA)
    Telefono 081 5851096
    Email: teatriassociatinapoli@gmail.com
    Website: www.teatriassociatinapoli.it

    40.8871005 14.2353152
    • Teatro di prosa
    • Danza
  • IL C.O.S. formatosi come Consorzio nel 2003 gestisce un spazio multidisciplinare su 2.500 mq, con annessa Sala Teatro-Cinema (500 posti), Sala Teatro (80 posti), Sala Cinema (110 posti), Sala Danza, Sala Formazione.

    Obiettivo A

    Commedie di prosa - Commedie musicali - Stage.

    Obiettivo B

    A teatro con mamma e papà - Che comico – Teatro scuola – Rassegna dedicata a Eduardo – Napule mille culure – Eventi vari.

    Obiettivo C

    Laboratori di formazione con rappresentazioni finali ed eventi con il pubblico. Messa in scena di spettacoli presentati e prodotti da compagnie ospitate presso il Teatro delle Arti.

    Contatti

    Via Guerino Grimaldi, 7 - 84125, Salerno (SA)
    Tel. 089 221807
    Email: segreteria@teatrodellearti.com
    Website: www.teatrodellearti.com

    40.6840606 14.7659194
    • Teatro di prosa
  • Dal 1998, L’arboreto - Teatro Dimora è un centro di periferia per la cura e la cultura delle arti sceniche contemporanee.

    Le principali attività dell’Arboreto sono: residenze creative, ricerca e produzione di nuove opere; formazione, trasmissione del sapere e dialogo fra maestri e nuove generazioni.

    Una residenza-laboratorio (all’interno di un bosco di nove ettari; un Teatro e due Case Foresteria; un piccolo Paese di 1.470 abitanti),per sostenere il valore del processo creativo, e le relazioni fra artisti, critici, pubblico e comunità di riferimento. Per adulti e ragazzi, insieme.

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

     

    Contatti

    L'arboreto Teatro Dimora - logo
    Via Arboreto, 6 - 47836, Rimini (RN)
    Telefono: 0541 624474
    Email: info@arboreto.org
    Website: www.arboreto.org

    43.8540937 12.6687146
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
    • Danza
  • Atelier Sì è un centro culturale e pluriartistico a Bologna. È la sede di Ateliersi, atelier di sperimentazione e produzione, residenza artistica e anche spazio pubblico che ospita artisti e presenta opere offrendo un confronto di pensieri e esperienze estetiche.

    Ateliersi è un collettivo di produzione artistica che opera nell’ambito delle arti performative e teatrali in dialogo organico con l’antropologia, la letteratura, la produzione musicale e le arti visive per favorire una comunicazione del pensiero capace di intercettare inquietudini e prospettive che coagulano senso intorno ai sovvertimenti che si manifestano nel mondo. Ateliersi si occupa di creazione artistica e della cura della programmazione dell’Atelier Sì.

    I temi e le modalità tipiche della ricerca artistica del collettivo, vengono trasferiti nella cura dell’Atelier Sì dove Ateliersi disegna un’articolata attività di programmazione pluriartistica(arti teatrali e performative, arti visive, arti sonore e notturne, arti del sé, arti del discorso e delle scritture) ed è caratterizzata da:un focus sulle residenze artistiche; una intra-relazione tra la produzione e la programmazione; un’attenzione alla formazione ad ampio spettro; un dialogo con ambiti emergenti quali l’innovazione sociale, il crowdsourcing, l’audience e il community building e i nuovi modelli di cittadinanza dei civic hacker;una programmazione volontariamente mobile che, in ascolto del fervore dell’attuale, opera variazioni e definizioni in fieri;la convinzione che stare e dialogare nell’arte generi bellezza.

     

      

     

    Contatti

    logo Ateliersì

    Via San Vitale 69 - 40125, Bologna (BO)
    Telefono: 051 4598539
    Email: info@ateliersi.it
    Website: www.ateliersi.it

    44.4939831 11.3550654
    • Multidisciplinare
    • Teatro di prosa
    • Danza
    • Attività musicali
  • Finalità primaria è la valorizzazione di autori di nascita o di adozione calabresi, attraverso la rappresentazione teatrale dei loro testi sotto qualsiasi forma, per meglio comprendere la crescita civile e morale di un popolo. Il Teatro del Carro si fa continuamente portavoce di una terra difficile e ostica che deve riappropriarsi di una cultura che per secoli le è appartenuta e alla quale non intende rinunciare, nonché della tanto discussa “identità” linguistica. Selezione severa dei testi nell’interesse di una politica culturale di appartenenza storica e linguistica, quest’ultima intesa come idioma, lingua madre.

    Obiettivo A

    La residenza si pone l’obiettivo di operare un’oculata selezione e scelta di opere e progetti da ospitare come permanenza in residenza che si muovono tra la tradizione e l’innovazione, prediligendo testi che, da un lato, si inseriscono nel solco dei grandi antecedenti, rispettosi e riconoscenti del passato, dall’altro, sono capaci e si impegnano a guardare oltre per incentivare autentiche forme di promozione umana e di contemporaneità. Nella prima permanenza in residenza di artisti e formazioni (non titolari di residenza), ospita “Officine Jonike delle Arti”, giovane ed emergente compagnia di teatro calabrese diretta da Americo Melchionda e Maria Milasi. Con il progetto di ricerca teatrale dal titolo “South”, ispirato a “Ricorda con Rabbia” di John Osborne, diretto da Americo Melchionda e Maria Milasi, si intende offrire spunti di riflessione su un possibile ruolo della riscrittura drammaturgica all’interno di uno studio di attualizzazione e contemporaneità.

    Obiettivo B

    La residenza vuole essere un’esperienza nuova e originale per sintetizzare il desiderio di trovare un luogo adatto a mettere assieme la sperimentazione artistica con un diverso modo di fruire gli spettacoli dal vivo. La propensione alla sperimentazione nasce dalla volontà di delineare un rinnovamento formale, un ribaltamento di modi espressivi che restituisca alla rappresentazione scenica inedite possibilità di comunicazione. Si tratta di ristabilire il legame reale e attivo tra il pubblico e l’evento teatrale, proponendo una rappresentazione che faccia propri i più svariati sistemi espressivi. Parola, forma, gesto, colore, luce, suono assumono, pertanto, spessori e valenze differenti a seconda dei codici interpretativi dello spettatore al quale, in ultima analisi, spetta la sintesi dello spettacolo.

    Contatti

    Associazione Compagnia Teatro del Carro
    Via Giovanni XXIII, 8 - 88060, Montepaone (CZ)
    Telefono: 348 3125747
    Email: teatrodelcarro@libero.it
    Website: www.teatrodelcarro.it

    38.7313053 16.5391269
    • Teatro di prosa
  • Il TeatroLaCucina inaugurato nel 2008 all’ex ospedale Psichiatrico Paolo Pini, nei locali dell’ex mensa. E’ riconosciuto dal Sistema delle Convenzioni Teatrali del Comune di Milano come teatro con particolare vocazione alla relazione con il territorio e con particolare attenzione alle realtà presenti e agli aspetti sociali. Concentra la propria attività su laboratori, ospitalità, residenza e co-produzione di compagnie (prive di residenza) che svolgono attività di teatro di ricerca con particolare attenzione alle compagnie giovani.

    Obiettivo A

    I progetti scelti in residenza nel 2015, hanno in comune la scrittura originale dei testi, o la rilettura in chiave contemporanea di testi classici. Tre progetti sono dedicati ad under 35. I lavori sono stati ospiti in varie tappe di residenza per tutto l’arco dell’anno, con momenti di prove aperte e accompagnati al debutto.
    "Guardami", Piera Principe danza. Compagnia Punta Corsara (compagnia under 35) "Io, mia moglie e il miracolo" vincitore Festival I Teatri del Sacro 2015. Milena Costanzo "Emily" - dalla vita e le opere di Emily Dickinson; Roberto Rustioni, "Villa dolorosa" debutto al Festiva delle Colline Torinesi; Roberto Rustioni, "Ramayana" (progetto under 35) vincitore Festival I Teatri del Sacro 2015; Sandro Mabellini "Casa di bambola". Compagnia Punta Corsara (compagnia under 35), "Studio nuovo spettacolo".

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Associazione Olinda Onlus
    Via Ippocrate, 45 - 20161, Milano (MI)
    Telefono: 02 66200646
    Email: olinda@olinda.org
    Website: www.olinda.org

    45.5211507 9.1642799
    • Teatro di prosa
    • Danza
  • C.S.C. Anymore è presente nel campo dello spettacolo dal vivo dal 1986 attraverso programmi di formazione e insegnamento della danza (all’interno della struttura, dal 1986 è attiva una scuola di danza con corsi per bambini, ragazzi e adulti), organizzazione di eventi e spettacoli, fornitura di servizi nel campo culturale e dello spettacolo. L’attività principale nell’ambito della promozione della danza è Festival Danza Estate, rassegna annuale di danza contemporanea che giunge nel 2016 alla sua XXVIII edizione.

    Obiettivo A

    Il progetto di residenza si è svolto per 15 giorni consecutivi presso il Teatro Sociale di Bergamo, grazie alla collaborazione con il Comune, e presso la sede del C.S.C Anymore, ospitando l’artista di calibro internazionale Ziya Azazi per la nuova creazione “Bolero”. Lo hanno accompagnato in questo percorso creativo il musicista/performer Claudio Bettinelli, il light designer Mirko Lazovic, il video maker Ozgur Can Alkan e la violinista Meric Firatli. Negli stessi giorni si sono effettuati: una prova aperta per gli addetti ai lavori, un workshop e un incontro con il pubblico presso il Teatro Donizetti di Bergamo. La produzione ha trovato un altro partner interregionale nel Teatro Fonderia Leopolda di Follonica che ha offerto la residenza a novembre poco prima del debutto mondiale. La prima mondiale dello spettacolo ha avuto luogo con successo il 21/11/2015 a Mubai (India). Il debutto europeo dello spettacolo è in programma al Teatro Sociale in doppia replica il 4 e 5 giugno 2016, nell’ambito del XXVIII Festival Danza Estate di Bergamo.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    C.S.C. Anymore
    Via Don Luigi Palazzolo, 23/c - 24122, Bergamo (BG)
    Telefono: 035 224700
    Email: cscanymore@cscanymore.it
    Website: www.cscanymore.it

    45.6904503 9.6661467
    • Teatro di prosa
    • Danza
  • Il Teatro dell'Argine è una compagnia teatrale nata nel 1994. Ha sede a San Lazzaro di Savena (BO) presso l’ITC Teatro, sala da 220 posti con una media annua di 30.000 spettatori e più di 200 giornate di apertura. Gestisce inoltre l’ITC Studio, uno spazio per le arti in cui svolge attività didattica per un utenza trasversale dai bambini agli adulti, dagli amatori ai professionisti, che conta ogni anno più di 4.000 iscritti. Il Teatro dell'Argine produce spettacoli di prosa e di teatro ragazzi, prediligendo la nuova drammaturgia. Nel corso degli anni il Teatro dell’Argine è diventato un punto di riferimento in campo nazionale ed internazionale non solo sul piano artistico (premio della Critica 2006, premio Hystrio alla drammaturgia 2009, premio speciale Ubu 2011, premio Camillo Grandi 2012, premio della Critica 2015, premio Nico Garrone 2015, premio Ubu 2015) ma anche nell'ideazione e realizzazione di progetti speciali legati ai temi interculturali, sociali, educativi e didattici.

     

     

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatro dell'Argine
    Via dei Gelsi, 17 - 40068, San Lazzaro di Savena (BO)
    Telefono: 051 6271604
    Email: amministrazione@teatrodellargine.org
    Website: www.teatrodellargine.org - www.itcteatro.it

    44.4572727 11.3757959
    • Teatro di prosa
    • Danza
  • ALDES è una associazione di artisti e operatori culturali che dal 1993, sotto la direzione di Roberto Castello, produce e promuove opere di sperimentazione coreografica con particolare attenzione alle forme di confine fra danza e arti visive, danza e nuove tecnologie, danza e teatro, realizzando spettacoli, video, installazioni, performances e manifestazioni che hanno come oggetto il corpo, il movimento e la loro rappresentazione. A partire dal 2008 ALDES cura il progetto “SPAM! rete per le arti contemporanee” nella provincia di Lucca, ospitando residenze, una programmazione multidisciplinare di spettacoli, workshop, attività didattiche, incontri. ALDES è sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo/Direzione Generale per lo spettacolo dal vivo e da Regione Toscana/Sistema Regionale dello Spettacolo e dal 2013 è ufficialmente Residenza Artistica (Coreografica) nel quadro della legge toscana per la cultura.

    Tra febbraio e dicembre 2015 il progetto SPAM! di ALDES ha ospitato nelle sale prove di Porcari – oltre alle prove di compagnia degli autori/coreografi ALDES - 15 residenze creative di singoli autori o compagnie ospiti che hanno avviato o proseguito i propri progetti, creando un'occasione di scambio con altri artisti e con la comunità di riferimento di SPAM!, in un processo intrecciato fra produzione, formazione e programmazione. I gruppi/artisti ospiti delle residenze inseriti nel progetto interregionale sono stati 6: Associazione If Prana/Silvia Bennett, Quotidiana.Com, Annika Pannito e Elisa D'Amico, Said Ait El Moumen e Simona Bellino, Giacomo Verde e due degli artisti selezionati dal progetto Luogo Comune: Flora Vannini e Maria Elena Curzi. Alcuni artisti hanno lavorato in sala a un avanzamento dei loro progetti senza incontrare il pubblico, a chi lo ha richiesto invece è stata data la possibilità di presentare i materiali elaborati alla comunità SPAM! e di discuterne in un contesto informale e conviviale con i presenti (progetto Lo Spettatore D'oro).

    Dalla parte dello spettatore - Percorsi guidati per dialoghi tra platea e palcoscenico

    Da gennaio 2016 SPAM! ha iniziato un percorso di prove aperte di artisti in residenza e degli autori ALDES aperto ad un pubblico interessato ad approfondire i processi della creazione di una performance. Dopo ogni presentazione è previsto un dibattito tra artista e pubblico coordinato dalla redazione della rivista web di critica teatrale “Lo sguardo di Arlecchino”.
    La performance contemporanea non è riducibile, né dovrebbe esserlo, alla sola, pur irrinunciabile, dimensione dello spettacolo quale “oggetto” finale da sottoporre al pubblico pagante secondo le consuete ottiche di produzione-consumo. L’opera d’arte performativa, intesa come organismo vivente e dinamico, può affrontare articolati percorsi di gestazione, all’interno dei quali non è raro che gli artisti avvertano il bisogno di un confronto aperto e libero, per poter tentare soluzioni inedite, sperimentare, indagare su forme inconsuete e, al limite, persino sbagliare, se può avere senso una tale espressione.
    E può essere necessario, nel corso della gestazione di un’opera, avere un riscontro, franco e incondizionato (specialmente dal contratto commerciale sotteso dall’ordinario consumo spettacolare) da parte di uno spettatore “speciale”, che si possa sentire coinvolto nella gestazione stessa, che voglia egli stesso mettersi alla prova in uno scambio proficuo con l’artista.
    È in questo senso che la redazione di Lo sguardo di Arlecchino si è messa a disposizione di SPAM! Rete per le arti contemporanee nell’ottica di fornire un costante supporto critico per le molte residenze artistiche ospitate dallo spazio nel semestre febbraio-luglio 2016, offrendosi di gestire gli incontri successivi alle prove aperte (destinate a un numero di spettatori limitato), con almeno due propri collaboratori, eventualmente producendo materiali autonomi da mettere a disposizione nel corso dei suddetti incontri.
    Da febbraio hanno presentato i loro lavori work in progress i seguenti artisti: Giacomo Verde, Irene Russolillo, Zoya Sardashti, Carmen Moreira. Nei prossimi mesi SPAM! ospiterà autori italiani e internazionali tra i quali: Flora Vannini, Francesca Penzo, Francesca Zaccaria, Compagnia Simona Bucci, Kieran Carroll, etc.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    A.L.D.E.S.
    Via Don Minzoni, 34 - 55016, Porcari (LU)
    Telefono: 0583 975089
    Email: info@spamweb.it
    Website: www.aldesweb.org - www.spamweb.it

    43.8307552 10.6176958
    • Danza
  • Archètipo dal 1997 si occupa di produzione e distribuzione di spettacoli dal vivo a livello nazionale; dal 2003 ottiene la direzione artistica del Teatro Comunale di Antella (Bagno a Ripoli, Fi), dal 2013 la qualifica di Teatro di Residenza della Regione Toscana, creando un centro di proposta culturale interdisciplinare fra prosa, danza, video, musica e produzione teatrale oltre a laboratori e spettacoli per le scuole; in passato ha lavorato con non vedenti, detenuti minorenni, con disabili psichici e motori. Il direttore artistico è Riccardo Massai dal 2008 al 2014 regista assistente del M° Luca Ronconi presso il Piccolo Teatro di Milano.

    Obiettivo A

    Progetto Interregionale fra Residenze (Lombardia, Toscana, Piemonte) per sostenere il lavoro della compagnia Riserva Canini. Intento specifico di Archètipo: sviluppare e portare a compimento un progetto, continuato per la triennalità di residenza con la compagnia Riserva Canini. Archètipo che nel 2013 e 2014 ha offerto due residenze per la realizzazione di spettacoli di Riserva Canini, ha inteso continuare a sostenere la compagnia residente per la realizzazione di Little Bang, progetto formativo volto ai ragazzi ed agli adulti realizzato insieme a Campsirago (Lecco) e il Teatro del Lavoro di Pinerolo (TO), con un accordo di collaborazione per la realizzazione del progetto. Infine è programmato un incontro fra le quattro strutture per sviluppi di una programmazione futura.

    Obiettivo C

    I capolavori: progetto di formazione del pubblico
    L' offerta di un percorso di 8 incontri con la lettura di altrettanti racconti di autori del '900 italiano affiancati dal lavoro di due laboratori di formazione del pubblico. Gli autori, interpretati dall'artista Maria Paiato, sono stati: E. Flaiano, T. Landolfi, D. Buzzati, P. Levi, A. M. Ortese, A. Campanile, D. Prato, A. Savinio. L'intento è stato di avvicinare e formare nuovo pubblico giovanile e non, attraverso gli incontri paralleli alle letture, seguiti da un formatore esperto nella didattica dell’ascolto e della visione di Agita e da personale di La matita per scrivere il cielo. L'iniziativa ha avuto il patrocinio de La Sezione Nazionale Scrittori - coordinamento Toscana.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Archètipo Associazione Culturale
    c/o Teatro Comunale di Antella
    Via Montisoni, 10 - 50012, Bagno a Ripoli (Fi)
    Telefono: 055 621 892
    Email: teatro@archetipoac.it
    Website: www.archetipoac.it

    43.726261 11.323692
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
  • SESTO TRAM è il progetto di residenza multipla con sede a Sesto Fiorentino cui fanno parte Company Blu, AttoDue e Teatro della Limonaia

    AttoDue Associazione Culturale di Firenze

    Nasce nel 2010 dalla fusione di Laboratorio Nove di Sesto Fiorentino e CIT-Centro Iniziative Teatrali di Campi Bisenzio. Il nucleo iniziale è operativo dal 1982 come centro di produzione e formazione teatrale. Dal 2013 AttoDue è Compagnia Residente riconosciuta dalla Regione Toscana al Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino. AttoDue gestisce anche il Festival Internazionale Luglio Bambino a Campi Bisenzio e organizza attività dedicate alla formazione di nuovo pubblico e nuove maestranze artistiche.

    Company Blu

    È capofila del progetto di residenza regionale Sesto TRAM, a Sesto Fiorentino, presso il Teatro della Limonaia.
    Composta da Alessandro Certini e Charlotte Zerbey e da vari collaboratori Company Blu è una delle compagnie italiane più innovative per la ricerca e la danza contemporanea degli ultimi decenni.
    Sin dalla sua fondazione (nel 1989) Company Blu danza, forte dalla ricerca e della partecipazione artistica condotta in Europa fin dal 1979, ha sempre ricercato un rapporto diretto con la musica dal vivo, le architetture plastiche estemporanee del corpo - mai cristallizzate in quadri precostituiti - inserendo sempre la struttura coreografica in una scenografia talvolta materialmente teatrale, talvolta virtuale e tecnologica, attenta alle contaminazioni delle arti visive.
    Questo scambio tra background culturali e poetici diversi rende davvero centrale l’interprete, l’esperienza espressiva e la comunicazione dal vivo tra danzatori, musicisti, artisti visivi e spettatori.

    Associazione Culturale Teatro della Limonaia

    Membro del IETM, nasce nel 1987 per gestire l'omonimo spazio a Sesto Fiorentino e, in breve tempo, attraverso il suo progetto più importante (il Festival Intercity che si dedica alla scoperta del teatro internazionale e soprattutto alla nuova drammaturgia) si trasforma in un vero centro teatrale e culturale a livello internazionale. Negli anni il Festival Intercity sviluppandosi abbraccia l'intero anno e si sviluppa in tre fasi, diventando così un trittico artistico: Festival Intercity (autunno), Intercity Scuola di teatro e Intercity Connections, i progetti formativi (novembre - maggio), e InterciTy Winter, la stagione invernale della struttura (gennaio - marzo).

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Via Gramsci 426 - 50019, Sesto Fiorentino (FI)
    Telefono: 055 4206021 - 055 440265 - 055 440852
    Email: info@attodue.net - companyblu@companyblu.it - info@teatrodellalimonaia.it
    Website: www.attodue.net - www.companyblu.it - www.laboratorionove.it - www.teatrodellalimonaia.it

    43.835744 11.2037555
    • Teatro di prosa
    • Danza
  • Settimo Cielo è un organismo nato dall'indipendenza creativa di un gruppo di artisti e operatori per lo sviluppo di produzioni e percorsi progettuali multidisciplinari. Dal 2006, con Medaniene Giovani, realizzato con il contributo dell'Assessorato alla Cultura della Regione Lazio e, in seguito, della Provincia di Roma, in collaborazione con A.T.C.L. (Ass. Teatrale fra i Comuni del Lazio) e l'Unione del Medaniene, inizia un percorso in decentramento per la diffusione della cultura dello spettacolo dal vivo, che porterà a un radicamento dell’Associazione sul territorio a est della Capitale. La continuità e la comunione con i luoghi si riflettono sulla ricerca artistica del gruppo il quale, dal 2010, è titolare di Officina E.S.T. - Officina Culturale della Regione Lazio.

     

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Associazione Settimo Cielo
    Piazza dei Martiri Antifascisti, 1 - 00023, Arsoli (RM)
    Telefono: 333 2014272 - 331 8254599
    Email: officinaest@gmail.com
    Website: www.settimocielo.net

    42.04146 13.016516
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
    • Danza
  • Il Gruppo Jobel, fondato a Roma nel 2000, svolge attività di promozione culturale con particolare attenzione al linguaggio teatrale e dello spettacolo dal vivo. Tali azioni si suddividono in progettualità a tema didattico (laboratori, workshop, seminari) e produttivo (produzione di opere sceniche, distribuzione ed organizzazione di eventi culturali). Dal 2011 inoltre sono avviati diversi progetti di scambio culturale anche con l’estero.

    Sede centrale del Gruppo è il Centro Jobel (Torricella in Sabina- RI), ampio spazio inserito in un suggestivo ambiente naturale, dotato di sale prova e di ambienti per l’ospitalità (foresteria). Dal 2003 il Centro ospita annualmente residenze di giovani professionisti per la realizzazione delle proprie opere artistiche e per percorsi di formazione. Si impegna stabilmente nella promozione della cultura scenica, nella creazione di nuovo pubblico e nella trasmissione di specifiche tematiche dall’elevato valore umano e sociale per mezzo dei linguaggi artistici. Si specializza nella produzione di opere sceniche contemporanee fondate su elementi di ricerca, innovazione e multidisciplinarietà.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Gruppo Arteam Jobel Teatro
    Frazione Colle Migliarino - 02030, Torricella in Sabina (RI)
    Telefono: 0765 735409
    Email: info@gruppojobel.com
    Website: www.gruppojobel.it

    42.2621434 12.8699348
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
  • L’Associazione Culturale Twain dal 2006 è compagnia di produzione Danza con il nome di Cie Twain physical dance theatre e dal 2011 è finanziata dal MiBACT - Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo.

    Parallelamente sviluppa sul territorio Laziale progetti di formazione professionale, formazione del pubblico, residenze artistiche, organizzazione di eventi culturali e rassegne, sostenuti da Regione Lazio, Provincia di Roma, Zetema progetto cultura e Roma Capitale.

    Dal 2008 è Officina Culturale della Regione Lazio per le edizioni OFFicINa0809, OFFicINa1011 (in collaborazione con triangolo scaleno teatro) e OfficinaTwain 14/16 in residenza presso il Centro d'Arte e Cultura della Città di Ladispoli.

     

     

    Guarda il video dell'attività svolta nel 2015/2016 da Twain

    video twain

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Associazione culturale Twain
    Via Settevene Palo - 00055, Ladispoli (RN)
    Telefono: 338 2051200 - 3246105349
    Email: dir.artistica@cietwain.com
    Website: www.cietwain.com

    41.957128 12.0826301
    • Teatro di prosa
    • Danza
  • Il Teatro delle Condizioni Avverse promuove la ricerca e la realizzazione di un Teatro Necessario, radicato nella propria Comunità, capace di farsi portavoce delle necessità culturali e delle emergenze sociali del territorio in cui opera.
    L’Associazione è nata nel 2000 ed opera nell’ambito teatrale, letterario, musicale e pedagogico. Parte del lavoro è incentrato sulla raccolta della memoria orale della Sabina, con laboratori, realizzazione di interviste e video, oltre che di spettacoli.
    Dal 2006 la nostra Associazione è anche Officina Culturale della Bassa Sabina, finanziata dalla Regione Lazio.

     

     

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Associazione culturale Compagnia il Melograno
    Piazza Vittorio Veneto - 02034, Montopoli Sabina (RI)
    Telefono: 0765 24699
    Email: info@condizioniavverse.org
    Website: www.condizioniavverse.org

    42.2450279 12.6933017
    • Teatro di prosa
    • Attività musicali
  • L'Associazione Culturale Teatro Corsaro – Compagnia Giardino Chiuso, opera nel campo delle arti performative dal 1995, attraverso la produzione e ospitalità di spettacoli e l'attività di formazione. Dal 2002 si occupa della programmazione e promozione della stagione di teatro e danza “Leggieri d'Inverno”, presso il Teatro dei Leggieri di San Gimignano (SI), e dal 2013 del Festival “Orizzonti Verticali – Arti sceniche in cantiere”, che si svolge nel mese di luglio sempre nella città di San Gimignano, entrambe le manifestazioni sotto la direzione artistica di Tuccio Guicciardini.

    Obiettivo A

    La Compagnia Giardino Chiuso sostiene il progetto "Esperimento deserto" degli artisti Alessio Martinoli e Laura Bandelloni, attraverso la programmazione di periodi di residenza creativa presso la propria sede, fornendo un sostegno economico, ospitalità, spazi prove, assistenza tenico-organizzativa, strumenti promozionali e la consulenza artistica fornita dalla direzione artistica della Compagnia Giardino Chiuso (Tuccio Guicciardini e Patrizia de Bari). Esperimento deserto è un viaggio alla ricerca di una parola perduta, smarrita, dimenticata, una parola sfuggita magari ad un impiegato distratto che ha trascritto l'ultimo vocabolario in cui è apparsa. Dimenticata dall'ultima voce che l'ha pronunciata, tanto dimenticata che forse non è mai esistita. Nel mese di luglio 2015 il Festival “Orizzonti Verticali “ ha ospitato Il primo studio del progetto basato su una drammaturgia inedita a partire da "Il deserto dei Tartari" di Dino Buzzati.

    Obiettivo B

    Il progetto/festival “Orizzonti Verticali”, si è sviluppato, nel primo triennio, attraverso una tematica che ha costituito il filo conduttore tra tutte le edizioni: quella del 'confronto generazionale' declinato a livello artistico. In quest'ottica programmatica un’attenzione particolare è stata rivolta alle nuove generazioni di artisti, attraverso la programmazione di spettacoli, la coproduzione e la costituzione di residenze creative che sono previste durante l’arco dell’anno nella sede della Residenza Artistica, riconosciuta dalla Regione Toscana, dell’Associazione Teatro Corsaro – Compagnia Giardino Chiuso. L'edizione 2015 del Festival ha ospitato e coprodotto la trilogia "Once Upon a time" di Francesca Foscarini e lo spettacolo "How to do things with words" di Marta Bellu. Quest'ultimo, progetto vincitore di “2014 NP_Sostegno a una nuova produzione", è stato realizzato con il sostegno della rete delle Residenze Artistiche (per la danza) della Regione Toscana.

    Obiettivo C

    Performing Media per la resilienza culturale e l'innovazione sociale è un progetto di formazione avanzata del pubblico che ha l'obiettivo di stabilire una rete di ricerca e di sviluppo nel settore delle arti sceniche, della comunicazione, del turismo esperienziale, del marketing territoriale e dell'innovazione sociale. Un lavoro che si articola tra seminari e laboratori creativi, presentati nello sviluppo del Festival “Orizzonti Verticali”, sia durante l'evento estivo sia in sessioni distribuite nell'arco della stagione. Durante la terza edizione del Festival il progetto è stato sviluppato con la programmazione dei TALK+WALK Incursioni urbane, camminando-parlando di arti sceniche e mondo che cambia, un ciclo di incontri aperti al pubblico sulle “Generazioni a confronto”, volti ad approfondire il rapporto tra le arti sceniche e la contemporaneità con un' attenzione particolare alla scoperta del territorio.

    Contatti

    Associazione Culturale Teatro Corsaro – Compagnia Giardino Chiuso
    Piazza Duomo - 53037, San Giminiano (SI)
    Telefono: 0577 941182
    Email: info@giardinochiuso.com
    Website: www.giardinochiuso.com

    43.4680554 11.0433185
    • Teatro di prosa
    • Danza
  • L' Associazione culturale IdeAgorà ha ideato e dirige il Mirabilia International Circus & Performing Arts Festival. L’Associazione culturale promuove, sostiene e realizza la diffusione delle arti circensi, teatrali, performative, visive, figurative e musicali. Supporta la formazione di figure professionali, sostiene il lavoro degli artisti, promuovendo la collaborazione e il network, anche in ambito internazionale. 
    È co-organizzatore della Piattaforma europea Circus Next, è Polo europeo del circo per l' Italia 2013-2017, all’interno della Stagione Europea di circo contemporaneo sostenuta dalla UE. L'Ente ha supportato in fase di creazione (e spesso di debutto, attraverso il Mirabilia Festival), tra il 2008 e il 2014, 46 compagnie contribuendo a promuovere l' occupazione giovanile e la qualità artistica degli spettacoli.

    Obiettivo A

    Ideagorà, con il progetto di residenze “Terre di Circo”, riconosciuto dagli Enti regionali e ministeriali per il triennio 2015-2017, si pone come strumento di sviluppo e sostegno alle giovani compagnie italiane ed europee, come percorso di azione sul territorio e come elemento di cooperazione interregionale e internazionale. Queste compagnie saranno supportate non solo con l'ospitalità in spazi adeguati a ciascun progetto artistico e a ciascuno stadio di sviluppo, ma saranno anche affiancate da registi, coreografi, drammaturgi di fama internazionale. Il progetto “Terre di Circo” prevede alcuni momenti di diffusione dei progetti artistici, sino ad arrivare poi alla vetrina di scala internazionale, il Festival Mirabilia, che si pone come uno dei più credibili interlocutori in Italia per il circo contemporaneo.

    Obiettivo B

    Le compagnie under 35 sostenute ed ospitate in residenza, oltre ad un percorso di confronto e incontro con artisti del territorio, presenteranno progressivamente work in progress e/o presentazioni e/o anteprime sul territorio al termine di ciascuna residenza. I progetti sostenuti verranno inoltre programmati al Mirabilia Festival, sia con presentazioni per operatori del settore (le Pills Presentations e le Pitch Presentations), sia successivamente come spettacoli in prima nazionale o assoluta, consentendo loro una diffusione a livello nazionale ed europeo.

    Obiettivo C

    Coinvolgimento del territorio tramite residenze, prove aperte, interazione delle compagnie con le realtà locali, sviluppo e modifica materiali scenici in loco presso artigiani locali, incontri con gli artisti, interazione con il progetto Kaleidos (incontri di scuole di circo per l'infanzia con gli artisti), visione filmati con pubblico, interazione con artisti locali e formatori anche nella co-gestione di attività. Coinvolgimento di Non Pubblici e pubblici potenziali tramite azioni mirate, quali attività acrobatiche, spettacoli per disabili, spettacoli nelle prigioni e case di riposo, attività con gli alunni delle scuole e le associazioni del territorio con le compagnie in residenza.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    logo Terre di Circo

    Fossano, Savigliano, Racconigi e Saluzzo (Cuneo)
    Email: art@festivalmirabilia.it
    Website: www.festivalmirabilia.it

    44.3844766 7.5426711
    • Circo contemporaneo
  • La Terra Galleggiante è un progetto teatrale perseguito con tenacia e concretezza, una piattaforma dedicata soprattutto al teatro di figura promuovendo parallelamente la conoscenza, l’estensione e la pratica delle arti sceniche - musica, danza, teatro. Dal 2008 l’associazione si è conquistato il prezioso obbiettivo di accogliere il pubblico in uno spazio stabile per il teatro, ristrutturando un vecchio magazzino nel centro di Pinerolo: il Centro Teatro del Lavoro costituito da una sala teatrale, un ampio spazio laboratoriale e di documentazione e una foresteria. Qui nasce anche nel 2010 il MAAF, Marionett-Art Accademia di Figura, un’accademia per la formazione marionettistica con maestri di fama mondiale.

    Le compagnie in residenze sono state scelte in base alla loro ricerca sulla potenzialità artistica del teatro di figura di lavorare in simbiosi con altri linguaggi artistici. Il contatto da decenni con i percorsi e le vicissitudini di molti giovani artisti italiani e stranieri ci ha portato a verificare l’esistenza di una parte tenace, sebbene minoritaria per ragioni di forza maggiore, che intenderebbe proseguire, seppur nella intrinseca precarietà di tutte le opere artistiche, anche nel teatro di figura un percorso coerente con la contemporaneità e in sincronia con gli altri linguaggi artistici moderni.

    I criteri di composizione del nostro progetto sono sforzi nel trasferire in un territorio di provincia un contesto contemporaneo di eccellenza (poetico e artistico) attraverso uno scambio proficuo e virtuoso tra le spinte più innovative nelle arti visive, nella danza contemporanea, nella produzione video-computer, nella musica classica contemporanea; arti che si potranno confrontare con le nuove e innovative tecniche del teatro delle marionette moderno, dove il concetto di figura può riflettere semplicemente, proprio come nell’arte contemporanea, la metafora di una sensazione.

    Relativamente all’ipotesi di fruibilità uno degli obiettivi delle azioni artistiche con e nel territorio è quello di agire per una relazione e una compartecipazione tra le persone che destabilizzi l’ordine mentale corrente e sorprendere degli spettatori nel loro quotidiano. Si andrà quindi oltre gli spazi consueti: nei corridoi delle scuole, negli spazi pubblici, nei luoghi teatralmente insoliti, sempre con leggerezza e imprevedibilità, sull’onda del sorprendente.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    La Terra Galleggiante
    Via Chiappero, 12 - 10064, Pinerolo (TO)
    Telefono: 0121 794573
    Email: teatro@teatrodellavoro.it
    Website: www.teatrodellavoro.it

    44.8846396 7.332721
    • Teatro di figura
  • Contatti

    Coop. Thalassia
    Via Carmine, 77 - 72100 Brindisi (BR)
    331 3477311 – residenza@cooperativathalassia.it
    www.cooperativathalassia.it

    40.6369455 17.9406171
  • Teatri di Vita è il Centro internazionale per le arti della scena di Bologna. Fondato nel 1992/93, il teatro svolge attività di produzione, promozione, programmazione, formazione e residenza fin dalla sua prima stagione, privilegiando progetti culturali e artistici nell’ambito del contemporaneo. Dalla stagione 1999/2000 ha la sua sede principale nella multisala all’interno del Parco dei Pini e una sede secondaria nel centro storico, adibita principalmente a formazione e residenze.

     

     

     

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

     

    Contatti

    Teatri di Vita - logo

    Via Emilia Ponente, 485 - 40132, Bologna (BO)
    Telefono: 051 6199900
    Email: urp@teatridivita.it
    Website: www.teatridivita.it
     

    44.5151322 11.281604
    • Teatro di prosa
    • Multidisciplinare
    • Danza
  • La Regione Marche ha individuato il Consorzio Marche Spettacolo (soggetto che aggrega tutti i maggiori enti operanti in regione nel settore dello spettacolo e si propone di garantire la migliore funzionalità e lo sviluppo del sistema), quale soggetto attuatore del progetto.
    In sede di prima attuazione ci si è concentrati sullo sviluppo di 2 progetti di residenza ormai storici della nostra regione, curati dai Consorziati:
    AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali per le strutture di “Civitanova Casa della Danza” (Foresteria Imperatrice Eugenia, Teatro Annibal Caro);
    Marche Teatro per le strutture di “Inteatro” (Foresteria e sala prove Villa Nappi, Teatro della Luna).

    Villa Nappi è un edificio storico risalente al XII secolo, una tra le poche residenze in Italia dedicate in esclusiva ad attività di creazione, perfezionamento professionale, ospitalità e produzione artistica. Negli anni sono stati ospitati più di 8.000 artisti provenienti da tutti i paesi del mondo.
    Tra questi: Jan Fabre (Belgio), Mike Figgis (Inghilterra), Eduard Lock (Canada), William Kentridge (South Africa), Alain Platel (Francia), Wim Vandekeybus (Belgio), Joseph Nadj (Francia/Ungheria), Giorgio Barberio Corsetti, Mario Martone, Mauricio Celedon (Cile), Caden Manson (USA), Marco Paolini, Ascanio Celestini, Societas Raffaello Sanzio, Benjamin Verdonck (Belgio).

    Per approfondimenti e informazioni sull'attività, si può consultare il blog residenze.marchespettacolo.it curato dal Consorzio Marche Spettacolo.

    Obiettivo A

    Gli artisti e le formazioni ospitati in residenza verranno selezionati attraverso tre diverse linee:
    1. predisposizione di un invito informale diffuso in Italia e all'estero al fine di ricevere proposte di candidatura;
    2. coinvolgimento di artisti e formazioni direttamente conosciuti dagli operatori coinvolti;
    3. coinvolgimento di artisti e formazioni nato dal confronto con le altre Regioni aderenti al progetto. In favore degli artisti coinvolti verranno attivate azioni di tutoraggio e visibilità pubblica.
    Verrà messa a disposizione una fitta rete di contatti, per individuare possibili coproduttori italiani e stranieri, rendendosi disponibili ad avviare collaborazioni, qualora si presentassero.

    Obiettivo B

    La valorizzazione delle giovani generazioni e degli artisti emergenti (sostegno alla circolazione delle opere e al loro inserimento nel mercato nazionale e internazionale), a livello regionale (anche proseguendo le fruttuose esperienze dei progetti "Matilde. Piattaforma regionale della scena marchigiana" - che accompagna il percorso di giovani artisti tramite un sistema di azioni volte a garantire una stabilità di interventi - e "Game. Bando-vetrina per gli artisti marchigiani under 35"), a livello nazionale e internazionale (anche attraverso la collaborazione dei numerosi e qualificati network a cui aderiscono le strutture coinvolte) avverrà anche attraverso l'uso degli strumenti web esistenti e già ampliamenti conosciuti, assieme allo sviluppo della comunicazione sui social network.

    Obiettivo C

    Le residenze saranno l'occasione per implementare azioni dedicate alle comunità di riferimento, nelle diverse fasce d'età. In continuità con quanto previsto dalla nuova programmazione europea, si intende proporre di volta in volta una serie di attività tese ad approfondire la relazione con il pubblico esistente (migliorando l'offerta dell'esperienza attraverso incontri di approfondimento), ampliare e diversificare il pubblico, coinvolgendolo in processi partecipativi e creativi.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Villa Nappi
    Via Marconi, 77 - 60020, Polverigi (AN)
    Telefono: 071 9090007
    Email: segreteria@marchespettacolo.it
    Website: www.inteatro.it/residenze-creative

    43.5247 13.3976
    • Teatro di prosa
  • Compagnia teatrale che produce spettacoli per adulti e per ragazzi e mantiene una vocazione al lavoro sociale e culturale, sviluppata soprattutto attraverso progetti di residenza artistica e azione sociale in vari territori della Maremma e dell’Amiata; realizza eventi e rassegne tra cui il festival-laboratorio estivo Toscana delle Culture – Laboratorio Internazionale di Teatro, Musica e Arti Visive, giunto nel 2015 alla sua 23a edizione. Per le proprie creazioni si circonda di volta in volta di staff di grande qualità artistica: attori, drammaturghi, musicisti, scenotecnici e light-designer. Molto attiva nelle relazioni internazionali, fonda nel 2011 il Centro italiano dell’ITI-International Theatre Institute/UNESCO e guida il working group europeo PAiR – Performing Arts in Residence, rete di riflessione e lavoro sulle residenze artistiche.

    Progetto costituito da modelli educativi e formativi innovativi, che si sviluppano attraverso moduli didattici brevi, flessibili ed efficaci su un tema dato, che comprendono incontri, visioni, laboratori e soprattutto - suo carattere distintivo - la partecipazione diretta al processo creativo e alla rappresentazione. Per la loro realizzazione si ricerca sempre la relazione con i soggetti istituzionali, educativi e con gli operatori culturali e artistici del territorio.

    Le finalità sono quelle di costituire gruppi di interesse attivi e instaurare relazioni volte ad approfondire temi che riguardano la vita, attraverso le tecniche e la cultura teatrale, innescando nuovi interessi e conoscenze e capacità di lettura critica del reale.
    Il progetto si divide in due direzioni di lavoro:
    1) Archeologie del presente, dedicato sia agli adulti che agli adolescenti: rivisitazioni dei miti classici attraverso l’opera di grandi autori contemporanei, con il coinvolgimento e la partecipazione della comunità locale;
    2) Contro la vita violenta, dedicato agli adolescenti: sulla violenza di genere e il bullismo, attraverso collaborazioni con le Istituzioni e con gli Istituti scolastici ed educativi.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Accademia Amiata Mutamenti
    Piazza Colonna 1 - 58033, Castel del Piano (GR)
    Telefono: 348 4036571
    Email: info@accademiamutamenti.it
    Website: www.accademiamutamenti.it

    42.893438 11.538915
  • C.L.A.P.Spettacolodalvivo dirige dal 2015 il Circuito Multidisciplinare riconosciuto dal MiBACT ed è soggetto di rilevanza regionale per Regione Lombardia.
    L’ente vanta un’esperienza ventennale nella distribuzione, organizzazione e promozione di   teatro, danza e circo contemporaneo.
    Ha organizzato per 10 anni il Circuito Ministeriale per la danza  in Lombardia ed è stato capofila di CULT - Circuito Urbano Lombardia Teatro.
    Dal 2010 fa parte del network Anticorpi XL. È tra i fondatori dell’RTO nato per ideare e organizzare N.I.D. - Nuova Piattaforma della Danza Italiana, di cui è stato capofila nel 2015.

    Gli spazi

    La sede performativa è denominata Spazio Danzarte.

    Oltre a questo luogo gli artisti possono accedere e utilizzare le sale Rudolph Laban, Antonin Artaud e Pina Bausch, dove accanto alle prove e alla creazione è possibile organizzare laboratori.
    Lo spazio denominato Ginger&Fred è l'occasione di incontro e scambio tra gli artisti, gli operatori e il pubblico generico.
    Una delle due segreterie rimane a disposizione per l'utilizzo di internet, pc, materiale d'ufficio.
    Nel luogo chiamato Charlie Chaplin è possibile per gli artisti e le compagnie consultare una libreria e vedere video e filmati.
    Una sala è utilizzata come cucina e due sale come foresteria (per un totale di 6 posti letto).
    Durante la bella stagione è inoltre possibile usufruire di un ampio spazio all'aperto di 200 mq situato al primo piano dell'edificio e utilizzabile per prove e attività performative aperte al pubblico.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Associazione Culturale C.L.A.P.Spettacolo dal vivo
    Villaggio Ferrari 25 – 25124 Brescia (BS)
    Tel. 030 8084751 – 030 2425705
    Email: direzione@claps.lombardia.it
    Website: www.claps.lombardia.it

    45.5230265 10.2279371
    • Multidisciplinare
  • Ghislierimusica intende mettere in atto il principio della libertà nella creazione culturale attraverso le attività di: ricerca sui repertori inediti e rari; creazione, sviluppo e produzione di nuovi progetti, prevalentemente attraverso lo strumento della residenza artistica, in grado di diffondere i risultati delle ricerche attraverso l’attività concertistica dell’ensemble residente Ghislieri Choir & Consort, oppure di progetti di altri ensemble (fra cui ensemble emergenti selezionati in tutta Europa) con una particolare attenzione alla registrazione discografica; networking con altre organizzazioni musicali e creazione di partenariati al fine di massimizzare i risultati artistici e l’impatto dei progetti prodotti; diffusione della cultura musicale tra le nuove generazioni.

    Obiettivo A

    La residenza artistica, di studio o di creazione, rappresenta il modus operandi principale di Ghislierimusica. Le residenze di studio, oggetto del progetto presentato, sono realizzate nel quadro di importanti partenariati europei, su tutti il progetto eeemerging, finanziato dall’UE. Per l’ensemble, la residenza è primariamente un’occasione per affinare la pratica artistica, riflettere sul proprio progetto, individuare nuove strategie di sviluppo e stimolo per l’avvio di una carriera internazionale. Vengono anche proposte azioni di tutoraggio quali: elaborazione e realizzazione di un progetto artistico originale e convincente per i programmatori di festival, comunicazione, management, amministrazione. Per l’organizzatore la residenza rappresenta un’importante occasione di confronto e scambio di best-practice, permette di prendere parte attivamente al rinnovamento generazionale del settore ed è anche un’efficace azione di audience development.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Ghislierimusica
    Piazza Ghislieri, 5 - 27100, Pavia (PV)
    Tel. 0382 3786266
    Email: musica@ghislieri.it
    Website: http://musica.ghislieri.it

    45.1860475 9.1614492
    • Attività musicali
  • TIR Danza agisce nel perimetro della danza contemporanea d’autore e di ricerca. Sperimenta una strategia produttiva stratificata, che si sviluppa in progetti di curatela, residenza, formazione, programmazione, promozione, distribuzione, creazione di contesti dedicati alla danza, come rassegne e incontri, per favorire lo scambio culturale tra artisti, operatori e pubblico.
    Il progetto di TIR Danza è indirizzato – non in maniera esclusiva ma almeno in una sua parte significativa – alla valorizzazione degli artisti che operano con continuità nella regione Emilia-Romagna, sviluppando rapporti di rete nazionali e internazionali con le istituzioni, i partner, gli operatori e il pubblico. Per gli artisti con un’età inferiore ai 35 anni, TIR Danza mette in atto modalità di scouting, con carattere di monitoraggio e sviluppo delle migliori qualità emergenti in ambito coreografico, sul piano regionale e nazionale.

    Obiettivo A

    TIR Danza accoglie coreografi della danza contemporanea, d'autore e di ricerca per periodi di residenza artistica nei teatri di Fiorano Modenese e Bomporto, di cui cura – in collaborazione con le rispettive Amministrazioni Comunali – la programmazione. TIR Danza individua le finalità e gli obiettivi di ciascun progetto in relazione al territorio e alle poetiche degli artisti che si intendono ospitare. Le residenze sviluppate possono essere rivolte alla ricerca e/o alla produzione di un progetto in corso; possono essere collegate a progetti formativi, workshop o progetti di sensibilizzazione intorno ai temi della danza; è inoltre possibile per gli artisti ospiti condividere il proprio periodo di ricerca col pubblico attraverso prove aperte o incontri.

    Obiettivo B

    TIR Danza organizza rassegne, festival e stagioni teatrali in ogni ambito dello spettacolo in collaborazione con le Istituzioni e gli Enti locali per la crescita culturale e sociale delle comunità, avvalendosi anche degli spazi teatrali in gestione presso il comune di Fiorano Modenese e di Bomporto. L'attività di programmazione è gestita, in sintonia con la progettualità generale di TIR Danza, secondo una modalità trasversale che alla presentazione di spettacoli alterna l'organizzazione nel medesimo contesto di residenze, laboratori e incontri col pubblico.

    Obiettivo C

    TIR Danza promuove forme di carattere laboratoriale e pedagogico - condotte da artisti, esperti e operatori - e azioni di sensibilizzazione verso la cultura della danza. In stretto legame con le attività organizzate nell’ambito in cui ha sede, TIR Danza elabora e propone azioni rivolte a specifiche comunità del territorio, alle scuole secondarie di primo e secondo grado, coinvolgendo studenti e insegnanti in percorsi di approfondimento pratici e teorici sulle arti performative. Tra gli obiettivi delle residenze di TIR Danza vi è l’avvicinamento del giovane pubblico, offrendo laboratori teorici-pratici svolti dagli artisti ospiti. Si promuovono inoltre incontri guidati col pubblico, realizzati nell'ambito di progetti specifici (rassegne o residenze).

     

    icona photogalleryVai alla photogallery 

    Contatti

    Tir Danza
    Piazza Ciro Menotti, 8 - 41042, Fiorano Modenese (MO)
    Email: direzione@tirdanza.it
    Website: www.tirdanza.it

    44.5391443 10.8117369
    • Danza
  • La residenza di produzione teatrale I.DRA, Independent DRAma Residence, è un luogo, un’idea ed una modalità di produrre, organizzare e fare teatro.

    La residenza multidisciplinare I.DRA, Independent DRAma Residence, è nata dalla trasformazione di una compagnia di produzione, Teatro Inverso, fondata nel 1999, che ha saputo fare del proprio mondo artistico votato all’onestà intellettuale ed ad una certa scaltrezza imprenditoriale un modus operandi capace di espandersi ben oltre la sfera produttiva. Nel 2008 la compagnia è vincitrice del bando della Fondazione Cariplo ETRE che la trasforma a tutti gli effetti in una residenza di produzione multidisciplinare. Residenza IDra ha due aree di interesse: la produzione e l'organizzazione di eventi secondo un unico progetto artistico. Definire una cifra artistica della Residenza non è stato facile essendo un percorso nuovo anche in Italia. La Residenza ha progressivamente deciso di diminuire il sostegno alla produzione al suo fondatore, Teatro Inverso, a favore di un maggior intervento attraverso bandi, premi e residenze rivolti alle giovane istanze del teatro italiano. La situazione si è ora cristallizzata nella chiusura di Teatro Inverso a favore della creazione di una costellazione di compagnie emergenti che collaborano attivamente con la Residenza, non solo sul piano produttivo, ma anche della formazione e dell’organizzazione di alcuni eventi. Il quadro produttivo è andato di pari passo ampliandosi e diversificandosi: dal teatro ragazzi, alla danza e alla musica, facendo della Residenza una vera realtà multidisciplinare.

    Da questo nuovo assetto è nata anche una riflessione teorica expost sul lavoro produttivo della Residenza. Scegliendo di non seguire il main stream, la Residenza ha promosso nuovi autori, nuove compagnie per il teatro adulti, per il teatro ragazzi, per la danza, per la musica che hanno come comune denominatore l’attenzione allo spettatore. Una ricerca pronta a contaminarsi con linguaggi molteplici ma sempre finalizzata a fornire le chiavi di lettura al fruitore, una progettualità produttiva non autoreferenziale e profondamente connessa con la società civile. Un modus operandi che ha le sue radici nell’abitare un luogo, come la Residenza insegna, nello scendere nel profondo della depressione culturale che viviamo e “sporcarsi le mani” per ritrovare, insieme alla comunità di riferimento, un’eticità del fare teatro prima che un’effimera estetica.

    Obiettivo A

    Residenza IDRA è capofila del progetto CURA in paternariato con altri titolari di residenza in tutta Italia. Il progetto prevede la selezione di almeno cinque compagnie o artisti afferenti a diverse discipline e la relativa attribuzione di dieci residenze artistiche. Il progetto CURA intende fornire agli artisti le condizioni per poter approfondire il proprio lavoro in una prospettiva di apertura e di confronto con altri colleghi, critici ed esperti (non solo nel campo dello spettacolo).

    L'obiettivo è, dunque, quello di stimolare gli artisti ad una ricerca più approfondita dei propri materiali di lavoro prima di incominciare la produzione vera e propria e per questo, per ciascun binomio di titolari di residenza, è prevista la presenza di un tutor che segue l'artista durante la residenza. Gli artisti e le compagnie del progetto CURA vengono selezionati tramite bando pubblico su scala nazionale. Per informazioni ulteriori sullo sviluppo delle residenze, materiali video e fotografici si rimanda al sito dedicato: www.progettocura.it.

    Obiettivo B

    Residenza IDra dedica alla programmazione delle compagnie che ha ospitato in residenza un apposito contenitore - DiscoveryLand – ospitato anche all'interno di WonderLand festival al fine di dare alle compagnie under 35 ed emergenti il massimo della visibilità affiancandole ad altre compagnie affermate e di richiamo. Inoltre, nell'ambito del progetto CURA, è stata prevista, per alcuni attraversamenti, oltre alla permanenza della compagnia in residenza, anche la programmazione di una o più repliche dello spettacolo prodotto presso gli altri titolari di residenza partner del progetto.

    Obiettivo C

    La relazione con il pubblico è da sempre un elemento fondante per Residenze IDRA che crea numerose occasioni informali di connessione tra artisti e pubblico. In primis, ogni residenza prevede un suo momento ad hoc dedicato all'apertura sul territorio che varia da un'apertura del training della compagnia agli artisti del territorio, a una conferenza, un aperitivo, un workshop gratuito, una prova aperta ecc. Sono stati inoltre strutturati due progetti che hanno una valenza particolare perché servono ad educare il pubblico ad una visione dello spettacolo non come prodotto finito ma come processo sempre in fieri, in linea con la filosofia della residenza. In primo luogo NdN: una rete nazionale che promuove un’azione di sostegno alla drammaturgia contemporanea italiana e che ha come scopo quello di mettere in contatto i drammaturghi emergenti con un potenziale pubblico. Tra le molte azioni previste dal progetto, la lettura pubblica drammatizzata dei testi in fieri degli autori è un'azione assai apprezzata a Brescia. Inoltre, su tutto l'arco dell'anno, è importante il lavoro di Idrafactory che facilita l'osmosi tra gli spettatori le residenze dando la possibilità ai vari neofiti attori ed amatori di assistere alle prove delle compagnie in residenza ma anche facendo una diretta attività di educazione del pubblico attraverso il laboratorio Visioni Consapevoli in collaborazione con l'Università Statale di Milano e l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia.

    Contatti

    APS Residenza IDra
    Via Moretto 78 - 25121, Brescia (BS)
    Telefono: 030 291592
    Email: organizzazione@residenzaidra.it
    Website: www.residenzaidra.it

    45.5351323 10.2231624
    • Multidisciplinare
  • ArtedanzaE20 è un’associazione culturale senza scopo di lucro finalizzata allo sviluppo e al sostegno della danza contemporanea e delle arti performative, con particolare attenzione alla Giovane Danza D'Autore. L'associazione promuove iniziative volte alla realizzazione di un centro per la danza e le arti performative contemporanee a livello internazionale, realizza progetti di promozione dello spettacolo dal vivo con attenzione alle nuove tecnologie e alla formazione di nuovo pubblico.

    Un particolare strumento di sostegno degli artisti è la "Residenza Creativa" che da un lato mette a disposizione dell'artista sale prova e assistenza tecnico-scenica, dall'altro offre un' occasione di scambio con altri artisti, produttori e promotori dello spettacolo dal vivo per ricevere feedback utili nello sviluppo del processo creativo.

    Il progetto di residenza può prevedere sostegno economico, ospitalità o gestione di un budget per il progetto. ​ArtedanzaE20 è fondatrice con Dancehaus di Susanna Beltrami e ContART del progetto Dancehaus Più finanziato dal MIBACT per il triennio 2015-2017. Con Dancehaus Più il network realizza progetti sostenuti da regione Lombardia e dal Comune di Milano.

    Presso gli spazi di Via Tertulliano 70, oltre 200 mq di spazi attrezzati e dotati di ogni strumento necessario alla creazione:

    • 6 sale prove 
    • 3 sale prove attrezzate di luci e video proiettore
    • 1 sala prove attrezzata per danze aeree ed acrobatiche
    • 2 uffici
    • 3 spogliatoi
    • servizi igienici ed accessori adeguati

    Una ampia sala viene destinata anche all’accesso del pubblico con una capienza di 99 posti a sedere.
    La sede di via Tertulliano è in regola con la normativa in tema di sicurezza ed antincendio, garantisce inoltre l’accesso a persone diversamente abili.
    www.dhpiu.com/residencies

    45.5021461 9.1805631
    • Multidisciplinare
    • Danza
    • Attività musicali
  • Nasce nel 2002 con il sostegno del Comune di Firenze, sotto la direzione artistica del drammaturgo, regista e sceneggiatore Nicola Zavagli e dell'attrice Beatrice Visibelli. Ha sede a Firenze, dove dirige e gestisce il Teatro delle Spiagge Residenza Artistica della Regione Toscana con attività di formazione (stage e corsi di teatro), attività di produzione (drammaturgia contemporanea e teatroragazzi), attività di programmazione (dal 2010 cartellone di ospitalità, proprie produzioni, serali e matinèe, eventi e mostre) e attività di sostegno ad artisti e compagnie emergenti e non (tutoraggio e concessioni di periodi residenziali).

    Obiettivo C

    Scena Maestra Toscana: laboratorio di formazione del pubblico. Un nuovo modello di drammaturgia e di cittadinanza attiva. Predisporsi a vedere uno spettacolo in modo attivo e consapevole, cogliendo e gustando i linguaggi artistici proposti, i temi affrontati, i risvolti nascosti e le suggestioni che ne derivano, è un’arte parallela e complementare al fare teatro.
    Queste le azioni di formazione:
    A) percorso di visione intergenerazionale scelto nella programmazione del Teatro delle Spiagge (incontri pre e post alla visione di 3 spettacoli dal forte impegno civile);
    B) percorso di visione su Teatro e Sport (prove aperte di nuove produzioni, sul tema della compagnia residente con la formazione di un forum/osservatorio del pubblico cha avrà la funzione di relazionarsi con la compagnia e gli artisti per suggerire impressioni utili al debutto. Conclude un convegno su Drammaturgia e Sport).
    Le azioni saranno condotte da mediatori Agita/Casa dello Spettatore e operatori della compagnia residente.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatri d'Imbarco a.p.s.
    c/o Teatro delle Spiegge
    Via del Pesciolino, 26/a - 50145, Firenze (FI)
    Tel. 055 310230
    Email: segreteria@teatridimbarco.it
    Website: www.teatridimbarco.it

    43.7934617 11.1855174
    • Teatro di prosa
  • Teatro Studio Krypton, in residenza al Teatro Studio di Scandicci dal 1991, basa la sua poetica sull'esplorazione delle tecnologie innovative e della loro applicazione alla scena, in una continua ricerca interdisciplinare su teatro, architettura, arti visive. Alla produzione e ospitalità di spettacoli affianca una cospicua attività laboratoriale e di formazione professionale rivolta prevalentemente alle nuove generazioni, tutoraggi e produzioni di giovani artisti emergenti e attività collaterali di promozione e formazione del pubblico (serate di poesia, convegni, seminari, presentazione di libri...).

    Obiettivo B

    Zoom 2015 - AltroFuturo - Dieci anni
    teatro/danza/performance/musica/laboratori.
    Nel 2015 Zoom raggiunge la decima edizione, un traguardo importante per una piccola, grande rassegna che ha fatto del Teatro Studio un punto di riferimento delle nuove generazioni teatrali italiane. Il programma del 2015 ha offerto un punto d'osservazione privilegiato del giovane teatro nazionale: dalla Sicilia al Veneto, dalla Puglia alla Liguria senza trascurare le nuove eccellenze toscane.
    Dal 4 al 15 novembre sono state ospitate 13 formazioni che hanno presentato 14 spettacoli: 7 compagini emergenti e 6 under 35. Le compagnie ospiti: Clinica Mammut, Carullo-Minasi, Teatrodilina, Barokthegreat, Biancofango, Opera, Mara Cassiani, Dewey Dell, Fosca, Kronoteatro, Teatro Menzatì, Compagni di Viaggio, Fibre Parallele. Il programma è stato arricchito da tre eventi speciali non inclusi nel progetto interregionale: un omaggio a Jon Fosse con lo spettacolo “Inverno” della compagnia Florian Metateatro, il concerto in prima assoluta “Mind out” di Pianokitar, un duo di pianoforte e chitarra elettrica formato da due giovanissimi musicisti e la serata Anticorpi – Progetto eXpLo, in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo onlus in cui tre giovani coreografi hanno presentato le loro creazioni più recenti: Gianluca Girolami, Francesco Colaleo e Nicola Galli.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Teatro Studio Krypton
    Via Donizetti, 58 - 50018, Scandicci (FI)
    Telefono: 055 2345443
    Email: organizzazione@teatrostudiokrypton.it
    Website: www.teatrostudiokrypton.it

    43.7604718 11.1784476
    • Teatro di prosa
  • GMMT dal 1983 è una compagnia di produzione e progetto che utilizza la creazione scenica per pubblici di ogni età, come motore di una più ampia attività di programmazione, formazione e promozione teatrale in una vasta area della toscana centrale intrecciata ad una collaterale attività di distribuzione delle proprie opere in Italia ed all’estero. Il radicamento progettuale territoriale è regolato da convenzioni pluriennali con i comuni che hanno affidato a GMMT la gestione e direzione artistica dei loro teatri comunali: Teatro del Popolo di Castelfiorentino (FI) - sala grande 350 posti e ridotto 150; Teatro comunale Verdi di Santa Croce sull’Arno (PI) - 300 posti; Minimal Teatro a Empoli (FI) - 100 posti; saletta didattica Museo Leonardiano Vinci - 80 posti. GMMT è sostenuto dal MIbac come impresa di produzione dal 1992 e dal 1996 dalla Regione Toscana prima come impresa di produzione e poi come residenza teatrale.

    Obiettivo A

    Conseguentemente all’azione di tutoraggio prevista per l’intero progetto di Residenza 2013-15, utilizziamo questo ulteriore spaccato progettuale per intensificare il ruolo dei teatri abitati anche come spazio rivolto all’accoglienza e tutela di artisti e compagnie. Nel periodo ottobre-dicembre 2015 abbiamo realizzato 35 giornate di ospitalità in residenza della Compagnia Gogmagog, organizzando diversi momenti di incontro fra artisti in residenza e comunità, realtà culturali ed associative del territorio, per aumentare il grado di conoscenza da parte del pubblico potenziale e contestualmente permettere agli artisti di approfondire legami e conoscenza con il territorio temporaneamente abitato. A dicembre 2015 si concluderà anche la residenza della compagnia Zaches, iniziata a luglio e finalizzata alla realizzazione della nuova produzione "Il Minotauro" che ha debuttato in prima nazionale al Minimal Teatro il 18 dicembre 2015.

    Obiettivo B

    Nei teatri in residenza del progetto interprovinciale realizzato da GMMT, nel triennio 2015-17, si è attuata una programmazione nell’obiettivo di promuovere la scena contemporanea, i processi creativi legati all’innovazione drammaturgica e scenica, il ricambio generazionale degli artisti e degli spettatori. Il Minimal Teatro, una delle sale in residenza di GMMT, inaugurato a settembre 2014 ad Empoli, è vocato al teatro contemporaneo e al teatro per le nuove generazioni. Uno spazio strutturalmente predisposto ad incontri, laboratori, workshop, prove aperte, residenze di artisti e compagnie. Ha ospitato da ottobre a dicembre 2015 gli spettacoli di 4 compagnie che hanno nel loro progetto artistico la voglia e vocazione di rivolgere le proprie opere sia a ragazzi e giovani sia ad adulti: Gogmagog con le opere”Babar” e “Matrimonio segreto”; Sacchi di Sabbia con “Sandokan”; Riserva Canini con “Talita Kum” e “Grimm, i guardiani del pozzo”; Zaches con “Il Minotauro” in prima nazionale.

    Obiettivo C

    Un team di operatori, docenti universitari, esperti teatrali, studenti in formazione, che operano insieme a gruppi bersaglio rappresentativi di diverse aree di pubblico con i quali attivare percorsi stabili legati all’educazione alla visione, all’esplorazione di differenti linguaggi scenici, con particolare riferimento al teatro contemporaneo rivolto ai pubblici di ogni età, alla conoscenza dei luoghi di rappresentazione legati alla residenza e, più in generale, al territorio toscano. Le attività sono incontri e laboratori, momenti di visione ed analisi degli spettacoli e le pratiche per una visione attiva. Utilizzo di blog dedicati al progetto come diario di bordo pubblico dell’esperienza, spazio per recensioni, scambio d’informazioni, etc. Nel 2015 sono state prese in esame le pratiche e le opere, destinate a varie fasce di pubblico, presentate dalle compagnie Gogmagog, Riserva Canini e Zaches presso la Sala Minimal Teatro.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Logo Giallo Mare Minimal Teatro

    Via Paolo Veronese, 10 - 50053, Empoli (FI)
    Telefono: 0571 81629
    Email: info@giallomare.it
    Website: www.giallomare.it

    43.718748 10.936109
  • Errare Persona è una Compagnia che opera nel teatro contemporaneo, anche con collaborazioni internazionali. Il lavoro nasce da una commistione di teatro e musica per poi approdare alla ricerca drammaturgica, al teatro antropologico e civile. I componenti - quasi tutti giovani under 35 - provengono da diversi indirizzi di formazione attoriale e artistica. Questa eterogeneità permette al lavoro di essere sempre attento alla ricerca e all’innovazione. Da anni la Compagnia porta avanti un lavoro culturale, di ricerca e spettacolo, sul territorio della Provincia di Frosinone, legando la storia orale al teatro civile.

    Obiettivo A

    Un progetto multidisciplinare con tre compagnie ospiti che sviluppano altrettanti filoni tematici di ricerca creativa: Come vediamo il mondo contemporaneo e i sentimenti (Give Me Back), Migrare (Terra sotto i Piedi), L’Uomo e la sua Ombra (Strana Storia DI Schlemil-Padre Figlio e Sottospirito). Il lavoro prevede integrazione di video e musica, performing art, danza contemporanea, teatro civile e drammaturgia contemporanea, nonché il coinvolgimento della realtà territoriale anche attraverso il metodo delle interviste alla popolazione su temi sociali e civili. Ogni Residenza avrà come esito finale una performance aperta al pubblico. Nell’ambito delle collaborazioni interregionali ed internazionali la compagnia Spazio Disponibile andrà in residenza anche presso l’Arena del Sole di Bologna (gennaio 2016), mentre la Compagnia Sidera Teatro avrà come tutor anche artisti francesi (Cie Mangano Massipe). Il lavoro scaturito dalla residenza della Compagnia Indigena Teatro sarà invece in scena al Teatro dell’Orologio di Roma ad aprile 2016.

    Obiettivo C

    Le azioni di formazione ed educazione del pubblico saranno realizzate attraverso il coinvolgimento degli artisti in residenza, degli operatori del territorio ed i tutor. Prove aperte, incontri e brevi seminari saranno rivolti a diversi target di pubblico: scuole (tra cui anche Accademia di Belle Arti di Frosinone), gruppi di spettatori attivi, persone disabili, migranti. Strumento peculiare di coinvolgimento sarà anche il già citato metodo delle interviste con esiti che confluiranno nel processo di creazione drammaturgica degli artisti in residenza. Per promuovere il confronto interregionale tra le residenze sarà organizzato un incontro incentrato sul Teatro Civile e la Drammaturgia Contemporanea come strumenti di formazione del pubblico che aiutano a recuperare il senso sociale del teatro ed a restituire alle persone il sentimento dell’essere protagoniste del tempo in cui si vive.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Compagnia Errare Persona
    Via Grappelli (Zona Campo Coni) - 03010, Frosinone (FR)
    Telefono: 3274752165
    Email: organizzazione@errarepersona.it
    Website: www.errarepersona.it

    41.6349375 13.3374451
    • Teatro di prosa
  • Sosta Palmizi nasce come compagnia a Torino nel 1985. Nel 1990 la Compagnia Sosta Palmizi si scioglie e parte del suo patrimonio creativo si trasforma dando vita‚ con Raffaella Giordano e Giorgio Rossi in qualità di direttori artistici‚ all’Associazione Sosta Palmizi‚ con sede prima a Torino ed in seguito dal 1995 a Cortona. Sosta Palmizi è una realtà di riferimento importante per la creatività contemporanea, consolidata a livello nazionale e internazionale, che raccoglie intorno alla propria attività, un vasto numero di artisti in modo autentico e organico. 

    L’attività di Sosta Palmizi si sviluppa in molteplici direzioni che partono tutte dall'attività di produzione e residenza che si sostanzia in quella dei suoi direttori artistici ed in quella degli Artisti Associati a cui vengono messi a disposizione luoghi e tempi di residenza, accompagnamento artistico e intellettuale, segreteria amministrativa ed  organizzativa, uso di materiale tecnico in dotazione, contatti e azioni di promozione per la distribuzione nei luoghi più idonei alla sensibilità di ogni soggetto, intervenendo ogni volta in sinergia con i differenti bisogni di ciascun progetto.

    L'obiettivo principale è quello di favorire la nascita di nuovi progetti creativi che sappiano interpretare la contemporaneità e la multidisciplinarietà del linguaggio performativo e dare la possibilità alle nuove generazioni di esprimersi diventando così incubatore di idee e luogo ideale per la creazione. Sosta Palmizi lavora per una residenza come luogo stabile di continuità e crescita artistica che sia in stretta correlazione con il territorio che abita attraverso le attività di sensibilizzazione del pubblico e diffusione del linguaggio performativo.

     icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Associazione Sosta Palmizi
    Località Fratta Santa Caterina, 125 - 52044, Cortona (AR)
    Telefono: 0575 630678
    Email: produzione@sostapalmizi.it
    Website: www.sostapalmizi.it

    43.2799703821 11.9218397141
    • Danza
  • La MaMa Umbria International, residenza artistica e centro studi internazionale è stata fondata nel 1990, da Ellen Stewart, già fondatrice e direttrice artistica del Teatro La MaMa E.T.C. di New York. Nel corso degli anni ha presentato produzioni teatrali, curato eventi e Festival, realizzato programmi di Alta formazione nel campo del Teatro. La MaMa Umbria è membro fondatore del Centro Italiano dell’ITI - Istituto Internazionale (Unesco) e fa parte del Network Europeo PAIR - Performing Arts in Residency.

    Obiettivo A

    Le modalità delle residenze dipendono dalle necessità degli artisti stessi e dal tipo di lavoro che propongono di svolgere. Non esistono prerequisiti fissi, sia il programma e la durata della permanenza sono decisi di volta in volta con gli artisti. Secondo le necessità, le residenze possono essere seguiti da uno o più tutor e alcune delle residenze possono evolvere in vere e proprie co-produzioni. Attraverso la residenza, gli artisti hanno la possibilità di essere inseriti all’interno della rete di relazioni e collaborazioni professionali sia in Italia che all’estero. Essendo un centro internazionale, La MaMa Umbria collabora con una comunità di artisti ed organizzazioni che si estende oltre i confini nazionali. In ogni caso rimane vivo l’impegno di sostenere anche artisti del territorio, giovani emergenti e di favorire scambi che mirano a qualificare il territorio e le professionalità coinvolte.

    Obiettivo B

    Quello della valorizzazione e promozione delle nuove generazioni di artisti è una importante priorità per La MaMa Umbria. Siamo soprattutto interessati a sviluppare percorsi a lungo termine con giovani artisti o gruppi, seguire e sostenere il loro lavoro nel corso di più anni in una sorta di accompagnamento che possa veramente aprire nuovi orizzonti artistici e professionali, promuovendone il lavoro anche fuori dall’Italia. Ci piace pensare che il nostro centro possa diventare per questi artisti emergenti la loro casa artistica, dove tornare ad abitare ogni volta che si ha il bisogno del tempo, dello spazio, della concentrazione e della libertà creativa per avviare o concludere un nuovo percorso produttivo.

    Obiettivo C

    Con queste attività si vuole far sentire la presenza concreta della Residenza nel territorio, lasciando dei segni tangibili, creando un senso partecipazione e condivisione, promuovendo l’idea che l’azione artistica sia necessaria per lo sviluppo armonico e civico delle comunità. Riteniamo sia importante che questo sforzo venga parallelamente sostenuto ed alimentato da un confronto interregionale, europeo ed internazionale fra titolari di Residenze, artisti, operatori e pubblico al fine di consentire uno scambio di pratiche di intervento culturale sui territori, la formazione di nuovo pubblico e una più ampia educazione alla visione dello spettatore.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    La MaMa Umbria International
    Località Santa Maria reggiana, 7/8 - 06049, Spoleto (PG)
    Email: lamamaumbria@hotmail.com
    Website: www.lamamaumbria.org

    42.7412223 12.7385213
    • Teatro di prosa
  • Straligut Teatro nasce nel 2004 con l'obiettivo di creare sul territorio senese un polo attivo e vivace dedicato al teatro contemporaneo.

    Straligut, grazie anche al sostegno delle Amministrazioni Locali, "abita" più spazi: il Teatro dei Rozzi (Siena), il Teatro del Costone (Siena), l'Auditorium della Casa dell'Ambiente (Siena), il Supercinema (Monteroni d'Arbia).

    Le proprie attività spaziano dalla produzione (teatro e teatro per le nuove generazioni) all'organizzazione di Rassegne e Festival, dalla formazione e didattica alla promozione e valorizzazione della scena emergente italiana.

    A partire dal 2009 In-Box e In-Box dal Vivo rappresentano lo strumento principale per mettere il territorio senese in relazione con il sistema teatrale nazionale permettendo a Straligut di diventare un punto di riferimento per le realtà teatrali emergenti.

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

     

    Contatti

    Straligut Teatro
    Via Cassia Nord, 145/8 - 53014 Monteroni d'Arbia (SI)
    Telefono: 0577 374025
    E-mail: info@straligut.it - info@inboxproject.it - info@ilsonar.it
    Website: www.straligut.itwww.inboxproject.it - www.ilsonar.it

    43.2360908 11.4173768
  • Teatro Nucleo è un ente di produzione, formazione, ricerca teatrale, riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna, con sede a Ferrara.

    Fondato nel 1974 a Buenos Aires da Cora Herrendorf e Horacio Czertok con il primo nome di Comuna Nucleo e stabilitosi definitivamente a Ferrara nel 1978, è oggi una realtà composita dove diverse progettualità artistiche operano sul territorio cittadino, nazionale e internazionale, una cooperativa teatrale dove i fondatori e le nuove generazioni di attori e registi operano in sinergia con altre realtà associative e istituzionali.

     

     

     

    icona photogalleryVal alla photogallery

    Contatti

    Teatro Nucleo soc. coop.
    Via Ricostruzione, 40 - 44121, Pontelagoscuro - Ferrara (FE)
    Tel. 0532 464091
    Email: info@teatronucleo.org
    Website: www.teatronucleo.org

    44.8791026 11.6064879
    • Teatro di prosa
    • Danza
  • Il progetto di Armamaxa Residenza per il 2016 presso il Teatro Comunale di Ceglie Messapica nasce e si sviluppa in continuità con l’azione svolta negli anni dal 2008 al 2015, durante i quali l’Associazione Culturale Armamaxa ha svolto un ruolo determinante come attore e attrattore culturale della cittadina messapica realizzando pienamente l’obiettivo di rendere il Teatro Comunale un luogo in cui hanno trovato spazio i nuovi linguaggi espressivi dello spettacolo dal vivo; in cui gli spettatori sentono “proprio” il luogo della rappresentazione ed hanno potuto incontrare proposte di giovani artisti il cui lavoro è stato presentato con la stessa dignità di quello di artisti più affermati; un luogo  della comunità di cui ciascuno si sente “custode” e promotore.
    Il progetto costruito e sviluppato attraverso Art. 45 negli anni 2015 e 2016 è stato un ulteriore approfondimento e sviluppo di tutto il lavoro proposto sul territorio che ha permesso un ulteriore apertura dello spazio teatrale.

    icona photogallery

     

    Vai alla photogallery

     

    Contatti

    Armamaxa
    Teatro Comunale di Ceglie Messapica
    Via S. Rocco, 1- 72013 Ceglie Messapica, Brindisi
    389 2656069 - info@armamaxa.it - www.armamaxa.it

    40.6473519 17.5156045
  • L’Associazione Teatro Buti, gestisce dal 1988, anno della sua riapertura al pubblico, il Teatro F. di Bartolo di Buti ed è strutturata come associazione non riconosciuta senza scopo di lucro.
    Direttore Artistico del Teatro di Buti è Dario Marconcini; l'attività del Teatro di Buti è rivolta all'ospitalità con una stagione teatrale ed il cantiere Piccoli Fuochi, produce spettacoli, ospita rassegne, collabora con la Compagnia del Maggio per il mantenimento della tradizione locale del canto del maggio e del canto in ottava rima.

    Obiettivo C

    La formazione del pubblico a Buti passa (oltre alla fruizione degli spettacoli presentati nella stagione invernale, nel festival “Piccoli Fuochi” e nella rassegna “Teatri di Confine”) in massima parte nelle difesa e mantenimento della cultura del luogo che è il canto del maggio e il canto in ottava rima. Il Teatro è impegnato in prima persona in questo progetto di vivificazione della tradizione che deve tener conto della trasmissione del sapere attraverso un attento e necessario ricambio generazionale. Il Teatro di Buti con queste esperienze si pone come un laboratorio aperto dove un gruppo di professionisti del teatro e di tecnici si confronta coi depositari di quella cultura che è il canto del maggio e il linguaggio dell’ottava cantata, saperi che si tramandano da generazione a generazione, e che è compito di ogni intellettuale saper mantenere.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Associazione Teatro Buti
    Via Fratelli Disperati, 10 - 56032, Buti (PI)
    Telefono: 0587 724548
    Email: teatrodibuti@teatrodibuti.it
    Website: www.teatrodibuti.it

    43.7279063 10.5888384
    • Teatro di prosa
    • Attività musicali
  • Industria Scenica è una giovane impresa creativa under 35 che si occupa di welfare culturale, ideando e realizzando progetti che integrano le arti performative e il video con il sociale e la valorizzazione territoriale, al fine di generare bellezza e benessere.

    Fondata nel giugno 2012 a Milano in forma di cooperativa sociale, Industria Scenica è attiva su 5 linee di servizio: Produzione Teatrale, Drammaturgia di Comunità, Formazione, Tourism Theatre ed Eventi, Circolo Everest.
    Quest’ultimo è la sede attuale di Industria Scenica, storica balera della Martesana nata negli anni ’70 a Vimodrone, ora “piazza al coperto” che accoglie una stagione teatrale, residenze artistiche, serate musicali e danzanti, corsi e laboratori, mostre e seminari. Un luogo di incontro per i cittadini, un centro di sviluppo internazionale di welfare culturale.

    Residenza Multidisciplinare Rifugio Everest
    www.circoloeverest.com/residenza-rifugio-everest
    La residenza multidisciplinare Rifugio Everest ha luogo presso il Circolo Everest di Vimodrone (MI) a pochi passi da Milano.
    Tale residenza si inserisce nel più ampio progetto di riqualificazione urbana e culturale dell’ex balera Dancing Everest (spazio di 600 mq, con più di 40 anni di storia e tra le più importanti sale da ballo della Martesana) quale nuovo polo culturale dedicato alle arti con spettacoli, concerti, mostre, incontri strettamente legati al territorio e alla comunità di riferimento.

    Un centro di creazione e sperimentazione artistica a 360 gradi, gestito da Industria Scenica (con la collaborazione di CoopCel, proprietaria dell’immobile), giovane impresa creativa under 35 che si occupa di cultura ideando e realizzando progetti che integrano le arti performative e il video con la formazione e lo sviluppo personale e ricreativo del singolo e delle comunità.

    Il Circolo Everest consta di una sala principale dove si svolgono gli spettacoli e le prove al  primo piano di 400 mq e provvista di palco e platea con poltroncine rimovibili (per un massimo di 200 posti a sedere).
    Il palco ha una superficie di 4x5 metri ed è dotato di allestimento tecnico audio e luci.
    Nella sala è presente un punto bar, con piccola cucina, a gestione interna di circa 25 mq.
    Della struttura fanno parte anche una seconda saletta, al piano ammezzato, con una dimensione di circa 30 mq utilizzabile per prove e corsi, due sale ufficio comunicanti di 25 mq cadauna ed una stanza adibita a residenza per il pernottamento delle compagnie di circa 25 mq.

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    IS - Cooperativa Sociale Circolo Industria Scenica Onlus
    Via Sant’Anna, 4 - 20090, Vimodrone (MI)
    Telefono: 02 95299528
    Email: info@industriascenica.com
    Website: www.industriascenica.com

    45.51413 9.28206
    • Multidisciplinare
  • Foligno InContemporanea è il progetto di Residenza Multipla a cura di  La società dello spettacolo / Zoe Teatro - Coop GECITE (Spazio ZUT).

    Progetti di residenza artistica multidisciplinare e una rete di spazi culturali nella città di Foligno. La residenza concepita come tempo di ricerca a disposizione della creazione artistica svincolata dal calcolo della produttività.
    Progetti di formazione, performance, studi, seminari, rassegne, connessi alla città e ai luoghi. Un progetto culturale allargato interessato a tutte le dinamiche della scena contemporanea e alla sua diffusione. 

    Zoe Teatro

    Nasce nel gennaio 2003 con l’intento di proporre, organizzare e realizzare eventi culturali legati in particolare al teatro. Zoe Teatro svolge da anni un’intensa attività di formazione teatrale per i giovani e con i giovani, a Foligno ma anche a Ravenna, Santarcangelo, Scampia. La Compagnia Zoe Teatro ha prodotto e distribuito spettacoli teatrali in tutto il territorio nazionale. A partire dal 2014, in collaborazione con ZUT ha dato il via alla rassegna Re:Act.

    La Società dello spettacolo

    È un gruppo di ricerca teatrale nato nel 2007 che a partire dall’opera d’esordio da cui prende nome tratta da Guy Debord, si è dedicato a progetti di drammaturgia contemporanea ispirati a testi filosofici e sociologici. Si occupa di pedagogia e formazione teatrale, cura dal 2009 progetti di riabilitazione dedicati al disagio mentale. Realizza documentari, installazioni, live performance. Le sue produzioni sono ospiti in festival e rassegne nazionali e hanno ricevuto numerosi riconoscimenti (Premio Independents ArtVerona 2014, Premio Scenario per Ustica 2015, Premio Umbria in celluloide PerSo Film Festival 2015, Premio In Box 2016).
    È stata ospitata in  residenza da centri teatrali europei.
    Dal 2015 ha ideato e organizza in collaborazione con Viaindustrie la rassegna internazionale di arti performative Perfoming Santacaterina.

    Spazio ZUT

    È il nuovo spazio gestito dalla Cooperativa Ge.ci.te dedicato ai linguaggi artistici della città di Foligno. Situato nel Palazzo delle Logge, davanti al vecchio Caffè Sassovivo e nella via principale della città, lo Zut è Luogo Comune per la realizzazione di progetti di residenza, di formazione artistica e di produzione legati ai linguaggi del teatro, della danza.

    Foligno InContemporanea è il progetto che unisce l'esperienza di La società dello spettacolo e Zoe Teatro, due “imprese creative” che da anni svolgono il proprio percorso artistico e formativo nell'ambito del teatro, delle arti contemporanee e della cultura, e lo Spazio ZUT, luogo di recente inaugurazione ma già riconoscibile come spazio cittadino legato alla cultura contemporanea. Insieme organizzano e realizzano iniziative volte allo sviluppo e alla promozione di interventi culturali nel territorio umbro per favorire, incrementare e dare sostegno alla ricerca, alla sperimentazione e alla formazione in ambito teatrale e delle arti performative contemporanee.

    Foligno InContemporanea è Residenza Artistica.
    Il progetto prevede come primo obiettivo la mobilità e permanenza degli artisti, attraverso la  realizzazione di varie residenze creative, anche in collaborazione con centri legati all'arte contemporanea provenienti dal panorama nazionale e internazionale e la presentazione pubblica del lavoro svolto durante il periodo di residenza.
    Per la rassegna Performing Santacaterina saranno ospitati progetti artistici selezionati attraverso l'open-call nazionale presentata nella scorsa edizione di ArtVerona' (fiera dell'arte Contemporanea) nell'ambito del progetto Independents6 e progetti di residenza artistica internazionale realizzati in collaborazione con l'associazione ViaIndustriae. Altri progetti realizzati dalle Compagnie e dagli artisti partner della rete internazionale GECO saranno ospitati nello Spazio ZUT.
    Fra gli artisti ospiti nei due centri di residenza della città si segnalano fra gli altri la Compagnia Nerval Teatro, la Compagnie de l'Estuaire (Svizzera), Matteo Angius/Riccardo Festa e Caroline Baglioni vincitrice del Premio Scenario per Ustica 2015.

    Foligno InContemporanea è attenzione alle giovani generazioni e agli artisti emergenti.
    Il progetto prevede infatti iniziative volte alla valorizzazione delle giovani generazioni e degli artisti emergenti, la realizzazione di azioni volte a implementare e favorire l'emersione, la promozione e la circuitazione delle opere teatrali e performative con particolare riguardo  alla creatività giovanile.

    Foligno InContemporanea è spettacolo.
    Il progetto prevede la messa in rete e compenetrazione delle due rassegne Re:Act e Performing Santacaterina, legate al teatro contemporaneo e alle arti performative in tutte le declinazioni dei diversi linguaggi artistici come potenziamento dei progetti creativi e della loro valorizzazione nel circuito nazionale e internazionale.
    Fra gli ospiti delle ultime edizioni all'interno di Re:Act ricordiamo: Muta Imago, Cosentino, la Compagnia Miele/Crocco, il Teatro delle Albe, Nerval Teatro, La Ribalta Teatro e  Daniele Timpano.
    Nei prossimi mesi sono previsti sempre all'interno di Re:Act: la Compagnia OPERA con ECO, e la danzatrice Sayoko Onishi con la Decomposizione dell'Angelo (in collaborazione con il TSU). 
    Performing Santacaterina invece ha presentato le performance di Myriam Laplante,  Sandro Mabellini in collaborazione con Città del Teatro (Cascina), di Kinkaleri, di Lucia Guarino e di Jeff&Sandy Huckleberry direttamente dagli USA.

    Foligno InContemporanea è formazione.
    Il progetto dedica largo spazio alla realizzazione di attività legate alla formazione e all'educazione teatrale in stretta relazione con il territorio per sviluppare e consolidare la funzione ed il valore dello spettacolo dal vivo nelle comunità di riferimento.  In particolare in collaborazione con gli artisti ospitati in residenza si realizzano incontri aperti di discussione e confronto sui processi artistici, i percorsi creativi e le modalità di realizzazione di un’opera performativa a partire dagli spazi, dai progetti e dagli artisti coinvolti.
    Parallelamente si realizzano eventi originali dedicati in particolare alla formazione del pubblico giovane e meno giovane e anche dedicati alle categorie svantaggiate, con il contributo di esperti e studiosi dell'ambito teatrale e artistico. 

     

    icona photogalleryVai alla photogallery

    Contatti

    Spazio ZUT
    Corso Cavour, 83 - 06034, Foligno (PG)
    Auditorium Santa Caterina
    Via Santa Caterina - 06034, Foligno (PG)
    Email: zoeteatro@hotmail.it - info@lasocietadellospettacolo.org - spaziozut.organizzazione@gmail.com
    Website: www.spaziozut.it

    42.9543899 12.7057
    • Teatro di prosa
Azioni sul documento

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali